GIOCHI DI SPECCHI AL NAZARENO – RENZI VUOLE AGGANCIARE IL CAV PER STOPPARE SALVINI A PALAZZO CHIGI – SALVINI VUOLE SPARTIRE LE PRESIDENZE DELLE CAMERE COI CINQUESTELLE PERCHÉ SPERA CHE ALCUNI DI LORO, IN CAMBIO LO AIUTINO A FARE IL PREMIER. IL CAV VICEVERSA TEORIZZA CHE UN RAMO DEL PARLAMENTO SPETTA AL PD (COSÌ CONTA DI AGGANCIARE RENZI)

-

Condividi questo articolo

 

Ugo Magri per la Stampa

 

renzi berlusconi renzi berlusconi

Mentre discutono le sorti Pd, molti «dem» hanno l' occhio rivolto a destra. Vogliono capire se Forza Italia andrà in pasto a Salvini, oppure Berlusconi potrà dire la sua. Ai renziani la cosa interessa perché, nel primo caso, di accordi da quella parte nemmeno a parlarne; se ci fosse ancora Silvio, invece, mai dire mai. Una risposta arriverà sulle presidenze delle Camere.

 

BERLUSCONI BIBERON RENZI BERLUSCONI BIBERON RENZI

Salvini vuole spartirle coi cinquestelle perché spera che alcuni di loro (i cosiddetti «grillo-leghisti») in cambio lo aiutino a fare il premier. Il Cav viceversa teorizza che un ramo del Parlamento spetta al Pd (così conta di agganciare Renzi).

 

Con Salvini si chiariranno stasera, ma già siamo al terrorismo politico. Per seminare il panico tra i neo-eletti, i berluscones mettono in giro che un presidente grillino per prima cosa toglierebbe i vitalizi. E dopo aver bastonato la Casta, il M5S manderebbe tutti a casa con nuove elezioni in autunno.

GRILLO SALVINI RENZI BERLUSCONI GRILLO SALVINI RENZI BERLUSCONI

 

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - I DEMOCRATICI PROVANO AD ABBATTERE IL GIUDICE KAVANAUGH A COLPI DI ''METOO'', CHE METTE UN PO' DI INSANO TIMORE PERSINO A TRUMP. MA LA PRESUNTA VITTIMA DICE: ''AVEVO 15 ANNI, LUI 17, NON MI RICORDO GIORNO NÉ LUOGO, PROVÒ A SPOGLIARMI MA GLI SFUGGII PERCHÉ ERA TROPPO UBRIACO E IMBRANATO, HO TACIUTO PER 36 ANNI E ORA NON VOGLIO TESTIMONIARE IN SENATO, MA NON DEVE DIVENTARE GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA''. EPPURE AI VERTICI DELLA GIUSTIZIA C'ERA GIÀ, SENZA CHE LA FERVENTE DEMOCRATICA AVESSE DETTO UNA SILLABA…