"IL VERO PROBLEMA IN RAI È IL DILETTANTISMO, NON IL POPULISMO" - PARLA FLAVIO CATTANEO, CHE 15 ANNI FA GUIDÒ LA RAI. ''HA PIÙ DI 1000 GIORNALISTI, MA LA SUA FORZA SI È INDEBOLITA COL WEB - DEVE SCOMMETTERE SULL'INFORMAZIONE PER RECUPERARE CREDIBILITÀ'' - ''I POLITICI DEVONO CAPIRE CHE QUANDO SONO IN MAGGIORANZA DOVREBBERO FARE NORME CHE TUTELINO ANCHE L'OPPOSIZIONE PERCHÉ PRIMA O POI TUTTI DIVENTANO OPPOSIZIONE''

-

Condividi questo articolo

 

Stefano Feltri per ''il Fatto Quotidiano''

 

 

"Il vero problema è il dilettantismo, non il populismo". Flavio Cattaneo, 55 anni, ha guidato negli ultimi cinque anni i treni di Italo, poi Telecom Italia, poi di nuovo Italo che da poco ha venduto a un fondo americano con un incasso personale di 115 milioni di euro.

Soldi che in parte ha reinvestito, insieme agli altri soci storici, proprio su Italo, mentre a settembre partirà con una nuova iniziativa da investitore, un "club deal": con l' aiuto di una rete di privati, vuole rilevare quote di controllo di "aziende che hanno bisogno di trasformazione e crescita o start up come Italo".

flavio cattaneo flavio cattaneo

 

A Italo, dice, "abbiamo costruito, insieme a un gruppo di azionisti visionari e una squadra di manager competenti, una società che da zero è diventata di rilevanza nazionale". Un investimento seguito da una robusta cura manageriale. La stessa che tra 2003 e 2005 ha applicato anche alla Rai, di cui era stato nominato direttore generale dall' allora governo di centrodestra.

 

Flavio Cattaneo, 15 anni dopo la sua gestione, come sta la Rai?

Ha sempre avuto una struttura interna legata all' informazione molto forte, più di 1.000 giornalisti, con una presenza in tutte le Regioni. Ma questa forza si è indebolita a causa della tecnologia, il web ha una capillarità maggiore di qualunque rete di redazioni regionali. Ma la Rai ha un brand riconosciuto come istituzionale e su questo deve scommettere.

 

Errori recenti?

Parlo da una prospettiva manageriale, non politica: per esempio a Rai3, il pur molto competente direttore ha ereditato una rete che negli anni ha abbandonato quella centralità dell' informazione che la caratterizzava, colpa anche del fatto che si confrontava con governi con lo stesso orientamento culturale. Il vuoto nel pluralismo informativo è stato occupato intelligentemente da La7, che si è messa su posizioni critiche.

GIUSEPPE RECCHI FLAVIO CATTANEO GIUSEPPE RECCHI FLAVIO CATTANEO

 

E il resto delle reti Rai?

Quella che ha più difficoltà di posizionamento, secondo me, è sempre Rai2, che non si può davvero considerare una rete per giovani, complementare a Rai1 che parla al pubblico più maturo. Ai tempi della nostra gestione affrontammo il problema con innesti di programmi nuovi: nel 2005 mandammo in onda la prima edizione de l' Isola dei famosi, che nella serata finale toccò punte del 52 per cento di share, più della nazionale di calcio. In ogni mestiere si parte dal prodotto e la televisione non fa eccezione.

 

sabrina ferilli con flavio cattaneo sabrina ferilli con flavio cattaneo

I manager, incluso il nuovo dg Fabrizio Salini, per innovare dovrebbero avere un mandato chiaro dall' azionista, cioè il governo. Abbiamo visto già troppe volte politici che nominano manager indipendenti e poi li scaricano perché hanno fatto scelte nell' interesse dell' azienda e non dei loro mandanti. I politici devono capire che quando sono in maggioranza dovrebbero fare norme che tutelino anche l' opposizione perché prima o poi tutti diventano opposizione.

