L’ARTIGLIO DELLA PALOMBA - NON SAPPIAMO COME O CHI VOTEREMO, LE BANCHE STROZZANO LE IMPRESE E MILIARDI VOLANO ALL’ESTERO, MA NOI CI CONCENTRIAMO SU FIORITO - COSA C’È DI MEGLIO DI UN CICCIONE SUDATO PER SVENDERE PEZZI DI ENI, FINMECCANICA, FIAT? - I COLLEGHI GIORNALISTI SONNECCHIANO DIVERTITI DAL “COLORE”, I DIRETTORI INCASSANO QUALCHE COPIA IN PIÙ, GLI EDITORI SONO PAZZI DI GIOIA PERCHÉ NESSUNO LI MARCA STRETTI E POSSONO DEDICARSI AI LORO VERI AFFARI…

Condividi questo articolo
BARBARA PALOMBELLIBARBARA PALOMBELLI

Barbara Palombelli per "Il Foglio"

FRANCO FIORITO VERSIONE BATMANFRANCO FIORITO VERSIONE BATMAN

Negli Stati Uniti, alla vigilia degli scontri fra i candidati alla Casa Bianca, il presidente mette sotto accusa le banche, colpevoli di avere ingannato i risparmiatori fino alla vigilia della catastrofe. In Italia, decine di aziende falliscono perché costrette a comprare derivati, carta straccia, con i finanziamenti che dovrebbero invece servire a pagare stipendi e acquisto di merce. Insomma. Vai per essere aiutato e vieni strozzato. La differenza è che da noi le banche sono al governo, possiedono giornali e - attraverso il credito - controllano le imprese del nostro povero ex capitalismo.

Tanto che problema c'è? E' tutta colpa delle cene dei consiglieri regionali... obesi, bruttini e per la verità impresentabili, mangiano a quattro ganasce. L'avanspettacolo messo in scena in questi giorni (uno scandalo che tutto sommato a livello nazionale ammonterà a una dozzina di milioni) è perfetto per offuscare e nascondere le decine di miliardi che stanno prendendo il volo verso l'estero. I miliardi, ovvero le nostre partecipazioni statali in fuga a prezzi stracciati verso acquirenti molto puliti, magri e in guanti bianchi, non puzzano di arrosto e di letti sfatti come le truffe di Anagni.

Logo Logo "Eni" MARIO MONTI E VITTORIO GRILLI jpegMARIO MONTI E VITTORIO GRILLI jpeg

Hanno il profumo della grande élite planetaria. Siamo in pochissimi a insinuare che dietro le panze sbattute in prima pagina ci siano veri e propri traslochi di quei beni che appartenevano al popolo italiano fin dai tempi dell'Unità. Viene naturale - anche a chi guarda la tv - pensare che la sua pensione sarà decurtata per pagare poche migliaia di euro alla fidanzata di Fiorito. E invece... sembra, in certi momenti - e quello attuale somiglia drammaticamente al 1992-'93, speriamo stavolta non ci siano le bombe di allora - che lo scandaletto locale arrivi come il cacio sui maccheroni.

finmeccanicafinmeccanica

Cosa c'è di meglio di un ciccione sudato - del Pdl, dunque ideale - per svendere alla Porta Portese mondiale pezzi di Eni, Finmeccanica, Fiat ecc.? I colleghi giornalisti sonnecchiano divertiti dal "colore", i direttori incassano qualche copia in più, gli editori sono pazzi di gioia perché nessuno li marca stretti e possono dedicarsi ai loro veri affari. Intanto, non sappiamo quando voteremo, con quali regole. Non conosciamo né i partiti e nemmeno i programmi su cui saremo chiamati a giudicare passato, presente e futuro. Nessuno sembra farci caso, soltanto ai Radicali questo risalta come uno scempio di quella legalità di cui si riempiono la bocca i tribuni dell'anticasta.

QUIRINALE jpegQUIRINALE jpeg

Ma come? Dobbiamo rottamare, rinnovare, rilanciare, ricrescere e nessuno ci dice a che gioco giocheremo solo fra poche settimane. Incredibile. Ho già scritto che gli anni in cui si rinnova il Quirinale - unica autorità riconosciuta all'estero - dossier e scandali agitano le acque e confondono i cittadini. Ma mai come questa volta. Non mi pare ci siano precedenti così sgangherati.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal