1- "ARAB NEWS": ANDERS BREIVIK E BIN LADEN SONO DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA - 2- "ENTRAMBI CREDONO DI APPARTENERE A UNA CULTURA CHE HA BISOGNO DI ESSERE PURIFICATA E RITENGONO CHE I SISTEMI POLITICI CHE L’HANNO CORROTTA VADANO DISTRUTTI. SONO ENTRAMBI TERRORISTI. E SE NEL MONDO MUSULMANO C’È STATO CHI SI È RICONOSCIUTO NELLE IDEE DI OSAMA E HA DECISO DI COPIARE I SUOI METODI, PERCHÉ QUESTO NON POTREBBE AVVENIRE IN EUROPA? BREiVIK POTREBBE ESSERE EMULATO. È DEL TUTTO POSSIBILE. IL LINGUAGGIO CHE USA È SIMILE A QUELLO DI AL-QAEDA" - 3- UN LETTORE DI “ARAB NEWS” SI CHIEDE PERCHÉ IL TERMINE “TERRORISTA” VENGA USATO SOLO PER I MUSULMANI, MENTRE PER ANDERS SI PREFERISCE PARLARE DI “KILLER”

Condividi questo articolo

Dagoreport da "Arab News" - http://bit.ly/qMxkmA - http://bit.ly/n0df00

Home Page di Arab NewsHome Page di Arab News ANDERSANDERS

"Arab News" pubblica sulla sua home page un interessante editoriale intitolato "Tentacoli del terrore". Gli attacchi in Norvegia - scrive il network saudita - hanno sollevato inevitabilmente un interrogativo: Breivik è solo un pazzo psicopatico isolato o rappresenta l'inizio di qualcosa di spaventoso? La domanda è retorica e "Arab News" passa a considerare l'esistenza in tutta Europa, per non parlare degli Stati Uniti e della Russia, di un'estrema destra che la pensa come Breivik, è ugualmente xenofoba e anti-musulmana.

Tanto più che proprio lui, parlando davanti al giudice, ha detto di essere in contatto con estremisti inglesi e polacchi, facendo poi riferimento all'esistenza di cellule con le sue stesse idee sparse in tutta l'Europa. Siamo di fronte a qualcosa di nuovo, scrive "Arab News", queste denunce non possono essere derubricate a vaneggiamenti di un fanatico. È necessario indagare a fondo.

ANDERS BREIVIK SCORTATO IN TRIBUNALEANDERS BREIVIK SCORTATO IN TRIBUNALE

Nelle 1500 pagine del suo manifesto online, Breivik non se la prende solo con l'Islam, ma si propone di "pulire" l'Europa anche da tutti coloro che promuovono o sostengono il multiculturalismo, siano essi politici, giornalisti, avvocati o altro. Il suo bersaglio non è solo l'establishment politico, ma tutto quello che nella società occidentale lui considera corrotto da liberalismo e principi sociali. Brievik dimostra un fanatismo che non si vedeva dai tempi di Hitler.

ANDERSANDERS

In conclusione, lui e Bin Laden non possono che essere visti come due facce di una stessa medaglia. Entrambi credono (Bin Laden credeva...) di appartenere a una cultura che ha bisogno di essere purificata e ritengono che i sistemi politici che l'hanno corrotta vadano distrutti. Sono entrambi terroristi. E se nel mondo musulmano c'è stato chi si è riconosciuto nelle idee di Osama e ha deciso di copiare i suoi metodi, perché questo non potrebbe avvenire in Europa. Breivik potrebbe essere emulato. È del tutto possibile. Il linguaggio che usa è simile a quello di al-Qaeda, parla degli 80 "sleepers" pronti ad agire come di "martiri". Stanno forse per fare altri attacchi? Altri morti? Speriamo che Breivik sia un caso isolato, ma non diamolo per scontato.

OSAMA BIN LADENOSAMA BIN LADEN

Una considerazione interessante arriva anche da un lettore di "Arab News", tale Arshath Rahman, che commentando un altro editoriale pubblicato sul sito si chiede perché il termine "terrorista" venga usato solo per i musulmani, mentre per Breivik si preferisce parlare di "killer". "Se ad ammazzare 90 persone in Norvegia fosse stato un musulmano - scrive Rahman - i media non ci avrebbero pensato due volte prima di definirlo ‘terrorista' e di parlare di attacchi ‘terroristici'. Come se il termine fosse riservato ai soli musulmani".

 

 

Condividi questo articolo


FOTOGALLERY


media e tv

CALDO? PIGIAMA PARTY! – LE UNIVERSITA’ CINESI AMMASSANO GLI STUDENTI NELLE PALESTRE. PERCHE’? SONO LE UNICHE STRUTTURE CON ARIA CONDIZIONATA PER SALVARSI DAI 40 GRADI DELLO WUHAN, DETTO “IL FORNO DELLA CINA”

Con l’arrivo dell’estate, molti di noi andranno incontro a lunghe notti insonni a causa del calore ma consolatevi pensando a questi studenti cinesi, costretti ad accamparsi nella palestra dell’università per scampare al caldo soffocante della regione dello Wuhan…

politica

LA VERSIONE DI MUGHINI – LA DECISIONE DELLA POLONIA DI TIRAR VIA IL “MEMORIALE DI AUSCHWITZ” È SBAGLIATA, MA I POPOLI DELL'EST, CHE HANNO SUBITO IL COMUNISMO FINO AL 1989, HANNO AVUTO UNALTRA NARRAZIONE..."

“Per la grandissima parte dell’Europa di mezzo, dopo il 25 aprile 1945 le cose sono andate in modo completamente opposto a quello che raccontano i babbei dell’antifascismo totalizzante che spiega ogni dettaglio della storia moderna alla luce dell’antinomia fascismo-antifascismo"...

business

Angela Merkel: "Nessuna ipotesi di un terzo salvataggio per la Grecia, come proposto da Atene, prima dell'esito del referendum di domenica prossima" - Tsipras ha inviato una lettera al presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem chiedendo un prestito di due anni per fronteggiare 'esclusivamente' gli oneri del debito esterno…

cronache

IN PUNTA DI TACCO – VERONICA FACEVA L’ARCHITETTO A PARIGI, MA ORA HA UN NUOVO MESTIERE: INSEGNARE A CAMMINARE SUI TACCHI – LA SUA “STILETTO ACADEMY” È UN SUCCESSO ITINERANTE, CON TANTO DI BLOG E TRE LIBRI PUBBLICATI

Veronica Benini, toscana di origini argentine, ha cambiato vita dopo aver sconfitto un tumore che l’ha resa sterile. “Le mie allieve hanno dai 25 ai 55 anni, sono ragazze che vogliono sentirsi più sicure e disinvolte, neomamme che dopo aver partorito vogliono sentirsi di nuovo belle e femminili”…

sport

DA SUPERMARIO A SUPERFLOP: LA PARABOLA TRISTE DEL BAD BOY DEL CALCIO ITALIANO - DOVEVA DIVENTARE UN TOP PLAYER, ADESSO LO CERCANO SOLO TRABZONSPOR E SAMP - CONTE, CHE LO HA CHIAMATO SOLO UNA VOLTA, GLI LASCIA APERTA LA PORTA DELLA NAZIONALE

L’ultimo anno di Balo è stato un calvario: si è lasciato con Fanny, l’ultima fidanzata e le volte che è andato sui giornali è stato solo per qualche apparizione notturna con il cappellino calato sugli occhi e una maglietta da bullo di periferia - Perché senza gol anche le imprese fuori dal campo perdono di significato...

cafonal

1. MASSÌ, CHI DI CAFONAL FERISCE, DI CAFONAL PERISCE! E MILANO HA FESTEGGIATO CON 15 CANDELINE L’INGRESSO DI DAGOSPIA NELLA PIENA “ADOLESCENZA” SCODELLANDO, CON IMPREVEDIBILE FACCIA TOSTA, L’ALTO E IL BASSO, IL MEGLIO E IL PEGGIO, IL SOPRA E IL SOTTO, MESCOLANDOSI CON LA STESSA NATURALEZZA DI UNA MIGNOTTA IN CAMERA DA LETTO 2. IN 600 SI SONO SCAPICOLLATI AL BYBLOS PER UNA NOTTE CON POCHISSIME CHIACCHIERE E MOLTA, TANTA MUSICA: DAGO ALLA CONSOLLE E LA ROCKBAND STATALE 66 SUL PALCO