 

La Rai deve competere con Netflix o essere solo la tv dei discorsi di Mattarella e di Sanremo?

Netflix ha un modello di business che si basa sull' abbonamento mensile a pagamento.

La Rai ha già il canone, non può neanche pensare di mettersi in concorrenza. Sul mercato italiano c' è anche Tim Vision che ha raggiunto numeri importanti. Vodafone ha comprato da Liberty Global il secondo operatore via cavo in Germania. In Spagna Telefònica ha la prima pay tv: la convergenza tra telefonia e contenuti sta già nei fatti.

Marcello Foa Marcello Foa

 

Che spazio resta alla Rai?

La Rai dovrebbe essere una via di mezzo. Deve investire sul suo brand istituzionale, aumentare l' informazione, svecchiare alcuni programmi e valutare la cessione di parti dell' azienda per innescare la competizione tra gli editori, sempre col senso di responsabilità che si richiede a un servizio pubblico.

 

Mediaset sfida Rai e La7 con il rilancio di Rete4 piena di nuovi talk show. Ce la farà?

La Rai è sempre stata regina nella credibilità dell' informazione, mi ricordo Ballarò che faceva il 16-18 per cento. Poi ha perso un po' di smalto. Mediaset ha meno storia dal punto di vista dell' informazione, anche se ha buone competenze per fare un tentativo.

netflix netflix

 

Quando è stato indicato Marcello Foa alla presidenza, molti si sono allarmati per le sue posizioni filo-russe e anti euro. Quanto conta l' orientamento culturale dei dirigenti sulle scelte della Rai?

C' è un differenziale di tempo tra quando si prende una decisione e quando questa diventa efficace. Cambiare un conduttore è facile, cambiare l' identità culturale dell' azienda può essere velleitario.

 

Immaginiamo che si vogliano usare le fiction per dare il messaggio che gli immigrati sono una minaccia e non una opportunità: i risultati si vedranno - forse - fra 3-4 anni, ammesso che ci sia una presa forte sulla struttura da parte dei vertici.

 

Da manager con poco tempo che dieta mediatica segue?

michele santoro con orfeo maggioni e coletta michele santoro con orfeo maggioni e coletta

Mi alzo presto e alle 7 ho già letto 3-4 giornali, per lavoro in Telecom guardavo le principali serie televisive, Breaking Bad, Narcos, La Casa di Carta, studio il prodotto e guardo le trasmissioni di informazione con mia moglie.

Molto spesso mi sono trovato a passare dalla Rai a La7 perché era lì che si sviluppava il dibattito politico.

 

Il tetto di 240.000 euro di stipendio annuo che vale anche per il nuovo dg Rai è un problema o è giusto chiedere a chi lavora per lo Stato di accettare compensi diversi che nel privato?

Le aziende che stanno sul mercato si devono adeguare alle logiche di mercato. Diverso se ci sono enti o istituzioni che non si rivolgono al mercato e possono chiedere un impegno da civil servant, con un compenso limitato o addirittura a titolo gratuito.

gerardo greco gerardo greco

Ma non si può chiedere a chi guida Eni e Enel o Leonardo di essere un civil servant. Se si vuole che la Rai stia sul mercato, si potrebbe prevedere per il capo azienda una base di stipendio bassa e una parte variabile più alta legata a risultati chiari e misurabili da parte dei cittadini.

 

Dove vede del potenziale nel settore dei media, così in affanno?

Sul web ci sono spazi enormi perché i giornali tradizionali ripropongono il giornale di carta in versione digitale, cambia il supporto tecnologico ma non la sostanza. Mentre il web vive di filmati, di immediatezza, poco testo e tanto vissuto diretto. Sono i video l' informazione del futuro.

urbano cairo enrico mentana urbano cairo enrico mentana

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute