MA ORA I GILET GIALLI DOBBIAMO SCIROPPARCELI NOI? - UNA TRENTINA DI MANIFESTANTI FRANCESI, GUIDATI DA MAXIME NICOLLE, SONO STATI BLOCCATI DALLA POLIZIA MENTRE STAVANO PER VARCARE LA FRONTIERA CON L’ITALIA  

-

Condividi questo articolo

gilet gialli 5 gilet gialli 5

(ANSA) - Una trentina di gilet gialli guidati da Maxime Nicolle, alias Fly Rider, presente ieri anche nella manifestazione a Sanremo, sono stati bloccati dalla polizia sul percorso che avevano intrapreso per varcare la frontiera con l'Italia. I circa 30 gilet gialli si erano dati appuntamento allo stadio di Nizza, poi si erano diretti verso l'autostrada A8 per dirigersi a Mentone e verso l'Italia. Sono stati bloccati dalla polizia, compreso Nicolle che tentava di passare in auto.

 

Un massiccio sbarramento di forza dell'ordine è stato predisposto dalla mattina sull'autostrada A8, all'altezza del casello de La Turbie, nei pressi di Montecarlo e anche nei pressi dell'imbocco del porto di Mentone Garavan, a pochi passi dalla frontiera franco italiana. A quanto si apprende - e secondo quanto riportato anche dall'edizione online del quotidiano francese Nice Matin - il vasto servizio d'ordine, che ha visto impegnata pure la gendarmeria, sarebbe stato organizzato per filtrare l'afflusso di gilet jaunes alla frontiera italiana.

gilet gialli 1 gilet gialli 1

 

A un certo punto, l' autostrada è stata del tutto chiusa, con uscita obbligatoria a La Turbie. Lunghe code si sono registrate anche sulla route nationale. "Sono entrato in Francia poco fa - annuncia dal proprio profilo Facebook il segretario della Lega di Ventimiglia, Andrea Spinosi -. Attenzione mega posto di blocco della gendarmerie e della police national direzione Italia all'ingresso porto di Garavan: controlli in uscita Francia sia verso ponte San Ludovico, che verso ponte San Luigi". E aggiunge: "La coda verso Ventimiglia inizia dal Casinò di Mentone. Quindi, almeno quattro chilometri". E conclude: "non ho potuto fare foto del posto di blocco, perché naturalmente i gendarmi me lo hanno impedito. Belin come sono suscettibili, alla faccia della fraternitè".

 

Condividi questo articolo

media e tv

CARRA': "TORNO SU RAI3 CON UN PROGRAMMA DI INTERVISTE MA HO PAURA CHE IL PUBBLICO DOPO UN’ORA IN CUI NON MI VEDE CANTARE, BALLARE E CAZZEGGIARE DICA “CHE PALLE”- BONCOMPAGNI? MI MANCA MOLTO, AVREI VOGLIA DI PARLARGLI, ANDARE DA LUI - SINATRA? NON MI PIACEVA. NON VOLEVO ESSERE LA PUPA DEL GANGSTER. ECCO CHE FINE FECE LA SUA COLLANA – CON ME E JAPINO FURONO MOSTRUOSI. ECCO PERCHE' - ''A FAR L’AMORE COMINCIA TU'' NON L’AVEVO NEANCHE CAPITA. A BRACARDI DISSI: “ANCORA UN’ALTRA SAMBINA?”- VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute