LULA HOOP! – SVANITO IL SOGNO DELL’EX PRESIDENTE DI RICANDIDARSI: IL TRIBUNALE ELETTORALE LO HA DEFINITIVAMENTE DICHIARATO INELEGGIBILE – LA DECISIONE ERA SCONTATA, MA NEL FRATTEMPO LULA ERA DAVANTI AI SONDAGGI ELETTORALI. ORA LA PARTITA SI APRE: LO SPETTRO DEL “TRUMP CARIOCA” BOLSONARO

-

Condividi questo articolo

 Emiliano Guanella per www.lastampa.it

 

lula lula

Lula da Silva non potrà candidarsi alle elezioni presidenziali in Brasile del prossimo 7 ottobre. La decisione è stata presa dal Tribunale Elettorale sulla base della legge della «ficha limpa», la fedina penale pulita, che dichiara ineleggibile chi è stato condannato in seconda istanza per delitti di corruzione o contro l’amministrazione pubblica.

 

jair messias bolsonaro 6 jair messias bolsonaro 6

E’ questo il caso di Lula, che sta scontando una condanna di 12 anni nel carcere di Curitiba. La decisione era scontata, ma i tempi della stessa hanno sorpreso un po’ tutti. Pur sapendo della probabile bocciatura, il Partito dei lavoratori (PT) di Lula aveva presentato ufficialmente la sua candidatura nella speranza di tener accese le speranze dei suoi sostenitori più a lungo possibile e così capitalizzare l’enorme credito politico che l’ex presidente ha ancora oggi rispetto a buona parte della popolazione; secondo tutti i sondaggi almeno un terzo dei brasiliani voterebbe per lui. 

 

jair messias bolsonaro 5 jair messias bolsonaro 5

Con Lula fuori dai giochi, a questo punto, tutto si riapre. La Corte elettorale ha dato dieci giorni di tempo al PT per indicare un sostituto, che sarà con tutta probabilità l’ex sindaco di San Paolo Fernando Haddad, già in campagna da un paio di settimane. Haddad ha detto che visiterà Lula lunedì prossimo in cella e decideranno insieme la strategia da adottare. Non c’è molto tempo da perdere; ieri è iniziata la campagne elettorale gratuita in televisione e ogni giorno perso pesa molto sulla speranze di conquistare gli elettori.

 

La scommessa di Haddad è quella di ereditare, come fece Dilma nel 2014, il capitale politico di Lula, ma non si tratta di un compito facile; molti votanti “lulisti” lo sono più per devozione al personaggio che per convinzioni ideologiche ed ora potrebbero anche scegliere altri candidati di centrosinistra, come Ciro Gomes o Marina Silva, o astenersi. 

 

lula lula

Tutto è aperto nell’elezione più incerta in Brasile da ritorno della democrazia, la prima senza Lula protagonista, come candidato o come “sponsor di peso” per il suo partito e con un ultraconservatore come l’ex militare Jair Bolsonaro attestato intorno al 20% dei consensi. Manca ancora molto, ma lo spettro di un successo di un «Trump alla brasiliana», con meno mezzi economici ma posizioni simili su molti aspetti, inizia a farsi tangibile, preoccupando investitori e mercati. 

dilma lula dilma lula LULA DILMA LULA DILMA LULA E DILMA LULA E DILMA LULA LULA

 

Condividi questo articolo

politica