1. “NELLA NOSTRA SOCIETÀ LE DONNE ‘VENDONO’ A CARISSIMO PREZZO LA LORO SESSUALITÀ”
2. LA FILOSOFIA DELLA PORNO DIVA VALENTINA NAPPI: “ANCHE NEI PAESI PIÙ PROGREDITI, LA MAGGIOR PARTE DELLE DONNE AFFERMA DI NON VOLER FAR SESSO SENZA AMORE. MA È UN IMPEGNO ENORME E QUESTO È UN ‘PREZZO’ TROPPO ALTO PER UN RAPPORTO SESSUALE”
3. “LA PORNOSTAR RAPPRESENTA IL SESSO FACILE. PENSA ALLE SCENEGGIATURE IN CUI TI SCOPI IL FATTORINO O L’IDRAULICO. E QUESTO È MALVISTO DALLA MAGGIORANZA DELLE DONNE CHE PRETENDONO UNA DEDIZIONE INFINITA IN CAMBIO DELLA VAGINA. DUNQUE LA PORNOSTAR DEVE ESSERE DIPINTA COME UNA FOLLE, UNA CHE NON STA BENE. SUL CASO MOLESTIE VI DICO CHE...”

Condividi questo articolo



Andrea Coclite per http://www.rollingstone.it

 

valentina nappi rocco siffredi valentina nappi rocco siffredi

August Ames si è impiccata nella sua casa californiana il 5 dicembre, neanche un mese fa. Aveva 23 anni, una grossa carriera nel porno americano – al momento della morte era tra le dieci pornostar più note settore – e un enorme seguito sui social media. E, almeno all’inizio, è proprio nei social che tutti avevano trovato una spiegazione al suo gesto, la sua risposta definitiva alle critiche e agli insulti che ha ricevuto dopo aver rifiutato di lavorare con un attore con un passato nel porno gay. Secondo la ragazza chi lavora in quel settore è sottoposto a meno vincoli di sicurezza dei colleghi etero. Per chi l’ha criticata, invece, la sua era pura e semplice omofobia.

 

valentina nappi 7 valentina nappi 7

Della sua morte si è parlato molto solo negli Stati Uniti. Nelle ore successive all’annuncio, alcune colleghe hanno accusato chi l’ha insultata sui social di avere le mani sporche di sangue, e il fratello James ha pubblicato un lungo post su Facebook dove ha scritto: «Il bullismo si è preso la vita di mia sorella, e io non potrò più riaverla indietro. Il dolore che provo per l’incapacità della gente di tenersi le proprie opinioni è incredibile. Questa cosa mi ha cambiato per sempre».

 

Una volta finito il solito temporale di titoli (e post, che ironia) sui “social che uccidono”, però, la storia si è fatta più complessa: August Ames soffriva di depressione e di un disturbo bipolare, e in un’intervista raccontava delle sue difficoltà a trovare uno psicoterapeuta disponibile a prenderla in cura.

valentina nappi 6 valentina nappi 6

 

Tori Lux ha spiegato che le pornostar devono avere un’immagine pubblica ben stabilita, e che per molti mostrare le proprie fragilità equivale a distruggersi la carriera. Mia Li, la presidente dell’Adult Performer Advocacy Committee, si augura che questa storia possa spingere molti professionisti ad affrontare i loro problemi senza vergogna. Ne abbiamo parlato con chi, come Valentina Nappi, in quel mondo ci ha lavorato per anni. L’intervista è avvenuta via mail.

 

Il suicidio di August Ames ha scatenato molte polemiche nel mondo del porno americano, ma non se n’è parlato quasi per nulla qui in Italia. Secondo te perché? Cosa hai pensato quando l’hai saputo?

Credo non se ne sia parlato quasi per nulla in Italia semplicemente perché August Ames non è famosa in Italia. E di persone comuni che si suicidano nel mondo ce ne sono diverse. Appena ho ricevuto la notizia non ho pensato nulla di particolare: non amo le reazioni ‘di pancia’ e preferisco informarmi anziché farmi idee basate su preconcetti e informazioni approssimative.

