1. FERMI TUTTI, TRATTENETE IL RESPIRO! E’ IN COMMERCIO “SFIDE”, IL VINO PRODOTTO DA D’ALEMA NELLA SUA TENUTA: “PRENDETE E BEVETENE TUTTI, QUESTO È IL VOSTRO SANGUE” 2. 7 BUONI MOTIVI PER NON AMARE IL VINO DI MASSIMO D’ALEMA, VIGNAIOLO IN UMBRIA 3. DALLA BOTTE ALLE BOTTE, INTRAVINO.COM: ‘’LA CANTINA HA INCASSATO UN FINANZIAMENTO EUROPEO DI 57.000 EURO. LO STESSO NEGATO AI PRECEDENTI PROPRIETARI. MA VÀ?’’ 4. “LA PRESENTAZIONE DEL VINO È AVVENUTA PRESSO L’AIS-BIBENDA DI ROMA DI FRANCO (MARIA) RICCI. BRUNO VESPA, IN COMPAGNIA DEL PLASTICO DELLA CANTINA, HA VOLUTO COMPLIMENTARSI CON D’ALEMA PER LA QUALITÀ DEL VINO. CHI L’AVREBBE DETTO, EH?” 5. “SE SLOWINE VISITA LA CANTINA, BRUCIO IL POSTER DI CARLIN PETRINI CHE HO IN CAMERA”

Condividi questo articolo

1. VINI
JENA@LASTAMPA.IT - E' IN COMMERCIO IL VINO PRODOTTO DA D'ALEMA NELLA SUA TENUTA: "PRENDETE E BEVETENE TUTTI, QUESTO È IL VOSTRO SANGUE"

dalema bevedalema beve Massimo DAlemaMassimo DAlema

2. ARRIVA SFIDE, IL VINO DI D'ALEMA
Repubblica
- La nuova strategia di Massimo D'Alema in campo enologico ha il sapore della sfida. E, non a caso, l'ex presidente del Consiglio ha scelto di chiamare il suo nuovo vino proprio "Sfide". Si tratta di un Cabernet Franc in purezza, prodotto in 3 mila bottiglie, proveniente dai vigneti della tenuta acquistata nel 2009 in Umbria.

3. 7 BUONI MOTIVI PER NON AMARE IL VINO DI MASSIMO D'ALEMA, VIGNAIOLO IN UMBRIA
di Antonio Tomacelli
Intravino.com - http://www.intravino.com/grande-notizia/7-buoni-motivi-per-non-amare-il-vino-di-massimo-dalema-vignaiolo-in-umbria/

Di quando in quando mi piace concedermi il lusso di un'antipatia a pelle, solo per il gusto di avere qualcuno su quei parallelepipedi in cartone di cui ora mi sfugge il nome (su consiglio del mio avvocato). Prendi Massimo D'Alema, per esempio. L'uomo fa di tutto per non apparire simpatico e, devo ammetterlo, ci riesce benissimo.

Roma DAlema con Goffredo BettiniRoma DAlema con Goffredo Bettini riccardo cotarella  jpegriccardo cotarella jpeg

Io, per dire, è dai tempi della Bicamerale che fatico a capire in che squadra gioca e la mancata legge sul conflitto di interesse non mi ha chiarito le idee. Peggio mi sento ad aprire il capitolo "privatizzazioni", orribile neologismo che tradotto in italiano corrente suona più o meno "svendere ai privati per quattro soldi i beni pubblici" ma, tant'è, nessuno ha spiegato a Baffino che il termine giusto era "liberalizzazioni".

Ok, termino questa lunga premessa e vengo al dunque: oggi ha visto la luce il primo vino prodotto dalla cantina umbra di Massimo D'Alema e, c'è da ammetterlo, l'uomo non si smentisce mai. Eccovi, allora, 7 buoni motivi per non amare il vino di Massimo D'Alema, vignaiolo in Umbria

1) Il vino si chiama "Sfide". Alla nostra pazienza?

2) È fatto con vitigni alloctoni, cabernet franc per questa volta. Rive gauche, ça va sans dire....

3) L'enologo della cantina si chiama Riccardo Cotarella. What else?

dalemadalema

4) La cantina aderisce al progetto Wine Research Team dell'enologo di cui sopra, per la produzione di vino senza solfiti. Chiamatelo "vino naturale" e metto mano alla pistola (cit.).

DALEMADALEMA

5) La presentazione del vino è avvenuta presso l'Ais-Bibenda di Roma di Franco (Maria) Ricci. Bruno Vespa, in compagnia del plastico della cantina, ha voluto complimentarsi con l'ex Presidente del Consiglio per la qualità del vino. Chi l'avrebbe detto, eh?

6) Il prossimo vino prodotto dalla cantina La Madeleine, sarà il top aziendale e si chiamerà "NarnOt", il cui nome è una crasi tra Narni e Otricoli, le località tra le quali si trova la cantina dalemiana. Taglio bordolese, chettelodicoaffà.

MASSIMO DALEMA SIRENETTO SULLO SCOGLIOMASSIMO DALEMA SIRENETTO SULLO SCOGLIO

7) La cantina ha ricevuto un finanziamento europeo di 57.000 euro. Lo stesso finanziamento negato ai precedenti proprietari. Ma và?

DALEMA SUL SUO IKARUSDALEMA SUL SUO IKARUS

L'orgia del mainstream applicato al vino termina qui. Non male per un leader della sinistra. O del centro-sinistra. O del centro destra. Insomma, fate voi, tanto lui non si offende mica, eh!
P.s.: se Slowine visita la cantina, giuro, brucio il poster di Carlin Petrini che ho in cameretta.

4. COMMENTI A 7 BUONI MOTIVI PER NON AMARE IL VINO DI MASSIMO D'ALEMA, VIGNAIOLO IN UMBRIA
- Eleutherius Grootjans 
17 maggio 2013 alle 19:27 | Link 
Oddìo devo prendermi un Maalox®


marina 
17 maggio 2013 alle 19:39 | Link 
Disgustata? e' troppo poco. Mattei sei un grande! e noi lasciamo che questo vino se lo beva Vespa....sono in perfetta sintonia lui e il nuovo "winemaker" no?



- Silvana 
17 maggio 2013 alle 19:48 | Link 
Di venerdì diciassette.


Giovanni 
17 maggio 2013 alle 19:51 | Link 
Come si fa a commentare senza essere volgari! Come si fa a mantenere un certo stile dopo aver letto cose del genere! Come si fa ad accettare che un personaggio del genere entri nel mondo del vino, auguro una vita di disgrazia a chiunque si metta in bocca quel liquido.

DALEMA NOBILUOMO E LA MOGLIE DA PAPA RATZINGERDALEMA NOBILUOMO E LA MOGLIE DA PAPA RATZINGERdalema MAGOdalema MAGO

- Gianni Morgan Usai - 18 maggio 2013 alle 17:57 | Link
un pò d'ironia -- anche cattiva -- non guasta.. da parte di cittadini che non hanno la scorta, non hanno subito lo stage per i figli a New York da Della Valle, non frequentano l'Aspen Institute, non hanno scarpe su misura..

- Alessandro Bandini - 17 maggio 2013 alle 20:54 | Link
Io mi auguro invece che si dedichi anima e corpo al vino, vino che siamo sempre liberi, per ora, di non bere: le conseguenze delle attività precedenti ricadono invece inevitabilmente su di noi e sulle generazioni a venire.
Patrizia

- 17 maggio 2013 alle 21:39 | Link
Caspio!
Non pensavo di doverlo mai ammettere!
Ma comincio a comprendere l'astemio...

