“MATTARELLA NON FACCIA L’AVVOCATO DELLE CAUSE PERSE” - DI BATTISTA IN TACKLE SUL CAPO DELLO STATO: “NON SI OPPONGA AGLI ITALIANI"- E IL PADRE DI “DIBBA” SU FACEBOOK MINACCIA MATTARELLA: "MISTER ALLEGRIA, FAI IL TUO DOVERE E NON AVRAI SECCATURE. IL QUIRINALE E’ PIU’ DI UNA BASTIGLIA. SE IL POPOLO INCAZZATO DOVESSE ASSALTARLO, ALTRO CHE MATTONI…"

-

Condividi questo articolo

di battista padre e figlio di battista padre e figlio

Sergio Rame per il Giornale

 

"Sergio Mattarella non deve opporsi agli italiani". È un vero e proprio attacco frontale ai vertici della Repubblica quello che arriva da Alessandro Di Battista nelle delicatissime ore in cui si lavora alla formazione del prossimo governo.

 

 

"Il capo dello Stato non deve fare l'avvocato delle cause perse" , attacca il grillino lanciando l'hashtag #VoglioIlGovernoDelCambiamento con cui "invita" il Quirinale a non ostacolare la strada del governo gialloverde. "Invito tutti i cittadini a farsi sentire - scrive - usiamo la rete, facciamo foto, video. È in gioco il futuro del Paese".

 

vittorio di battista post vittorio di battista post

Nel lungo post pubblicato su Facebook, Di Battista ricorda a Mattarella di aver "prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica ovvero ai cittadini ai quali appartiene la sovranità". A lui si riferisce per affermare che "una maggioranza si è formata, una maggioranza che piaccia o non piaccia a Mattarella o al suo più stretto consigliere (trasparente qui il riferimento al Segretario generale del Quirinale, ndr) rappresenta la maggior parte degli italiani".

 

Per l'ex deputato pentastellato, considerato alfiere dell'ala "ortodossa" del Movimento, il capo dello Stato non deve essere "un notaio delle forze politiche ma neppure l'avvocato difensore di chi si oppone al cambiamento". "Anche perché - è il 'consiglio' finale - si tratterebbe di una causa persa, meglio non difenderla".

mattarella mattarella

DI BATTISTA DI BATTISTA vittorio di battista vittorio di battista

 

Condividi questo articolo

politica

LE PORTE GIREVOLI TRA PD E AUTOSTRADE - I CASI PIÙ IMBARAZZANTI? SIMONETTA GIORDANI ED ENRICO LETTA: LEI PR DI AUTOSTRADE, CHE FINANZIAVA LE ATTIVITA' DI ENRICHETTO. LUI LA PROMUOVE AL GOVERNO, POI RENZI LA PIAZZA NEL CDA FERROVIE, CON CONFLITTO D'INTERESSI. NON CONTENTA, TORNA IN ATLANTIA DOVE È TUTTORA CAPO DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI (DOVE SARA' IN QUESTI GIORNI?) - L'APICE? LETTA CHE ENTRA NEL CDA DI ABERTIS, LE AUTOSTRADE SPAGNOLE, PROPRIO MENTRE I BENETTON LANCIANO L'OPA - CHI HA FIRMATO LA MODIFICA DELLA CONCESSIONE ALLA VIGILIA DI NATALE 2013? LETTA OF COURSE!

MALETTON! - DI MAIO ATTACCA IL PD E GLI RINFACCIA DI AVER PROROGATO LA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE PER L’ITALIA “DI NOTTE” CON UNA “LEGGINA” INSERITA NELLO “SBLOCCA ITALIA” NEL 2015. E LASCIA INTENDERE CHE BENETTON AVREBBE FINANZIATO I PARTITI E LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI DEM - RENZI LO ACCUSA DI ESSERE UN “BUGIARDO” E UNO “SCIACALLO” – SAREBBE ANCHE INTERESSANTE SAPERE CON QUANTA PUBBLICITÀ BENETTON HA “SEDOTTO” STAMPA E TV, VISTO CHE NON SI VEDE MAI UNA LORO FOTO IN PRIMA PAGINA...