 

valentina nappi 5 valentina nappi 5

Secondo la ricostruzione di Rolling Stone America tutto è cominciato con una polemica su Twitter a proposito dei test medici a cui devono sottoporsi gli attori. Ci spieghi meglio come funziona? È vero che alcune aziende obbligano solo a usare il preservativo, ma lasciano libertà sui test?

La quasi totalità delle case di produzione più importanti richiedono i test. In alcuni casi però di fatto il controllo viene lasciato ai performer: mi è capitato ad esempio di dover controllare io in prima persona i test di persone con cui ho lavorato. In genere però mi vengono presentati al momento della firma del contratto. Negli Stati Uniti inoltre abbiamo un’app per verificare lo stato (testato e negativo / non testato o positivo) di tutti i performer del settore.

 

valentina nappi 3 valentina nappi 3

Michael Vegas, un attore che ha difeso pubblicamente August Ames, ha detto che molti agenti diffondono ad arte pregiudizi sullo stato di salute di chi gira scene gay. È vero? Cosa ne pensi?

Ci sono senz’altro pregiudizi sia da una parte (quelli che considerano più pericoloso l’ambito gay) che dall’altra. Sarebbe opportuno che degli specialisti trattassero la questione e divulgassero i risultati. Raccogliere dati di questo tipo e analizzarli in maniera corretta non è banale ed è un lavoro da team di ricerca. Non mi risulta sia stato fatto per il mio settore.

 

Secondo te c’è ancora bisogno di spiegare che non esiste alcuna associazione diretta tra le malattie sessualmente trasmissibili e i rapporti omosessuali?

valentina nappi 1 valentina nappi 1

La correlazione statistica c’è. Ma probabilmente esistono proxy statistici migliori, tenendo presenti i quali si potrebbe prescindere dall’orientamento sessuale. La valutazione del rischio individuale è una disciplina non banalissima e infatti la stessa Food and Drug Administration ha rivisto i precedenti divieti per gli omosessuali maschi relativi alle donazioni di sangue. C’è da dire che ancora oggi esiste il divieto per quegli omosessuali maschi che hanno avuto rapporti nei dodici mesi precedenti la donazione. Il punto però è se tutto questo valga anche nel caso particolare (anzi particolarissimo) del mio settore. Sono necessari studi specifici.

 

VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

Esiste davvero una spaccatura nel porno tra la comunità LGBTQ e quella etero?

Mi sembra che nel porno ci sia grosso modo lo stesso tasso di omofobia che c’è nel resto del mondo.

 

Molti hanno collegato il suicidio della Ames al cyberbullismo. Pensi che sia più difficile per una pornostar gestire i social media?

Non mi sembra una spiegazione plausibile. Il vero cyberbullismo l’hanno subito i presunti bulli, i quali sono stati linciati sui social in maniera indegna di una società civile. I presunti bulli semplicemente avevano evidenziato, forse in maniera un po’ dura, il carattere omofobo del linguaggio di August Ames. Ad ogni modo da una parte e dall’altra è mancato l’atteggiamento analitico proprio della scienza, che è indispensabile quando si toccano questioni così delicate.

VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

 

Chi sono gli hater di una pornostar?

Pornostar diverse possono esprimere idee molto diverse tra loro e spesso opposte, di conseguenza gli hater saranno molto diversi anche loro.

 

E i tuoi?

Dato che generalmente sono su posizioni progressiste, i miei hater sono tendenzialmente conservatori.

 

In una puntata del podcast Holly Randall Unfiltered August Ames ha raccontato di soffrire di depressione e di disturbi bipolari. Tori Lux ha detto che chi lavora nel porno non parla dei suoi problemi perché si comprometterebbe la carriera. Per una pornostar è più difficile parlare in pubblico delle sue fragilità?

In realtà spesso accade il contrario, ma è dovuto soprattutto all’atteggiamento dei media quando raccontano le pornostar: i problemi vengono enfatizzati, si cerca a tutti i costi qualcosa che non va. Ma cose che non vanno forse ce ne sono di più in media nelle vite delle persone ‘normali’.

VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

 

Sembra che per ogni pornostar ci debba essere per forza un trauma passato o problema psicologico. Cosa ne pensi?

