MANCO GLI SCEICCHI – OGNI NOTTE, SOLO CON LA MONNEZZA, IL CLAN DEI CASALESI INCASSAVA 126 MILIONI DI LIRE – PARLA DOMENICO BISOGNETTI, OGGI COLLABORATORE DI GIUSTIZIA: “ABBIAMO INTERRATO 9 MILA QUINTALI DI RIFIUTI – “O BRUTTACCIONE” RACCONTA IN UN LIBRO DEI VIAGGI A MILANO PER GLI ACCORDI CON GLI IMPRENDITORI: CON NOI RISPARMIAVANO IL 40% - IL RACKET DELLE COSTRUZIONI - -

Condividi questo articolo

 

Antonio Crispino per il Corriere della Sera

 

DOMENICO BIDOGNETTI DOMENICO BIDOGNETTI

Ogni notte il clan dei casalesi incassava 126 milioni di lire, solo con il traffico illecito dei rifiuti. C’erano dai venti ai trenta camion che tutte le sere, dal lunedì al venerdì, trasportavano novemila quintali di monnezza che finivano sotterrati nelle cave abusive. A raccontarlo è Domenico Bidognetti, cugino del capoclan Cicciotto ‘e mezzanotte e braccio armato della famiglia mafiosa, oggi collaboratore di giustizia.

 

IL BUSINESS DEI RIFIUTI

In un libro firmato da Fabrizio Capecelatro, «Il sangue non si lava»(ABEditore) , mette nero su bianco il tariffario del clan che grazie alla società Ecologia 89 di Gaetano Cerci (nipote del boss) e le discariche di Cipriano Chianese e Gaetano Vassallo (gestori delle discariche) ha fatto affari d’oro. «Gli imprenditori ci pagavano fra le 180 e le 220 lire al chilo. Nel migliore dei casi, ovvero quelli in cui questi rifiuti venivano effettivamente smaltiti nelle discariche regolari, “Ecologia ‘89” guadagnava fra le 50 e le 90 lire al chilo. Se, invece, venivano sotterrati nelle cave abusive il nostro guadagno arrivava anche a 160 lire al chilo».

 

RIFIUTI TOSSICI1 RIFIUTI TOSSICI1

Bidognetti, detto ‘o Bruttaccione, racconta dei viaggi a Milano insieme a Gaetano Cerci ed Elio Roma (imprenditore del settore trasporti accusato di essere funzionale al clan) per convincere gli imprenditori ad affidare loro lo smaltimento dei rifiuti. «Lì capii che in realtà gli imprenditori facevano soltanto finta di non sapere con chi trattavano il trasporto e lo smaltimento di questi rifiuti, perché gli conveniva, visto che risparmiavano fra il 30 e il 40% rispetto a quello che avrebbero dovuto pagare smaltendoli legalmente». Una volta collaudato il sistema sono gli imprenditori a fare la fila fuori la porta dei casalesi per affidargli il servizio.

 

IL RACCONTO DEL PENTITO DEL CLAN

Giuseppe Setola Giuseppe Setola

Domenico Bidognetti ha iniziato a collaborare con la giustizia nel 2007, dopo sette anni di carcere duro al 41bis. È certamente il pentito più importante all’interno del clan dei casalesi. Un anno dopo la sua collaborazione gli uccisero il padre, Umberto. In televisione, ad Annozero di Michele Santoro, aveva osato invitare gli affiliati a collaborare con la giustizia. Il giorno dopo, la frangia armata guidata da Giuseppe Setola organizzò la vendetta trasversale.

 

Le dichiarazioni di Domenico Bidognetti fanno ulteriore luce anche sul racket alle imprese edili. Sempre più spesso pagavano il pizzo prima ancora che il clan lo pretendesse: «Presentarsi prima offriva loro il vantaggio di avere un risparmio, visto che gli chiedevamo una percentuale del 3%, invece che del 5% sul fatturato». Il controllo capillare del territorio era garantito da vedette pagate appositamente per scovare l’apertura di nuovi cantieri. «Subito veniva bloccato il cantiere mandando un paio di machine a minacciare i lavoratori affinché non lavorassero più… Quando l’imprenditore veniva portato al nostro cospetto, veniva talmente mortificato che spesso finiva con il piangere, in ginocchio».

RIFIUTI TOSSICI RIFIUTI TOSSICI

 

E quell’imprenditore non sarebbe uscito mai più dalle maglie della camorra. «Gli indicavamo noi i fornitori e le imprese a cui dare il subappalto per i lavori collaterali: gli facevamo avere il cemento, il ferro, le ceramiche e anche le piante, se ce ne era bisogno; gli facevamo fare gli scavi, i tramezzi, i pavimenti. Non tralasciavamo nulla, in modo da poter lucrare anche su quei subappalti e così quella percentuale del 3% diventava, per noi, del 10 o del 12%».

FRANCESCO BIDOGNETTI FRANCESCO BIDOGNETTI

 

GLI ARRESTI

Proprio a inizio febbraio scorso la Direzione Investigativa Antimafia di Napoli ha eseguito 31 arresti di affiliati al clan Bidognetti, tra cui le figlie e la nuora di Cicciotto ‘e mezzanotte, capo storico del clan. Secondo l’accusa continuavano a gestire gli interessi economici della cosca nonostante il padre fosse rinchiuso nel carcere all’Aquila.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA