ROCCO E LE MOLESTIE: ‘SE VUOI LAVORARE NEL CINEMA, LA DEVI DARE. NEL PORNO SONO GLI UOMINI A DOVER DIMOSTRARE DI 'REGGERE' DURANTE I PROVINI. PARLARE DI VIOLENZA IN ALCUNI CASI È MANCANZA DI SENSIBILITÀ PER LE DONNE STUPRATE DAVVERO. E SU BRIZZI E TORNATORE...’ - M.FELTRI: ‘CHIAMATE LO SCERIFFO, TUTTI IN CELLA E CI SALVI LA PELLE. ABBIAMO IL FIATO SUL COLLO E, A RUOTA, LE TELECAMERE DELLE ‘IENE’’

-

Condividi questo articolo



 

1- CHIAMATE LO SCERIFFO

rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 3 rocco siffredi alla fiera del sesso di berlino 3

Mattia Feltri per la Stampa

 

Chiamate lo sceriffo. La scrittrice Jessica Teich ha accusato di molestie Richard Dreyfuss. Il figlio di Richard Dreyfuss ha accusato di molestie Kevin Spacey. La Warner Bros ha cancellato il nome di Fausto Brizzi da Poveri ma ricchissimi in uscita a Natale, e sarà il primo film della storia senza regista. Ora il cerchio si stringe attorno al cineasta napoletano quarantenne, dopo essersi stretto attorno al cineasta romano quarantenne. Lo sceriffo, alla svelta.

 

TripAdvisor ha annunciato che segnalerà gli hotel e i bed and breakfast dove si sono consumate violenze sessuali, a giudizio inappellabile del medesimo TripAdvisor. Abbiamo il fiato sul collo, e a ruota le telecamere delle «Iene». La saggista Barbara Benedettelli manda in stampa Cinquanta sfumature di violenza in cui invita gli uomini a denunciare per par condicio le loro virago, le loro Santippe d' alcova. Un deputato di Forza Italia vuole i girotondi della sinistra a Cinecittà. A Hollywood si organizza una marcia.

rocco siffredi e selen rocco siffredi e selen

 

Dario Argento dice che la figlia Asia non esce più di casa perché ha paura del Mossad, il servizio segreto israeliano, ma nessuna titubanza: l' Italia è piena di maiali, «fuori i nomi!». In effetti spuntano maiali ovunque, alla Casa Bianca, nelle redazioni, negli spogliatoi di calcio, nelle sagrestie, a Wall Street, nei parlamenti. Fuori i nomi! Vogliono dilungare i tempi delle denunce, inasprire le pene. Chiamate lo sceriffo, santiddìo. Che spari in aria, disperda la folla armata di corda insaponata. Tutti in cella, butti la chiavi e ci salvi la pelle.

 

 

2 - «SE VUOI LAVORARE NEL CINEMA, LA DEVI DARE»

Alessandra Menzani per Libero Quotidiano

 

Sesso e cinema. Rocco Siffredi è il simbolo del porno italiano ma a quanto pare di porno ce n' è di più in quello "normale".

 

asia e dario argento asia e dario argento

Cosa ne pensa dell' inarrestabile bagarre delle molestie sessuali al cinema?

«Come dice anche mia moglie, tutti sanno, tutti hanno sempre saputo. Oggi, purtroppo, se vuoi lavorare nel mondo dello spettacolo a qualcuno la devi dare, prima, dopo o durante. Tutti ci provano. A un regista tante la sbattono in faccia. Mi ha appena chiamato una mia amica pugliese che ha scritto un libro».

 

Cosa c' entra?

«Mi ha detto: per fare questo libro ho fatto un pomp...o all' editore. E' un editore importante, ne avevo bisogno».

 

Avvilente.

«Purtroppo è così. Le violenze sono un' altra storia. Qui parliamo di una normale compravendita. Condivido l' opinione del sessuologo».

 

Morelli?

«Sì. Ogni donna, anche mia moglie, potenzialmente è una prostituta. La prostituzione non è solo quella legata ai soldi e al sesso. C' è anche una prostituzione morale: fare cose controvoglia per ottenere vantaggi. Lo fanno tutti, molti ci stanno male».

 

asia argento harvey weinstein asia argento harvey weinstein

Quindi tutte le attrici si sono date al meretricio?

«No. Ho detto che prima o poi tutte hanno avuto questo problema. Certe sono furbe e fanno finta di dartela. Asia Argento fa la paladina di sto ca**o quando per la carriera ha fatto quello che ha fatto, per perversione personale, con Weinstein ha girato quattro film ma non è riuscita a sfondare. Tante l' hanno data e non hanno ricevuto nulla quindi adesso parlano».

 

Cosa ne pensa di Brizzi?

«Non lo difendo, lui si è preso le sue responsabilità, il mondo è pieno di Brizzi. Tutti ci provano e molte ci stanno ma ci piace vivere nell' idea che non sia così. Colpiscono Brizzi per non colpire i più potenti. Mi dà fastidio che questa onda debba arrivare dall' America di cui adesso stiamo assorbendo la mentalità bigotta».

 

fausto brizzi fausto brizzi

Anche Giuseppe Tornatore è stato accusato di molestie.

«Magari ci avrà pure provato, ma lo sputtani perché ti ha toccato un seno?».

 

Non teme di offendere le donne?

«Le uniche donne per cui penso "poveracce" sono quelle che per fare mangiare i figli fanno le web cam porno di nascosto. Ne conosco molte. Le campagne contro la violenza sulle donne sono fondamentali. E' una mancanza di sensibilità per chi è stata veramente stuprata parlare di violenza in alcuni casi».

 

Nel mondo del porno è stato mai accusato di molestie?

«I casting sono più soft di quelli del cinema, vedo. Devo provinare più gli uomini delle donne. Devo capire se un uomo è in grado di fare un porno, le donne sono tutte brave».

 

Anni fa una giornalista francese, Cécile de Ménibus, l' ha accusata di molestie.

«Eravamo in tv. Il suo mentore, il Chiambretti di Francia, dice: "Rocco, facci vedere le posizioni". Io le ho mimate, lei rideva. Poteva pure dire "Non ti permettere". Dopo 15 anni lei scrive un articolo in cui accusa tutti di molestie. C' ero pure io. Meno male che ha scritto che tutto era avvenuto durante il programma: i video dimostrano il contrario. Pensi se avesse detto che era avvenuto in camerino. Ora qualcuno penserebbe che io sia un molestatore».

TORNATORE TORNATORE

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal