VOLETE SAPERE COSA FANNO I SINGLE A SAN VALENTINO? SI SPIPPETTANO! - NEL GIORNO DELLA FESTA DEGLI INNAMORATI C’E’ UN INCREMENTO DEL 308% NELLA VISIONE DI PORNO, RISPETTO ALLA MEDIA MENSILE, NEL SERVIZIO PREMIUM DI PORNHUB 

-

Condividi questo articolo

Greta Sclaunich per www.corriere.it

porno online porno online

 

Un incremento del 308% rispetto alla media mensile. Ecco l’effetto di San Valentino sugli accessi registrati al servizio Pornhub Premium (cioè la sezione a pagamento del sito di video porno Pornhub). Lo rivela il sito stesso, che pubblica i dati relativi al «picco di San Valentino» dell’anno scorso per presentare la promozione del giorno, cioè l’accesso gratis per tutti all’area a pagamento della piattaforma.

 

LA PROMOZIONE

La stessa promozione era stata lanciata nel 2017, totalizzando 3,5 milioni di accessi. Nessuna sorpresa, quindi: il boom di San Valentino è dovuto anche a questa ragione, insomma a un’offerta particolare che permette a tutti di fruire liberamente di contenuti a pagamento.

YOUPORN PORNO ONLINE YOUPORN PORNO ONLINE

 

I DATI DEI DIVERSI PAESI

Tra i dati più interessanti segnalati dalla piattaforma, però, ci sono gli incrementi Paese per Paese. Si scopre così che la promozione è andata fortissimo in Cile (+7.288%), Messico (+4.913%), Perù (+4.845%). Dopo il blocco dell’America Latina (seguono infatti Colombia, Ecuador e Argentina), si arriva in Europa dove primeggiano Polonia (+2.320%), Repubblica Ceca (+1.7894%) e Norvegia (+1.578%). L’Italia, con il suo +591%, arriva 14esima e penultima in Europa (segue solo la Francia, con il +544%).

 

I VIDEO PIÙ CERCATI

APP BANGFIT DI PORNHUB APP BANGFIT DI PORNHUB

Pornhub pubblica anche le parole chiave più cercate durante la promozione del 14 febbraio: vanno forte i video delle categorie «lesbian», «ebony», «POV». Ma quelle che hanno registrato, in percentuale, gli incrementi più significativi sono i video che vanno sotto le voci «lesbian premium» (+1.594%), «premium HD» (+1.388%) e «valentines day» (+1.092%).

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal