TIRA PIU’ IL PELO - A OSTIA UN 22ENNE RUBA UNA LOZIONE PER CAPELLI DAL SUPERMERCATO MA È CALVO - AVEVA UN GIACCONE CON DECINE DI TASCHE: UN MAXI-MARSUPIO DOVE AVEVA INFILATO 18 TUBETTI DI GEL - IL GIUDICE LO HA CONDANNATO A OTTO MESI

-

Condividi questo articolo

Enrico Lupino per “il Messaggero”

 

FURTO AL SUPERMERCATO FURTO AL SUPERMERCATO

Ruba 18 tubetti di gel ma gli manca la materia prima per applicarlo. Era rasato ma doveva avere un diavolo per capello il giovane classe '96 che si aggirava per gli scaffali del punto vendita ostiense Risparmio Casa. L' imputato di furto è finito dritto al processo per direttissima a piazzale Clodio dove il giudice, dopo aver convalidato l' arresto, ha proceduto con l' abbreviato.

 

I molti precedenti per reati contro il patrimonio che gravavano sulle spalle del ragazzo di origini siciliane hanno spinto il giudice a decidere per la pena di otto mesi di reclusione. Sono le quattro di pomeriggio quando in via Costanzo Casana il 22enne varca le porte del supermercato. I reparti sono tanti: arredamento, elettrodomestici e cura per la persona.

Ma l' arrestato punta dritto ai prodotti per capelli, pur portandoli cortissimi. A quel punto la mano è lesta e si allunga su ogni tipo di brillantina che l' arrestato trova davanti a sé. Fx, ultraforte, a fissaggio medio o multivitaminico: tutte le qualità di prodotti per una chioma a prova di bora.

 

FURTO AL SUPERMERCATO FURTO AL SUPERMERCATO

Oltre alla mano lesta l' imputato ha dalla sua un abbigliamento ad hoc: un giaccone con decine di tasche: un maxi-marsupio dove finiscono 18 tubetti di gel, come contestato dall' accusa. I commessi del negozio notano la giacca del ragazzo gonfiarsi e si avvicinano per controllare. La sorpresa, dopo aver trovato oltre una dozzina di flaconi, assume un connotato economico: la merce trafugata arriva a 80 euro. In aula l' imputato si avvale della facoltà di non rispondere.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

CHI HA UCCISO SERENA MOLLICONE? – SECONDO L’INFORMATIVA DEI CARABINIERI È STATO MARCO MOTTOLA, IL FIGLIO DELL’EX COMANDANTE DEI CARABINIERI DI ARCE – DOPO LA RIAPERTURA DELL’INDAGINE EMERGONO DETTAGLI INQUIETANTI SULL’OMICIDIO DELLA RAGAZZA TROVATA MORTA NEL 2001 NELLE CAMPAGNE CIOCIARE – LEI ERA ANDATA A DENUNCIARE UN GIRO DI SPACCIO IN CUI ERA COINVOLTO MOTTOLA, E HA SBATTUTO LA TESTA. LA FAMIGLIA DELL’ALLORA COMANDANTE L’HA PORTATA IN UN BOSCHETTO E…. – VIDEO + FOTO CHOC DELLA SCENA DEL CRIMINE

sport

cafonal

viaggi

salute