GIULIA BONGIORNO CONFERMA LA DAGOESCLUSIVA SULLE VERE RAGIONI DELLA GIRAVOLTA DI SALVINI SUL CASO DICIOTTI E IL PASSAGGIO DA “MI FACCIO PROCESSARE” A “NEGATE L’AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE”: “GLI HO CONSIGLIATO DI EVITARE IL PROCESSO PERCHÉ CONOSCO LA GIUSTIZIA ITALIANA, E SO CHE SAREBBE RIMASTO SOTTO PROCESSO PER SEI, SETTE, DIECI ANNI. E NEL FRATTEMPO SAREBBE STATO SEMPRE ADDITATO…”

-

Condividi questo articolo

IERI LEONE, OGGI CAPITONE: ECCO A COSA È DOVUTA LA GIRAVOLTA DI SALVINI SUL PROCESSO. GIULIA BONGIORNO HA SCRITTO LA LETTERA AL ''CORRIERE'', I MAGISTRATI HANNO NEL MIRINO LA TESTA DEL TRUCE E DI MAIO/CASALINO SONO BEN CONTENTI DI FARLO ROSOLARE PER DUE (O TRE!) MESI IN ATTESA DEL FATIDICO VOTO DEL SENATO. TRA LEGGE SEVERINO ED ELEZIONI EUROPEE, LE TAGLIOLE ALL'ORIZZONTE. MENTRE SILVIO SOGNA COI NUMERI DELLA GHISLERI…

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dagoesclusivo-ieri-leone-oggi-capitone-ecco-cosa-dovuta-194320.htm

 

Alessandra Arachi per il “Corriere della Sera”

 

nicola gratteri matteo salvini giulia bongiorno (1) nicola gratteri matteo salvini giulia bongiorno (1)

«Si, è vero, sono stata io a consigliare Salvini di non rinunciare all' immunità per il caso Diciotti».

 

Ministro Giulia Bongiorno, lo dice qui per la prima volta davanti alle telecamere di #Corrierelive...

«Non ho niente da temere. Se Salvini si fosse fatto processare avrebbe dovuto mentire agli italiani».

 

Mentire?

«Certo, avrebbe dovuto dire che non aveva agito nell'interesse dello Stato».

 

E invece Salvini ha agito nell'interesse dello Stato? Anche se nessun Consiglio dei ministri ha mai ratificato la sua decisione sul non far sbarcare a Catania i migranti dalla nave?

GIULIA BONGIORNO MATTEO SALVINI GIULIA BONGIORNO MATTEO SALVINI

«Lo scalo a Catania non era uno scalo per sbarcare, bensì uno scalo tecnico per approvvigionamento. E nel frattempo si era sollevata a livello internazionale la questione per stabilire la redistribuzione dei migranti. Più interesse pubblico di così. E poi...».

 

Poi cosa ministro Bongiorno?

«Se Salvini si fosse fatto processare per le accuse dei giudici di Catania sarebbe stato sicuramente assolto».

 

E allora perché gli ha consigliato di non farlo?

«Perché conosco la giustizia italiana, e so che Salvini sarebbe rimasto sotto processo per sei, sette, dieci anni. E nel frattempo sarebbe stato sempre additato».

 

salvini diciotti 5 salvini diciotti 5

A proposito di giustizia, è in dirittura di arrivo la legge sulle legittima difesa...

«Meno male».

 

E' d'accordo sul fatto che ci si possa difendere con le armi?

«Sono d' accordo che ci si possa difendere in casa propria senza bisogno di dover dimostrare di essersi difesi perché si stava per essere aggrediti».

 

Anche con le armi? Lei lo farebbe?

«Io non ho il porto d'armi, le trovo un po' pericolose».

 

E come si difenderebbe?

«Magari con delle belle forbici grandi».

 

Da tenere vicino al comodino la notte?

bongiorno salvini bongiorno salvini

«Da tenere al loro posto».

 

Lei e Michelle Hunziker avete proposto la legge «Codice rosso», a tutela delle donne maltrattate...

«Sì, codice rosso come il codice di urgenza medica. Le donne che vanno a denunciare violenza devono essere ascoltate entro settantadue ore».

 

Troppe volte le denunce delle donne che subiscono violenza rimangono inascoltate...

«E troppe volte queste donne finiscono col diventare casi di cronaca nera».

 

Lei è ministro della Pubblica amministrazione, ha messo in cantiere una riforma per le assenze negli uffici pubblici.

legittima difesa legittima difesa

«Sì, è adesso all' esame del Parlamento. Grazie a questa legge avremo un controllo biometrico con le impronte digitali per verificare l'effettiva presenza negli uffici pubblici».

 

Un metodo sul quale il Garante della privacy ha sollevato rilievi.

«Quando si fa una legge si bilanciano due beni. Per me tra la privacy e la collettività che vuole un servizio prevale il bene di avere una pubblica amministrazione efficiente».

 

Condividi questo articolo

politica

MA NON ERANO QUELLI DELL’ONESTA’? IL GRILLINO MARCELLO DE VITO ARRESTATO PER CORRUZIONE: PER I GIUDICI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AVREBBE INTASCATO “SOLDI” IN CAMBIO DELLA PROMESSA DI PORTARE AVANTI IL PROGETTO DEL NUOVO STADIO DELLA ROMA A TOR DI VALLE: “ERA A DISPOSIZIONE DEI COSTRUTTORI PARNASI, TOTI E STATUTO” – E' UNA BOMBA CHE SCUOTE IL CINQUE STELLE ROMANO E L'AMMINISTRAZIONE RAGGI – ALTRI TRE IN MANETTE- IN CORSO PERQUISIZIONI IN CAMPIDOGLIO E NEGLI UFFICI DI ACEA

SPIA MA NON LASCIA SPIARE - XI ARRIVA A ROMA GIOVEDÌ E L'OBIETTIVO È TENERLO IL PIÙ LONTANO POSSIBILE DA VIA VENETO, SEDE DELL'AMBASCIATA AMERICANA, DOVE LA LEGGENDA VUOLE CHE SIANO INSTALLATE ANTENNE COSÌ POTENTI DA CAPTARE QUALSIASI CONVERSAZIONE - QUANDO GIRERÀ IN CITTÀ OCCHIO AI SUOI ''JAMMER'', CHE FARANNO SALTARE LE CONNESSIONI DI TUTTI I TELEFONI INTORNO ALL'AUTO DEL PRESIDENTE CINESE - LUI, LA MOGLIE E LA DELEGAZIONE DORMIRANNO AL PARCO DEI PRINCIPI, A POCHI METRI DA VILLA TAVERNA (MA L'HOTEL E' SCHERMATO A DOVERE)