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

LA VENEZIA DEI GIUSTI - ''BLACK MASS'': NIENTE DI VERAMENTE NUOVO, MA GRAN BEL FILM. UN GRANDE POLIZIESCO IN UN FESTIVAL UN PO' PARRUCCONE, CON UN JOHNNY DEPP MEZZO PELATO CHE DA TEMPO NON VEDEVAMO COSÌ IN PARTE

Depp è James "Whitey" Bulger, re della scena malavitosa di South Boston, dove sono tutti cattolici e irlandesi, anni '70-80. La sceneggiatura, tratta da una serie di articoli e da un libro di due giornalisti del "Boston Globe", lo stesso giornale di "Spotlight", e' ben costruita e Scott Cooper la mette in scena con una regia piu' da serie tv che da film d'autore. Meglio cosi'...

politica

LASCIATE CHE I PROFUGHI VENGANO A ME - UN MESE FA LA MERKEL 'DEPORTAVA' LA BIMBA PALESTINESE, OGGI APRE LE FRONTIERE MENTRE LA TURCHIA STA 'ESODANDO' UN MILIONE DI SIRIANI: COLTI, NON FONDAMENTALISTI, PER SEMPRE GRATI A MAMMA ANGELA - E NEI PROSSIMI 10-20 ANNI RENDERANNO LA GERMANIA ANCOR PIÙ IL MOTORE PRODUTTIVO D'EUROPA

Il cambio repentino di strategia, oltre che per ''riabilitare'' l'immagine tedesca, ha conseguenze economiche enormi: i rifugiati siriani non sono mica come i disperati di Mali, Ghana, Somalia o Eritrea che passano dalla Libia. Sono spesso laureati, professionisti, non fondamentalisti. Un'iniezione di forza lavoro specializzata per la locomotiva tedesca, come è stata l'immigrazione turca...

business

EUROPA VASO DI COCCIO - LO STARNUTO CINESE FA TREMARE L'INTERO CONTINENTE, E DRAGHI SI AFFRETTA A POMPARE I MERCATI DI LIQUIDITÀ E FIDUCIA - STIME PIÙ DEBOLI DEL PREVISTO, INFLAZIONE DI NUOVO MOSCIA. E I CALCOLI SONO STATI FATTI L'11 AGOSTO, PRIMA DEI CROLLI CINESI

Draghi si prepara ad allungare il Quantitative easing oltre il 2016, e già da subito ne amplia la portata: tanto l'inflazione resta ben al di sotto del 2%, obiettivo della Banca Centrale - Borse in festa ed euro in calo. Ma se l'Europa non spinge sulla ripresa, può essere travolta...

cronache

''AIUTO, PAPINO!'' - UN RAPINATORE VIENE BLOCCATO DA UNA LOTTATRICE BRASILIANA E SI METTE A PIANGERE INVOCANDO MAMMA E PAPÀ (VIDEO) - LA GAJARDA MONIQUE BASTOS NON HA FATTO UNA PIEGA: ''NON ERO SPAVENTATA, SAPEVO CHE L'AVREI POTUTO IMMOBILIZZARE''

Un borseggiatore brasiliano si è ritrovato a implorare pietà dalla donna che ha cercato di rapinare, dopo che lei lo ha buttato a terra con una mossa di ju-jitsu e lo ha paralizzato tenendo le sue gambe a tenaglia intorno al collo fino all'arrivo della polizia. ''Ho visto che non erano armati, ho buttato giù la loro moto e l'ho fermato con una ''lion killer''...

sport

LEVATE IL FIASCO A VIDAL - IL CILENO RISPEDITO A CASA: È TORNATO UBRIACO IN RITIRO- IL CENTROCAMPISTA DEL BAYERN AVEVA TRASCORSO LA NOTTE NELLO STESSO LUOGO ALL’USCITA DEL QUALE AVEVA AVUTO L’INCIDENTE CON LA FERRARI DURANTE LA "COPA AMERICA"...

L'ex juventino ieri è stato nuovamente spedito a casa, ufficialmente per "motivi personali" (domani, infatti, il figlio sarà operato per curare il diabete di tipo 1, del quale soffre dalla nascita) ma in realtà dietro alla nuova esclusione di Vidal ci sarebbe un rientro in ritiro in stato di ubriachezza: ad accusarlo, stavolta, ci sono anche due testimoni...

cafonal