DOVEVA ESSERE ESPULSO, INVECE HA ACCOLTELLATO UN POLIZIOTTO A MILANO – BLOCCATO ALLA STAZIONE CENTRALE UN UOMO DELLA GUINEA. CON UN COLTELLO MINACCIAVA I VIAGGIATORI – UN AGENTE FERITO: SALVO GRAZIE AL GIUBBOTTO ANTIPROIETTILE

-

Condividi questo articolo

 

dal Corriere della Sera

 

poliziotto aggredito milano4 poliziotto aggredito milano4

Un immigrato della Guinea è stato arrestato lunedì mattina a Milano dalla polizia, dopo aver tentato di accoltellare un poliziotto nelle adiacenze della Stazione Centrale. L’agente, a quanto si è appreso, è stato protetto dal giubbotto antiproiettile ed ha riportato una ferita lievissima. Poi l’aggressore è stato immobilizzato e arrestato.

 

Secondo quanto si è appreso, l’uomo era stato segnalato armato di coltello nell’area in cui partono le navette per gli aeroporti. Per questo motivo sono intervenute due volanti e quattro agenti. L’aggressore, secondo quanto riferito, era alterato e non aveva documenti addosso. È stato poi identificato come Saidou Mamoud Diallo, 31 anni, con precedenti per lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Inoltre aveva un ordine di espulsione emesso dal questore di Sondrio lo scorso 4 luglio.

 

poliziotto aggredito milano2 poliziotto aggredito milano2

Il fatto presenta alcune analogie con quanto accaduto il 18 maggio scorso sempre in Stazione Centrale, quando il ventenne italo-tunisino Ismail Tommaso Ben Yousef Hosni ferì a coltellate un poliziotto e due militari, durante un controllo. In quel caso il ragazzo risultò aver avuto contatti con ambienti jihadisti.

 

LE URLA IN STAZIONE

A segnalare l’uomo armato che si aggirava nei pressi della stazione è stato un addetto delle navette per gli aeroporti, intorno alle 12.40. Dapprima infatti questo aveva visto il giovane di colore aggirarsi urlando nella zona laterale alla stazione, in piazza Luigi di Savoia, quindi gli ha chiesto se avesse bisogno di qualcosa. Per tutta risposta, lo straniero ha tirato fuori un coltello lungo una decina di centimetri e l’ha minacciato.

poliziotto aggredito milano3 poliziotto aggredito milano3

 

BARRICATI NEL PULLMAN

Gli addetti della navette si sono dovuti barricare nell’autobus per paura di un’ulteriore reazione del giovane, che era visibilmente alterato e continuava ad agitare la lama. Gli occupanti del pullman hanno chiamato la polizia, e intanto l’addetto ha continuato a seguire l’aggressore con lo sguardo per un centinaio di metri, tanto che è stato in grado di segnalare agli agenti in che direzione fosse andato.

 

ATTERRATO

poliziotto aggredito milano1 poliziotto aggredito milano1

Raggiunto in prossimità della Galleria delle Carrozze, l’uomo è stato bloccato dagli agenti ed è stato atterrato. Nel momento in cui si rialzava, già trattenuto, con uno scatto fulmineo è riuscito a colpire alla spalla uno dei poliziotti, che fortunatamente indossava il giubbotto antiproiettile, ferendolo leggermente alla spalla. L’uomo è stato arrestato, mentre l’agente è stato soccorso e portato in ospedale in codice verde.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

‘CARO ANDREA, NON ERI PREVISTO…IO E TUA MAMMA SIAMO ANDATI IN TERAPIA DI COPPIA PER CONOSCERCI MEGLIO’: LE CONFESSIONI PRIVATE DI ALESSANDRO DI BATTISTA NEL NUOVO LIBRO - LUI E SAHRA SI FREQUENTAVANO DA POCHE SETTIMANE: ‘UNA STRAMALEDETTISSIMA PAURA: LEI TEMEVA CHE IO NON L’AMASSI DAVVERO E CHE STESSI CON LEI PER SENSO DEL DOVERE. IO AVEVO PAURA DI ESSERE ABBANDONATO. UNA SERA ME NE ANDAI DI CASA E…’ - ‘IL NO ALLE OLIMPIADI A ROMA LO HA DECISO IL MIO MECCANICO MASSIMO, RIUNENDO SUA MOGLIE MARIA, L'EDICOLANTE, IL FRUTTIVENDOLO, UN PAIO DI PARENTI E UN PENSIONATO’

business

cronache

sport

cafonal