GIUSTIZIALISTI CON GLI INDAGATI DEGLI ALTRI – DI MAIO SI RISCOPRE GARANTISTA E DIFENDE SAVONA: “LO SAPEVAMO E L’ABBIAMO SCELTO LO STESSO” – EPPURE, QUANDO A FINIRE NEL MIRINO DEI MAGISTRATI ERANO QUELLI DEGLI ALTRI PARTITI…

-

Condividi questo articolo

Massimo Malpica per “il Giornale”

DI MAIO QUANDO NON ERA GARANTISTA DI MAIO QUANDO NON ERA GARANTISTA

 

Una vita tra cda, atenei e politica senza una macchia. Poi, a 82 anni quasi compiuti, l' ingresso nel governo. E a tempo di record arriva l' iscrizione nel registro degli indagati. Così ora Paolo Savona, ministro per gli Affari europei (e mancato ministro dell' Economia) nel governo gialloverde, si ritrova coinvolto nell' inchiesta della procura di Campobasso che indaga sull' ipotesi di usura bancaria.

 

A inguaiare il professore, il suo ruolo di vertice a Unicredit dopo la fusione con Capitalia nel 2007. Pur non avendo competenza sui tassi di interesse, come hanno spiegato fonti del suo entourage, i magistrati molisani lo indagano come «atto dovuto».

paolo savona paolo savona

 

Innescando un' alzata di scudi in sua difesa delle componenti leghiste e pentastellate del governo, con più di qualche imbarazzo da parte delle seconde, che come noto, in passato, si erano mostrate molto meno garantiste quando a finire nel mirino della magistratura erano membri di esecutivi di altri partiti.

 

di maio di maio

Tant' è, ora il vicepremier Luigi Di Maio difende Savona a spada tratta. «È un' indagine che già conoscevamo», taglia corto. Per poi insistere: «Mi pare che (la notizia, ndr) fosse pubblica. Questa è una questione di atto dovuto nei confronti di Savona quando stava ad Unicredit».

 

Solo un' indagine che «coinvolgeva tutto l' Istituto, è questo il punto - ribadisce il leader M5s - e detto questo, se noi conosciamo già un' indagine e abbiamo scelto Savona si va avanti».

PAOLO SAVONA GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI PAOLO SAVONA GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI

 

Ma la difesa senza incertezze da parte di Di Maio non ferma le polemiche e le accuse di «doppia morale» che piovono da più parti. Si fa sentire anche Matteo Renzi che su Twitter ringhia: «Sono un garantista. Per me il Ministro Savona, indagato, non deve dimettersi. Ma proprio per questo dico ad alta voce che Di Maio e i suoi devono vergognarsi. Per anni hanno massacrato persone e famiglie in nome di un giustizialismo vergognoso. Adesso usano la #doppiamorale».

 

LUIGI DI MAIO A VILLA TAVERNA LUIGI DI MAIO A VILLA TAVERNA

Duro anche il capogruppo Pd in Senato, Andrea Marcucci: «Ricapitolando per il M5s, la presunzione di innocenza vale per Raggi, Appendino, Salvini e Savona. Non vale per gli amministratori del Pd, per Matteo Renzi, per i parlamentari dell' opposizione».

 

Se le polemiche sono immancabili, il fronte a difesa di Savona è vasto e trasversale.

Salvini, nel governo, difende il professore come «una delle persone più oneste d' Italia» e smentisce ogni ipotesi di passi indietro o dimissioni («Non ci penso neanche», taglia corto il numero uno del Carroccio), ma anche fuori dal Palazzo il ministro trova solidarietà.

 

di maio de luca di maio de luca

Pure quella del presidente di Assopopolari, Corrado Sforza Fogliani, che parla di «procedure medievali» sul tasso usuraio, «frutto di complessi calcoli che colgono sempre di sorpresa banchieri e bancari, sempre a posteriori, senza nessun elemento intenzionale». Tanto che l' indagine a carico di Savona, per Sforza Fogliani, «indagato perché amministratore, ma senza alcuna competenza sui tassi di interesse, è un fatto che deve far pensare».

 

Anche il senatore azzurro Maurizio Gasparri è garantista, e a Savona non dice «di gettarsi dalla Rupe Tarpea, come avrebbero fatto i suoi compagni di strada grillini».

 

Eppure il neo presidente della Giunta per le autorizzazioni caldeggia comunque le dimissioni di Savona. Ma solo «perché lui, persona sicuramente competente e dall' importante curriculum, ha solo da rimetterci a stare insieme a Di Maio e co.».

 

Condividi questo articolo

politica

BEPPE GRILLO SI PRESENTA CON LA “MANINA” SUL PALCO DI “ITALIA 5 STELLE”: "NESSUNO METTE IN DIFFICOLTÀ DI MAIO, SOLO IO POSSO FARLO, PERCHÉ SO TUTTE LE COSE VERE MA NON LE DIRÒ MAI - NOI ABBIAMO CAMBIATO IL MONDO...GUARDATE A CONTE COSA È SUCCESSO IN IN 4 MESI, ERA UN CAZZO DI PROFESSORINO, CHE FACEVA L'ESEGESI DEL DIRITTO E ORA È QUI, CAZZO.. SALVINI E’ UNO CHE DICE UNA COSA E LA MANTIENE. DOVREMMO TOGLIERE I POTERI AL CAPO DELLO STATO...LA SINISTRA? E' MORTA" - L'ANEDDOTO SULLA MADRE DI SALVINI