DIMMI DI SI’ - ASSECONDARE IL PARTNER NEI SUOI ISTINTI SESSUALI FA DURARE LA COPPIA DI PIU’ - SECONDO LA FEDERAZIONE DI SESSUOLOGIA LO FAREBBE, ANCHE CONTROVOGLIA, IL 50,7% DEGLI ITALIANI - IL 62% DELLE COPPIE SI SCAMBIA BACI E CAREZZE PIÙ VOLTE AL GIORNO MA, IN CASO DI LITIGIO, IL 37,5% SI PRENDE A PAROLACCE E INSULTI

-

Condividi questo articolo

Valentina Arcovio per la Stampa.it

 

SESSO SESSO

Condiscendenti durante i rapporti e comprensivi quando il partner sbircia il proprio smartphone. E’ così che la maggior parte delle coppie italiane mantiene in equilibrio le relazioni amorose. Almeno secondo quanto emerso dall’indagine «Intimità e sessualità», condotta dalla Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica (Fiss), in occasione della quarta edizione della Settimana del benessere sessuale, che parte oggi in Italia e si concluderà venerdì.

 

Lo scopo, anche quest’anno, è di aumentare l’attenzione verso l’educazione sessuale e affettiva in Italia, diffondendo una conoscenza adeguata delle tematiche legate alla sessualità con il supporto delle ricerche in sessuologia scientifica, «per aiutare la persona a trovare il proprio equilibrio attraverso la conquista del benessere».

SESSO SESSO

 

In base ai risultati della ricerca, la maggioranza (50,7%) asseconda «qualche volta» il partner nella sessualità anche quando non ne ha voglia, «spesso» il 22% e «sempre» il 9,5%. Chi dice di non assecondare mai è il 18,5%. Se guardiamo ai dati suddivisi per genere, notiamo che le donne rispondono «qualche volta» con una percentuale molto più alta, circa il 56% rispetto agli uomini con il 36%. Tuttavia, il più del 19% degli uomini afferma di assecondare «sempre» rispetto a poco più del 5 delle donne. 

 

«Nella sessualità – spiega Roberta Rossi, presidente della Fiss - è importante un gioco delle parti e un venirsi incontro che crea il momento di intimità. Assecondare l’altro può essere positivo fintanto che non diventi fare sempre quello che l’altro vuole e non esprimere mai i propri desideri. Le nuove generazioni - la maggioranza di risposte è tra i 20 e 35 anni - sembrano avere acquisito una modalità funzionale ed intima di rapporto a due, ma molti di loro non sono sposati, quindi non vivono la condizione di quotidianità che a volte può incidere sulla comunicazione e sulla disponibilità».

fidanzati fidanzati

 

Il 62% delle coppie italiane si scambia baci e carezze più volte al giorno il 62%, solo il 5% una volta a settimana mentre «molto raramente» l’8,5%. Si trova a proprio agio a parlare di sesso con il partner il 74%, ma il 18% è in imbarazzo. Inoltre, si sente libero di esprimere i propri sentimenti il 49% e “per niente libero” il 12,5%. In generale, ci si sente ascoltati dal partner. 

 

«Spesso» è infatti la risposta che danno (38,4%) alla domanda: «Il tuo partner tiene conto dei desideri sessuali che esprimi?». Raccontarsi fantasie nella coppia lo ritiene utile in ogni caso il 53%. Il 73% dichiara di conoscere le fantasie dell’altro ma le maggioranze fra uomini e donne sono in questo caso diametralmente opposte. Solo il 34,5% degli uomini pensa di conoscere le fantasie dell’altro mentre per lo più, il 65,5%, dichiara di esserne all’oscuro. 

 

spiare nello smartphone spiare nello smartphone

Quando litigano la maggior parte delle coppie – per fortuna - non dà spintoni, calci, schiaffi. Ma molti si insultano. Il 61% assicura di mantenere la calma quando litiga. Da parte del partner, il 37,5% denuncia aggressività verbale (parolacce e offese), per il 7% ci sono gli spintoni, gli schiaffi (3%), le minacce (4%) e il volo di oggetti (3,5%). La frequenza di queste reazioni è a volte per il 44%, quasi mai (36%), spesso (16%). Per fortuna chi ha risposto sempre è solo il 2,84%. Guardando alle risposte che hanno dato a seconda del genere, il 36% degli uomini denuncia l’aggressività verbale del partner, le donne il 30%.  I partecipanti alla ricerca non si dicono infastiditi se il partner dà una sbirciatina ai messaggi sullo smartphone. «Non mi dà fastidio, tanto non nascondo nulla»: è infatti la risposta che hanno dato più persone (58,9%) alla domanda «Il partner guarda il tuo smarthphone o la pagina social. Come reagisci?».

file imbarazzanti sul computer file imbarazzanti sul computer

 

Al 28% dà fastidio e lo manifesta apertamente, la minoranza (13%) è infastidita, ma preferisce tacere. Stessa cosa per la pagina social: circa il 52% dichiara di non controllare perché non interessato, il 22% dice di non farlo anche se sarebbe tentato. Il 15% sbircia solo se ha dubbi sulla fedeltà dell’altro e il 9% ammette di guardare per sentirsi più sicuro. «Si tratta comunque di sfera privata – afferma Rossi -, anche se non c’è nulla da nascondere viene spesso vissuta come un’invasione di campo, è in ballo la fiducia e il rispetto più in generale ed è questo che non si comprende, ritengo che sia sempre buono parlarne, soprattutto se infastidisce, mantenere questi piccoli rancori non aiuta».

bacio 3 bacio 3 INSULTI LITIGI INSULTI LITIGI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

ATTENTI AI NARCISISTI, SONO DEI DISTURBATI MENTALI - MELANIA RIZZOLI: “IL NARCISISMO RIVELA ELITARISMO E INDIFFERENZA NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI - INCLUDE L'EGOCENTRISMO, INDICA VANITÀ E PROBLEMI NEGLI SCAMBI INTERPERSONALI, NEL MANTENERE RELAZIONI SODDISFACENTI, IPERSENSIBILITÀ ALLE CRITICHE E INCAPACITÀ DI VEDERE IL MONDO DA UN PUNTO DI VISTA DIFFERENTE. IL NARCISISTA CREDE DI ESSERE PIÙ IMPORTANTE DI QUANTO LO SIA REALMENTE, SI VANTA DEI SUOI RISULTATI SPESSO ESAGERANDOLI, DETESTA COLORO CHE NON LO AMMIRANO”