MESSI MALE - UN GRUPPO DI VANDALI SFASCIA LA STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES - ERA STATA INAUGURATA SEI MESI FA PER CONVINCERLO A TORNARE IN NAZIONALE MA È STATA TRANCIATA IN DUE - I TIFOSI INDIGNATI: “E’ UNA VERGOGNA, LA RICOSTRUIAMO”

Condividi questo articolo

Carlos Passerini per il “Corriere della Sera”

 

STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES

L' avevano inaugurata sul Paseo de la Gloria il 28 di giugno, due giorni dopo il suo clamoroso adiòs alla Nazionale argentina, poi revocato. «Grazie per la tua umiltà e il tuo talento, caro Messi» aveva detto con una certa solennità molto argentina il sindaco di Buenos Aires, Horacio Rodriguez Larreta, mentre alzava il velo, aggiungendo poi un' infelice previsione: «Vedrete, Leo durerà ancora a lungo».

 

Lui sì, la statua no. Qualcuno l'ha tranciata a metà all' altezza del busto lasciando invece intatte quelle degli altri padri della patria sportiva, da Ginobili a Vilas, dalla Sabatini a Fangio. I colpevoli, rimasti ignoti, hanno vandalizzato solo la Pulce.

STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES

 

A guardare le fotografie che in queste ore stanno facendo il giro del mondo via web non si capisce nemmeno che quella era una riproduzione a grandezza naturale, 170 centimetri, del più grande calciatore vivente. Solo una massa di bronzo informe. Gli argentini, sensibili a simboli e simbolismi, sono indignati e hanno gridato all' iconoclastia: «Una vergogna» ha scritto il quotidiano sportivo Olé , mentre il Clarín ha assicurato che «il governo cittadino ha già dato mandato di cominciare immediatamente i lavori di rifacimento».

 

STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES STATUA DI LEO MESSI A BUENOS AIRES

Brutto gesto insomma, che magari non avrà levato il sonno a Messi ma che di sicuro non gli avrà fatto piacere, soprattutto nel giorno in cui Cristiano Ronaldo gli ha soffiato, con merito, il premio Fifa di miglior giocatore al mondo. Alla cerimonia di Zurigo non si è nemmeno presentato, né lui né i suoi compagni del Barça, alle prese con un momento delicatissimo: il Real Madrid sta scappando.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA