TI VOGLIO SCOPARE, SUL SET! - LARS VON TRIER INIZIA A GIRARE “THE NYMPHOMANIAC”, IL PORNO D’AUTORE IMBOTTITO DI STAR - LA PROTAGONISTA CHARLOTTE GAINSBOURG SI È DETTA DISPOSTA A GIRARE ANCHE LE SCENE DI SESSO VERO CON WILLEM DAFOE IN VERSIONE SADOMASO E SHIA LABEOUF - NON MANCHERÀ NICOLE KIDMAN, MA PER LE SCENE PIÙ BOLLENTI SARANNO USATI VERI ATTORI PORNO - DEL FILM SARANNO FATTE DUE VERSIONI: UNA SOFT PER I CINEMA, UNA HARD PER FESTIVAL E HOME VIDEO...

Condividi questo articolo
LARS VON TRIERLARS VON TRIER

Pedro Armocida per "Il Giornale"

Ma quanto piace a Lars von Trier fare Lars von Trier? Il regista eccentrico e integralista di Idioti e Le onde del destino, quello che prima ha teorizzato il Dogma su come bisogna girare un film e poi l'ha abbandonato lasciando agli altri l'incombenza dei dieci complicati comandamenti (niente luci ma solo illuminazione naturale, nessuna scenografia, la musica deve provenire dal set...).

Quello che, all'anagrafe di Copenaghen il 30 aprile 1956, è solo un Lars Trier e poi nel 1975, «vittima di un'enorme autovenerazione», si trasforma in un più nobile von Trier. Quello che è tutta una fobia, perché non prende l'aereo ed è ipocondriaco. Quello che «capisco Hitler. Ha fatto alcune cose sbagliate, ma posso immaginarmelo seduto nel suo bunker, alla fine... sono solidale con lui, sì, un po'».

LARS VON TRIERLARS VON TRIER

Detto, non si sa bene perché visto che nessuno glielo aveva chiesto, al festival di Cannes dello scorso anno, presentando Melancholia, e diventando così l'unico caso di persona non grata con effetto immediato della più importante manifestazione cinematografica del mondo.

Quello che, non pago, salvo il giorno dopo chiedere scusa per paura che nessuno acquistasse più il film, mentre una delle due protagoniste di Melancholia, Kirsten Dunst, arrossiva stupita e diventava più espressiva che in qualunque interpretazione della sua carriera, ha aggiunto che lo stato di Israele «è un dito nel culo» e che «credevo di avere origini ebraiche ed ero contento, poi ho scoperto le mie origini tedesche. Sono un po' nazista anch'io e sono contento lo stesso».

NICOLE KIDMANNICOLE KIDMAN

Ecco è lo stesso Lars von Trier che tra pochi giorni inizierà a girare The Nymphomaniac. Un titolo, un programma. Perché - spiega il regista - «voglio esplorare l'eros femminile dalla nascita fino ai 50 anni e lo farò senza tabù di sorta». E lo scandalo sarà servito. Visto che, dalle indiscrezioni sulla trama, il film sarà incentrato sul racconto di Joe, una donna che un anziano professore troverà per strada seminuda, in stato confusionale, forse picchiata. Dopo averla portata a casa per curarla, lei per ringraziarlo gli racconterà la storia della sua vita, tutta dedita alla ricerca della soddisfazione sessuale, in otto lunghi capitoli in cui - pare - non ci verrà risparmiato proprio nulla.

The Paperboy nicolekidmanThe Paperboy nicolekidman

Tanto che la rivista Hollywood Reporter ha anticipato che The Nymphomaniac uscirà probabilmente in due versioni, una soft per le sale cinematografiche e una hard per i festival (se qualcuno vorrà ancora invitare il regista) o per il mercato home video. Per interpretare la ninfomane Joe, von Trier ha chiamato la sua musa Charlotte Gainsbourg (con la quale ha già girato Melancholia e soprattutto Antichrist in cui il regista danese s'era fatto le ossa con scene similporno come quella di una penetrazione esplicita che, col senno di poi, appare quasi innocente perché il film si trasforma in uno strambo horror sanguinario con lei a tagliarsi il clitoride con le forbici e poi a colpire con una pietra il di lui pene prima di passare a una masturbazione non proprio piacevole).

SHIA LABEOUFSHIA LABEOUF

Non sorprende quindi che prima di dire sì all'ennesimo film scandalo la Gainsbourg abbia temporeggiato salvo poi dirsi disposta a girare anche le scene di sesso vero. Nel ruolo del professore troveremo Stellan Skarsgård che ha lavorato in quasi tutti i film di von Trier e quindi no problem: «Non ho nessuna esitazione. La mia vita è stare sul set e voglio fare cose interessanti». De gustibus dirà qualcuno. Comunque pare che per le scene più bollenti il regista utilizzerà attori ancora più esperti, quelli pornografici. E la storia si chiude. O forse no.

Charlotte-Gainsbourg-E WILLEM DAFOECharlotte-Gainsbourg-E WILLEM DAFOE

Perché nell'impresa The Nymphomaniac il regista ha arruolato anche star di Hollywood come Shia LaBeouf, l'attore di Transformer appena visto, completamente nudo (si starà preparando?) e barbuto, nel nuovo videoclip del gruppo Sigur Rós, che interpreterà uno degli amanti della ninfomane durante la sua gioventù («Dovrò fare sesso vero per contratto», ha detto ieri).

CHARLOTTE  GAINSBOURG IN ANTICHRIST DI LARS VON TRIERCHARLOTTE GAINSBOURG IN ANTICHRIST DI LARS VON TRIERCHARLOTTE  GAINSBOURG IN ANTICHRIST DI LARS VON TRIERCHARLOTTE GAINSBOURG IN ANTICHRIST DI LARS VON TRIER

O come Nicole Kidman che si ritaglierà un piccolo ruolo nonostante la devastante esperienza di Dogville del 2003 dopo la quale aveva detto che non avrebbe avuto più nulla a che fare con il regista danese. Che qualche strano ascendente sugli attori lo deve proprio avere se, utilizzando solo il telefono, è riuscito ad arruolare nuovamente nell'impresa Willem Dafoe. Ossia l'attore martoriato nelle parti basse in Antichrist. Un sadomasochista?

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

IN PRINCIPIO ERA LA GANJA - NEGLI USA ARRIVA LA PRIMA “CHIESA DELLA CANNABIS”, FONDATA DALLO STRAFATTONE BILL LEVIN, DEFINISCE L’ERBA COME “IL SACRAMENTO DELLA DOTTRINA” - IL 1 GIUGNO IL PRIMO SERMONE IN UNA CHIESA FATTA DI MATTONI DI CANAPA

È l’ultima, folle conseguenza del Religious Freedom Restoration Act, una legge supportata dalla destra americana che riduce i poteri dello stato nel limitare le credenze dei cittadini - Ma come la mettiamo con le leggi contro il consumo? I suoi fedeli potranno fumare marijuana durante le funzioni?...

politica

Matteo Orfini spara ad alzo zero: “È incredibile l’iniziativa della Bindi dal punto di vista istituzionale, giuridico e anche culturale: riporta ai tempi in cui i processi si facevano in piazza aizzando le folle”. Ma anche nella maggioranza molti si chiedono se non sia colpa di Guerini, che non ha saputo fermare De Luca prima delle primarie…

business

cronache

Le ville sono in centro a Milano, a Merate (Lecco), a Nizza Monferrato, ad Anacapri, a Vence (Provenza) e a Megève (Alta Savoia). Secondo l’accusa, la presidente di Expo avrebbe diretto personalmente l’attività di fatturazione irregolare dei lavori. Il suo legale: “Siamo solo alla chiusura indagini e con l’Agenzia delle Entrate abbiamo definito con il ravvedimento operoso”…

sport

Si attendono sviluppi anche dall’inchiesta svizzera. I sette arrestati dell’indagine americana si sono tutti opposti all’estradizione, però secondo la procura svizzera nel giro di sette mesi saranno spediti davanti al Bureau. E a quel punto proprio zitti non potranno stare se vogliono riavere i loro conti bancari…?

cafonal