Il discorso è questo: nella nostra società le donne ‘vendono’ a carissimo prezzo la loro sessualità; ancora oggi, anche nei paesi più progrediti come quelli scandinavi, la maggior parte delle donne afferma di non voler far sesso senza amore se non in qualche raro caso eccezionale (tutte le evidenze empiriche riportate in articoli peer-reviewed ci dicono questo); ora, l’amore se ci pensi è un impegno enorme, un progetto di vita, e questo è un ‘prezzo’ spaventosamente alto per un rapporto sessuale.

valentina nappi io sto con vale valentina nappi io sto con vale

 

La pornostar invece rappresenta con la propria arte il sesso facile, ‘cheap’ (pensa alle sceneggiature in cui ti scopi il fattorino, l’idraulico ecc.), e questo è mal visto dalla maggioranza delle donne che pretendono, quantomeno in senso allusivo, una dedizione potenzialmente infinita (quello che è chiamato ‘romanticismo’) in cambio della vagina. Dunque la pornostar deve essere dipinta come una folle, una che non sta bene.

valentina nappi valentina nappi

 

Una pornostar ha meno diritto a essere triste?

Direi semplicemente che ha meno diritto di esistere.

 

In un’intervista al Corriere della Sera hai detto che il caso Weinstein è una “caccia all’orco, espressione di un femminismo prude e anti-sesso”, e un’occasione per parlare dei rapporti di potere. In questo articolo l’autrice dice che Weinstein rappresenta l’Occidente. Cosa ne pensi?

Deliri epigonali della peggiore ‘filosofia’ post-strutturalista.

 

Il TIME ha scelto “le donne che raccontano degli abusi” come persona dell’anno. Sei d’accordo?

È il chiacchiericcio del momento. Moda. E rischia di fare danni. Mi disgusta non poco.

valentina nappi valentina nappi valentina nappi (9) valentina nappi (9) valentina nappi (8) valentina nappi (8) valentina nappi (34) valentina nappi (34) valentina nappi (38) valentina nappi (38) valentina nappi (40) valentina nappi (40) valentina nappi (27) valentina nappi (27) valentina nappi (41) valentina nappi (41) valentina nappi (29) valentina nappi (29) valentina nappi (28) valentina nappi (28) valentina nappi (42) valentina nappi (42) valentina nappi (47) valentina nappi (47) valentina nappi (53) valentina nappi (53) valentina nappi (24) valentina nappi (24) VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

 

Condividi questo articolo



media e tv

“IL PROBLEMA DE ‘LA ZANZARA’ È IL TURPILOQUIO” – CRUCIANI SPIEGA COME SI PUÒ CONTINUARE A SPARARLA GROSSA QUANDO LA REALTÀ SUPERA LA FANTASIA: “LA COMUNICAZIONE DI SALVINI È MERAVIGLIOSA. RUSPA ERA PRIMA E RUSPA È ADESSO. DIETRO ‘LA ZANZARA’ C’È UN LAVORO PAZZESCO. SI MESCOLA L’ALTO E IL BASSO. GIOVANARDI PARLA DI CUCCHI, UN FILOSOFO DI CAZZATE, UNA PORNOSTAR DI SQUIRTING” – LE MOLESTIE? “DENUNCIARE DOPO 20 ANNI È RIDICOLO. ANZI, CI TROVO UNA DOSE DI COLPEVOLEZZA…”

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - SONDAGGI, UMORI E ARDORI A DUE SETTIMANE DAL MIDTERM: UNA MANO A TRUMP LA POTREBBERO DARE I PIÙ DI 7MILA CHE MARCIANO VERSO GLI STATI UNITI DAL MESSICO. VE LO IMMAGINATE L'EFFETTO DELL'ESERCITO SCHIERATO A DIFENDERE I CONFINI? UN ALTRO AUTOGOL DEM? - IL GURU NATE SILVER DICE CHE LA CAMERA PER I REPUBBLICANI È PERSA, MA BERNIE SANDERS AMMETTE CHE ''L'ONDA BLU'' SI È GIÀ INFRANTA E SI GIOCA TUTTO SUL FILO - IL PRESIDENTE FA PACE COI REPUBBLICANI MA GIÀ GUARDA AL 2020

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute