1. AH, CHE BELLI I TEMPI DEL CAFONAL DELLO SBRACO, QUANDO I POTENTONI POTEVANO SVACCANZARE SERENI, OSTENTANDO VIAGGI E SPIAGGE, LUSSI E WATUSSI IN GIRO PER IL MONDO
2. ORA LE VACANZE VANNO OCCULTATE: COME HA PROVATO A FARE BEPPE GRILLO A MALINDI
3. ANCHE RENZI: SCIAVA CON LA FAMIGLIA A ORTISEI NELLA SPERANZA DI NON ESSERE SGAMATO PER TIMORE CHE LA "GENTE", IL POPOLO DEL WEB, S'INFURIASSE E SPARASSE SULLA “CASTA”
4. EPPURE UNA VOLTA BERLUSCONI FACEVA IL GAGA’ IN SARDEGNA, D’ALEMA CAZZAVA LA RANDA DEL SUO "IKARUS", FINI S'IMMERGEVA ALLE MALDIVE, FORMIGONI SI SPIAGGIAVA AI CARAIBI

Condividi questo articolo

capodanno malindi beppe grillo capodanno malindi beppe grillo

Mattia Feltri per “la Stampa”

 

Quale sarà la fase cinque? Presupposto che la fase uno era: fare vacanze fastose e vantarsene; la fase due: fare vacanze fastose e vergognarsene; la fase tre: fare vacanze frugali ed esibirle; e la fase quattro, quella di oggi, è occultare le vacanze.

 

Al prossimo passo ci si farà fotografare dietro le finestre dell'ufficio, a luce fioca, la notte di Natale? Ma non ci sarà scampo: qualcuno noterà il collasso morale di una classe politica che trascura la famiglia nell'ora sublime degli affetti, e per chissà quali armeggi, e infatti Maria Elena Boschi non s'è proprio vista e, in soddisfazione del paese assetato di sangue, ci tocca di sottolineare la sua assenza.

capodanno malindi beppe grillo capodanno malindi beppe grillo

 

Ecco: morettianamente la si nota di più. Sebbene la si notasse molto nelle estati della gloria sulla spiaggia di Marina di Pietrasanta, tutti a discutere dei ritocchi di photoshop più che di quelli alla Costituzione. Ma non se ne viene a capo se il nuovo premier, Paolo Gentiloni, si è abbandonato al lusso di qualche giorno all'Alpe di Siusi, e s'è imprudentemente lasciato ritrarre a fianco degli alpaca, intanto che un quotidiano d'opposizione (La Verità) si chiedeva che facesse lassù, a spazzaneve, mentre l'Italia è in fiamme.

renzi sugli sci renzi sugli sci

 

Per il resto niente di pervenuto, tranne Matteo Renzi con famiglia a Ortisei, il caschetto e gli sci, e l'ottico tedescofono Werner Kostner che fuori di bottega affigge Nein danke, no grazie, anche per la rendicontazione proposta sempre dalla Verità: una villeggiatura da ventimila euro. In attesa degli scontrini, ci è rimasto il solo Beppe Grillo a Malindi (naturalmente da Flavio Briatore), partito subito dopo aver scritto un post di elogio all' austerità, e cioè sulla virtù di un tozzo di pane se due sono troppi.

 

SILVIO BERLUSCONI CON LA BANDANA IN SARDEGNA SILVIO BERLUSCONI CON LA BANDANA IN SARDEGNA

Ci è rimasto soltanto Beppe a ricordarci quei tempi da paparazzi, tutti in barca, Silvio Berlusconi con amici e groupie in divisa - maglia a strisce da marinaretto, oppure in bianco come tennisti di Wimbledon per la seduta di running dopo l' attracco - e il nome evocativo di Ikarus, il legno di Massimo D'Alema, naturalmente acquistato in regime cooperativo, e pure gli yacht di Roberto Formigoni nei mari del Sud, viaggi giudicati a scrocco dalla magistratura, quando il reato in flagranza di disastro estetico era nello slippino rosso abbinato al marsupio.

 

fini subacqueo resizer fini subacqueo resizer

Potesse, Formigoni darebbe fuoco a quelle foto - maledetto digitale! - perché già eravamo in tempi in cui per il lusso si arrossiva. Per esempio Giovanna Melandri, un' antesignana di Grillo, andò in Kenya nel 2007 allo scopo, diceva, di occuparsi d'un ospedale per baraccati di Nairobi, ma poi fu fotografata nel rapimento della danza in elegantissimo caffettano bianco, ovviamente ospite di Briatore. E il povero Briatore deve continuare a sorbirsi invitati che si vergognano di frequentarlo - lui che in fondo qualcosa ha combinato, ha vinto sette o otto mondiali di Formula Uno.

 

melandri a malindi melandri a malindi

Ma il campione della specialità - vado, incrocio le dita e al massimo cado dalle nuvole - è stato Gianfranco Fini che organizzò un Capodanno alle Maldive, e siccome lo ritrassero nei flutti incontaminati e fra i secchielli di champagne intanto che qui c' era la crisi, lasciò la difesa alla compagna, Elisabetta Tulliani: Siamo partiti per tagliare un traguardo importante: Gianfranco ha compiuto sessant'anni. Non capita tutti i giorni. E bisognò convenire con la signora, perché non capita tutti i giorni nemmeno di compierne cinquantanove, e infatti la coppia era andata alle Maldive anche l' anno prima.

D\'Alema in barca D\'Alema in barca

 

Così si decise di chiuderla con le vacanze transoceaniche - con l'eccezione di Ignazio Marino impegnato nello snorkeling mentre a Roma preparavano la sua decapitazione - così dannose, se documentate, a quella importante dotazione del politico: il consenso. Si passò alla sobrietà, a cominciare dal suo filosofo massimo, Mario Monti, a passeggio a Silvaplana, Svizzera, come un lungodegente tisico di Thomas Mann.

 

FORMIGONI IN BRASILE FOTO ESPRESSO FORMIGONI IN BRASILE FOTO ESPRESSO

Ed era tutto un riposar le membra a Capracotta, pure Berlusconi si recluse per un ferragosto all' aria condizionata di Arcore, Enrico Letta si fece bastare due giorni natalizi a Pisa, Matteo Salvini sul lettino a Rimini, Nichi Vendola a Otranto, roba così da incombente rata del mutuo. Soltanto Angelino Alfano, che è uno sveglio, non comunica la meta del riposo per stringenti misure di sicurezza. Ed è lui a dare la linea: scomparire.

 

FORMIGONI E BEPPE GRILLO AL MARE FORMIGONI E BEPPE GRILLO AL MARE

Chi è decollato per l'America o gli atolli l'ha fatto con occhiali da sole e baffi finti, gli altri chiusi in casa dei genitori e delle sorelle e nemmeno uno scatto con l'iPad da mettere su Instagram, perché sicuramente ci sarebbe stato qualcosa da ridire, sul prezzo dello spumante, sulla marca del golfino, sulla sfacciataggine di un sorriso da brindisi proprio mentre l' Italia brucia. E poi domani si torna al lavoro, a discutere di banche, immigrati, disoccupazione: intanto, meglio aver fatto perdere le tracce.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DAGO-FIXER - IL "PATTO DOPPIO" (ANZI IL "PIATTO DOPPIO"). DA UNA PARTE IL SALVATAGGIO POLITICO (FORZA ITALIA AL GOVERNO) E INDUSTRIALE (ACCORDO MEDIASET-VIVENDI) DI BERLUSCONI; DALL'ALTRA LA CESSIONE DELLA RETE TELECOM A UNA SOCIETÀ PUBBLICA - LO STATO PAGHEREBBE A BOLLORE' UN PREZZO SUFFICIENTE PER COMPRARSI MEDIASET, SUA VERA PREDA MERCATO ITALIANO - L'OPERAZIONE È GIÀ STATA RISERVATAMENTE PRESENTATA AL GOVERNO DA BASSANINI E BERNABÈ - IL SILENZIO ASSORDANTE DEL M5S, IL MAGGIORE PARTITO DI OPPOSIZIONE

cronache

sport

cafonal