UN CINGHIALE DI TROPPO FRA LE DONNE DEL CAV – IL TANDEM GELMINI-BERNINI CONTRO L’ANIMALISTA BRAMBILLA. LA ROSSA VUOLE ABOLIRE LA CACCIA. LE ALTRE DUE IN DIFESA DI CONTADINI E CITTADINI CONTRO L’INVASIONE DEI SUINI – DOPPIETTA LIBERA!

-

Condividi questo articolo

 

DAGOREPORT

cinghiali cinghiali

 

Nel corso di un evento romano dedicato al tema di come fronteggiare l’eccesso di cinghiali e altri animali selvatici che devastano l’agricoltura e causano incidenti stradali, la coppia Gelmini-Bernini ha “sparato” alla “nemica” Brambilla.

annamaria bernini annamaria bernini

 

maria stella gelmini 5 maria stella gelmini 5

Le due parlamentari berlusconiane non solo si sono apertamente dichiarate a favore della caccia, che invece l’animalista di Forza Italia vuole abolire tramite un referendum, ma hanno polemizzato con le forzature ideologiche di chi, anche nel centro-destra, finisce per volere i cinghiali nel giardino di casa. “Qui tra un po’ ad estinguersi saranno gli uomini”, ha detto Anna Maria Bernini, ricordando che ci sono territori sempre più vasti e sempre più numerosi dove gli animali selvatici la fanno da padroni e l’uomo è costretto a soccombere.

michela vittoria brambilla silvio berlusconi michela vittoria brambilla silvio berlusconi

 

“Non si possono confondere gli animali da compagnia con quelli selvatici”, le ha fatto eco Mariastella Gelmini, che viene da una terra, Brescia, dove i cacciatori sono una grande realtà. Entrambe attaccano poi l’animalismo a senso unico, anche se concedono alla Brambilla uno sconto: “non è proprio gasata, è Ferrarelle”.

 

cinghiali cinghiali

Ma il Cavaliere, che dalla Brambilla si è fatto convincere a farle lanciare alle prossime elezioni una lista animalista, da che parte sta? Il duo Gelmini-Bernini non ha dubbi: dalla loro.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal