“MESCHINO INTERROGARE I FUNZIONARI DEL VIMINALE" - SALVINI A MUSO DURO CON IL PROCURATORE DI AGRIGENTO CHE PROCEDE CONTRO IGNOTI CON I CAPI DI ACCUSA DI SEQUESTRO DI PERSONA E ARRESTO ILLEGALE: "SE LA PRENDA DIRETTAMENTE CON IL MINISTRO" - E SUL CASO DICIOTTI: "NON C'È PIÙ UN GOVERNO SCHIAVO"

-

Condividi questo articolo

salvini salvini

Luca Romano per il Giornale

"Mi spiace che ci sia qualche giudice che ha tempo e soldi da spendere per andare a interrogare i funzionari del Viminale: vengano direttamente dal ministro".

 

 

Così Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell'Interno, in conferenza stampa da Pinzolo (Trento) riferendosi al procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio che sul caso Diciotti procede contro ignoti con i capi di accusa di sequestro di persona e arresto illegale. "Mi sembra meschino andarsela a prendersela con dei funzionari quando c'è un ministro che si prende la responsabilità di dire no", sottolinea Salvini.

 

salvini salvini

Che poi sul caso Diciotti dichiara: "Stiamo lavorando con alcuni Paesi, con alcune realtà più vicine a noi" che potrebbero accogliere alcune persone. E ancora: "In sede Ue noi il voto non lo diamo fino a che non si risolve una volta per tutte il problema dell'immigrazione. Non c'è più un governo schiavo, un governo complice".

matteo salvini in romagna matteo salvini in romagna matteo salvini con l'ambulante moussa mbaye matteo salvini con l'ambulante moussa mbaye Genova - applausi a Di Maio e Salvini Genova - applausi a Di Maio e Salvini MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - BETO O'ROURKE È L'ASTRO NASCENTE DEI DEM, IL PERDENTE DI SUCCESSO SCONFITTO DA TED CRUZ MA AMATO DAI GIORNALI CHE CONTANO. HA RACCOLTO UN MUCCHIO DI SOLDI, VA SULLO SKATE, SUONA LA CHITARRA, CORRE LE MARATONE - DIETRO DI LUI SI AGITANO L'ETERNA CLINTON, I VECCHIETTI BIDEN-BLOOMBERG-SANDERS, LE PASIONARIE TIPO KAMALA HARRIS, E IL MILIARDARIO ECOLOGISTA TOM STEYER, CHE HA SPESO CENTINAIA DI MILIONI CONTRO TRUMP ED È PRONTO A COMPRARSI UN POSTO SULLA SCHEDA DELLE PRIMARIE