REBUS DONNARUMMA: E’ SUL MERCATO MA IL SUO VALORE E’ DIMEZZATO! IL MILAN LO VALUTA 70 MILIONI, RAIOLA RICORDA CHE IL PSG PER IL PORTIERE ROSSONERO NON OFFRE PIU’ DI 30 MILIONI - GIGIO SI È CONVINTO CHE SIA MEGLIO ANDARE VIA. E I TIFOSI A BERGAMO HANNO RIFIUTATO LA SUA MAGLIA

-

Condividi questo articolo

Arianna Ravelli per www.corriere.it

donnarumma donnarumma

 

Forse, l’unica cosa su cui ci si può sbilanciare è come andrà a finire: al momento nessuno riesce a immaginare che Gigio Donnarumma resterà al Milan. Come però si arriverà a quello che oggi appare l’esito più scontato di questa storia tutto sommato triste, è da capire, visto che, per esempio, le valutazioni sull’attuale valore di Donnarumma divergono in maniera netta.

 

«Vale tantissimo, è un patrimonio del Milan e del calcio italiano», è l’opinione espressa a Sky al Premio Gentleman dal ds del Milan Max Mirabelli che però non fa cifre; dall’entourage del ragazzo parlano invece di «valore dimezzato» dopo questa stagione, e questa volta le cifre girano eccome e si fermano a 30 milioni.

 

DONNARUMMA MEME DONNARUMMA MEME

L’impressione è che il percorso per trovare un’intesa sarà lungo e tortuoso, forse anche doloroso, visto che, dopo un’altra prestazione sottotono a Bergamo e l’ennesimo strappo con la Curva, domenica Gigio dovrà affrontare ancora San Siro in una situazione di tensione. Proprio in una partita decisiva per il Milan, che contro la Fiorentina cerca i tre punti per evitare gli scomodissimi preliminari di fine luglio. Proprio nelle condizioni ambientali che Donnarumma ha mostrato di soffrire di più.

BUFFON DONNARUMMA MEME BUFFON DONNARUMMA MEME

 

Gigio si è convinto da un po’ che sia meglio andare via. Ha fatto sua la visione di Mino Raiola e di suo cugino Enzo, che è poi una delle persone con cui trascorre più tempo. I Raiolas hanno sempre avuto sfiducia in questo Milan, hanno più volte dichiarato che si auguravano che Gigio se ne andasse, non sono estranei al diffondersi delle voci dell’interessamento del Psg alla vigilia della finale di Coppa Italia.

 

Per raggiungere quello che considerano il bene del loro assistito — e sicuramente anche il loro — non mancano di rimarcare con frequenza a Gigio tutto quello che a loro avviso non va, insinuandogli dubbi su tutto e tutti, società ma anche staff tecnico. Senza entrare nel merito, è però chiaro che questo atteggiamento al ragazzo non ha fatto bene. Se poi si aggiunge lo screzio tra il ds Mirabelli e il papà Alfonso sul ruolo del fratello Antonio, qualcosa si è rotto. «Gigio fa degli errori perché non è tranquillo», ha detto chiaro Rino Gattuso.

BUFFON DONNARUMMA BUFFON DONNARUMMA RAIOLA DONNARUMMA MEME RAIOLA DONNARUMMA MEME donnarumma donnarumma bonucci esulta alla parata di donnarumma bonucci esulta alla parata di donnarumma donnarumma donnarumma juve milan donnarumma 17 juve milan donnarumma 17

 

donnarumma donnarumma donnarumma donnarumma

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"MALETTONISMO" - MARCELLO VENEZIANI: “I BENETTON NON HANNO PRODOTTO SOLO MAGLIONI E GESTITO AUTOSTRADE MA SONO STATI LA PRIMA FABBRICA NOSTRANA DELL'IDEOLOGIA GLOBAL E TOSCANI E’ STATO IL LORO PROFETA. SOCIETÀ MULTIRAZZIALE, VIA LE BARRIERE OVUNQUE, ECCETTO AI CASELLI, DOVE SI TRATTA DI PRENDERE PEDAGGI - SI È CEMENTATO UN BLOCCO TRA UN CETO PROGRESSISTA CHE FORNISCE IL CERTIFICATO DI BUONA COSCIENZA A UN CETO AFFARISTICO DI CAPITALISTI MARPIONI. PERÒ ALLE VOLTE INSORGE LA REALTÀ…”

business

cronache

sport

VITA, PALLONE E CAMPIONI NEI RICORDI DI EUGENIO FASCETTI: “IL MIO RAMMARICO PIU' GRANDE? LAZIO-VARESE, STAGIONE 1981-82. IO ALLENAVO IL VARESE E COME DS AVEVO BEPPE MAROTTA. DOPO 20 MINUTI ERAVAMO 2-0 MA PERDEMMO 3-2. NOI ERAVAMO LANCIATI PER LA SERIE A, ACCADDERO COSE STRANE E MI FERMO QUI… - SE CASSANO AVESSE AVUTO LA TESTA DI ANTONIO CONTE SAREBBE STATO MOSTRUOSO - ALLEGRI E’ IL PIU’ BRAVO DI TUTTI - DOPO LA GUERRA, ANCHE NEL PALLONE SERPEGGIAVA UNA DERIVA SOCIALISTA E QUANDO ANDAMMO IN UNGHERIA…"

cafonal