COME SI CONSOLAVA BENE, IL CONSOLE - CONDANNATO A UN ANNO E DUE MESI PER VIOLENZA SESSUALE PAOLO DUCCI, EX CONSOLE DI COLONIA - A INCHIODARLO UN VENTENNE DI CENTOCELLE, CHE, NEL GENNAIO 2017, DOPO IL COLLOQUIO RITENUTO MOLESTO LO HA DENUNCIATO: “CERCAVANO STEWARD PER UN EVENTO. MI HANNO CONTATTATO MA QUANDO SONO ARRIVATO MI HA TOCCATO IL…”

-

Condividi questo articolo

Adelaide Pierucci per “il Messaggero”

 

PAOLO DUCCI PAOLO DUCCI

Sul web era girato il pettegolezzo di un presunto piedino a Segolene Royal. Ieri è stato condannato a un anno e due mesi dal gip di Roma con l' accusa di violenza sessuale per aver palpeggiato un aspirante steward giunto al suo cospetto nella speranza di un'assunzione nell'ambito dell' omonima fondazione, con base a Palazzo Cisterna, in via Giulia.

 

A inchiodare Paolo Ducci, ex console di Colonia, appassionato d' arte, nipote di un noto mecenate, un ventenne di Centocelle, che, nel gennaio 2017, dopo il colloquio ritenuto molesto lo ha denunciato.

 

PAOLO DUCCI PAOLO DUCCI

«Ho avvertito il 112 poi mio padre appena sono sceso dalle scale», ha ricostruito il giovanotto. L'incontro, secondo la ricostruzione del pm Erminio Amelio, sarebbe avvenuto in un palazzo ai Parioli, dove il giovane era stato convocato dopo aver risposto a un annuncio su Subito.it. «Cercavano steward per eventi organizzati dalla Fondazione Ducci - ha spiegato il ventenne - Inviato il curriculum mi ha richiamato un uomo a nome di Ducci. La sera della telefonata sono stato ricevuto in una casa».

PAOLO DUCCI PAOLO DUCCI

 

L'ex diplomatico avrebbe offerto al giovane del Porto, poi lo avrebbe invitato a commentare delle opere. «Sia nel passaggio davanti a un dipinto che di fronte a dei reperti di vasellame quel signore elegante si è avvicinato troppo a me, toccandomi, praticandomi una sorta di carezze, fino a quando non ha preso la mia mano... Allora ho reagito con fermezza. Ero rimasto impietrito. Ero lì per un colloquio, non volevo essere sgarbato». Per il pm Elena Neri, titolare dell' indagine, Ducci avrebbe agito «con un gesto fulmineo dopo aver attirato la vittima nella sua casa attraverso un' inserzione di lavoro». L' ex console ha sempre respinto le accuse.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO