APPENDINO ACCERCHIATA – SUL DOSSIER OLIMPIADI LA SINDACA DI TORINO È STATA MESSA ALL’ANGOLO DALLA SUA SQUADRA. STRETTA IN UNA TENAGLIA TRA LA MAGGIORANZA A 5 STELLE, CHE SUI GIOCHI HA MESSO IL VETO FIN DALL’INIZIO, E LA CITTÀ, CHE CHIEDE IL RITORNO DEI CINQUE CERCHI – IL "TRADIMENTO" DI LUIGINO DI MAIO

-

Condividi questo articolo

Gabriele Guccione per il “Corriere della Sera”

 

APPENDINO DI MAIO APPENDINO DI MAIO

Ci ha sempre creduto, e forse, in cuor suo, ci spera ancora. «Appendino vuole le Olimpiadi», svela il presidente Sergio Chiamparino, lasciandosi andare a una confidenza forse non voluta.

 

In nome di una «concordia istituzionale», spesso bersaglio di critiche bipartisan in città, il numero uno del Piemonte ha accompagnato la sindaca di Torino in tutti i suoi viaggi a Roma: all' inizio al Foro Italico, a trattare con Malagò, e infine a Palazzo Chigi, per sostenere la causa di Torino 2026. Eppure non è bastato.

 

sala appendino sala appendino

Prima che gli avversari esterni, Appendino si è trovata a combattere un nemico in casa, stretta in una tenaglia soffocante, tra chi su quelle Olimpiadi ha messo il veto sin dall' inizio, cioè la sua maggioranza a 5 Stelle, e la città che, a gran voce, chiedeva e continua a reclamare il ritorno dei cinque cerchi.

 

Per tutta la giornata ieri la sindaca è rimasta rintanata nel suo studio a Palazzo civico. Ha cancellato gli impegni pubblici in agenda. Ed evitato, anche con i suoi, di affrontare la questione.

 

milano olimpiadi 2026 milano olimpiadi 2026

Se non per ribadire che se «Torino non c' è, è perché il governo ha mancato completamente di chiarezza». Prima di tutto rispetto agli oneri finanziari: «Non prendo impegni a scatola chiusa».

 

Chi l' ha incrociata nei corridoi del municipio racconta di una sindaca prostrata, messa all' angolo dopo la giravolta dell' esecutivo che, nel dire no al tridente, in assenza dell' accordo con Torino e Milano, ha dato subito dopo via libera alla candidatura lombardo-veneta. «Purché non chiedano soldi allo Stato», ha specificato Luigi Di Maio.

 

appendino appendino

Lo stesso leader era accorso due mesi fa in aiuto di Appendino, per convincere la sua maggioranza a votare, dopo mesi di scontri, non quietati nemmeno dall' intervento di Beppe Grillo, un sì sofferto. E accompagnato da precise condizioni (zero debito e corsa in solitaria) apparse subito irricevibili.

 

Ora quegli stessi paletti fanno d' appiglio per chi chiede le dimissioni della sindaca, come la deputata renziana Silvia Fregolent e la parlamentare di Fdi, Augusta Montaruli. «Chiara non ha nessuna colpa», l' hanno difesa ieri i capigruppo grillini in Parlamento, Francesco D' Uva e Stefano Patuanelli.

 

La sindaca è sofferente. E però nel Movimento si fa festa. E per motivi opposti: a Torino e Milano. «La telenovela è finita», ha esultato la consigliera torinese Daniela Albano, una delle tre che si rifiutò di votare per le Olimpiadi.

 

appendino appendino

«Andiamo avanti con Milano e Cortina! Come dice il motto olimpico: Citius! Altius! Fortius!», è stato il grido di gioia del lombardo Stefano Buffagni, sottosegretario agli Affari regionali. Sotto la Mole, dove grillini e No Tav sono da sempre la stessa cosa, la musica non poteva che essere diversa.

E Appendino ha dovuto farci i conti. «Quando sapremo ristabilire legalità sarò la prima - ha detto ieri la grillina No Tav, Viviana Ferrero - a volere i Giochi. Non certo quelli della Coca-Cola e delle multinazionali voraci che affamano il mondo». Questione di dna.

 

Condividi questo articolo

politica

SANTA MARIA...GODETTI – “REPUBBLICA” CANDIDA UFFICIALMENTE PAMELA ANDERSON A LEADER DELL’OPPOSIZIONE IN UN’INTERVISTA CHE LA DIPINGE COME UNA SANTA MARIA GORETTI IMPEGNATA A LOTTARE CONTRO GLI “ABUSI DELL’ECONOMIA GLOBALE” – SOLO FRANCESCO MERLO CON LA ARCURI NEL 2011 RIUSCÌ A FARE DI MEGLIO: VI RICORDATE LA SANTIFICAZIONE CULT DI MANUELONA, CHE FU DEFINITA “LA NOSTRA PICCOLA ANNA MAGNANI” PER AVER DETTO NO A BERLUSCONI IN CAMBIO DI SANREMO? POI SI SCOPRÌ CHE...