NON HO LE TAV! LEGA-M5S CONGELANO L’OPERA: DEPOSITATA LA MOZIONE DI MAGGIORANZA SULL’ALTA VELOCITA’ CHE IMPEGNA IL GOVERNO A RIDISCUTERE INTEGRALMENTE IL PROGETTO – RENZI ACCUSA: “IL VOTO DI SCAMBIO DI MAIO-SALVINI BLOCCA L’OPERA” MA DALLA LEGA ASSICURANO CHE LA LINEA RESTA QUELLA A FAVORE DELLA TV

-

Condividi questo articolo

salvini visita il cantiere tav di chiomonte 15 salvini visita il cantiere tav di chiomonte 15

Al.Tr.per www.ilsole24ore.com

 

 

È stata depositata la mozione di maggioranza sulla Tav che oggi dovrebbe andare in Aula a Montecitorio. Il testo firmato dai capigruppo di M5S e Lega, Francesco D'Uva e Riccardo Molinari, impegna il governo «a ridiscutere integralmente il progetto della linea Torino-Lione, nell’applicazione dell'accordo Italia-Francia», si legge nel testo.

 

SALVINI TAV SALVINI TAV

Se la mozione passa sarà come mettere «una pietra tombale sull’opera» commenta il presidente della regione Piemonte, Sergio Chiamparino. Anche le opposizioni insorgono. Da Fi Mariastella Gelmini parla di «scelta incomprensibile e insensata», mentre l’ex premier Matteo Renzi accusa: «Il voto di scambio Di Maio-Salvini blocca l’opera». Ma dal Carroccio assicurano che la linea resta quella del Sì: «La posizione della Lega resta sempre la stessa - dice il capogruppo Molinari - richiamiamo il contratto di governo che ci impegna a valutare come realizzare quest'opera nel rispetto degli accordi internazionali».

 

 

Chiamparino: se passa mozione chiederò consultazione popolare

MAPPA TAV EUROPA MAPPA TAV EUROPA

«La Lega svela il suo vero volto - scrive il presidente Chiamparino in una nota - non a caso dopo il salvataggio del ministro dell'Interno da parte dei Cinquestelle». «Se la mozione dovesse essere approvata, «interpellerò subito il Consiglio regionale perché attivi la procedura della consultazione popolare - dice il presidente Chiamparino - in modo che i piemontesi possano dire forte e chiaro cosa pensano della TAV e del loro futuro».

 

 

DI MAIO NO TAV DI MAIO NO TAV

«Di Maio salva Salvini dal processo e la Lega in cambio rinuncia a fare la Tav» commenta Matteo Renzi. «Tecnicamente è voto di scambio - aggiunge - politicamente uno schiaffo al Nord produttivo, economicamente l’ennesimo cantiere bloccato: hanno preso tre piccioni con una fava. Salvini si salva, l’Italia si ferma».

 

Gelmini (Fi): «Scelta incomprensibile e insensata»

Nella mozione di maggioranza sulla Tav «si parla di “ridiscutere integralmente” il progetto della Tav, che in pratica significa azzerare tutto», scrive la capogruppo Fi a Montecitorio in una nota. «Una scelta incomprensibile e inaccettabile - aggiunge Gelmini - di cui chiederemo conto alla maggioranza in Aula».

salvini visita il cantiere tav di chiomonte 14 salvini visita il cantiere tav di chiomonte 14 salvini visita il cantiere tav di chiomonte 17 salvini visita il cantiere tav di chiomonte 17 cantiere tav chiomonte 4 cantiere tav chiomonte 4 beppe grillo no tav beppe grillo no tav salvini visita il cantiere tav di chiomonte 16 salvini visita il cantiere tav di chiomonte 16 toninelli tav toninelli tav toninelli tav toninelli tav salvini visita il cantiere tav di chiomonte 9 salvini visita il cantiere tav di chiomonte 9

 

Condividi questo articolo

politica

MA NON ERANO QUELLI DELL’ONESTA’? IL GRILLINO MARCELLO DE VITO ARRESTATO PER CORRUZIONE: PER I GIUDICI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AVREBBE INTASCATO “SOLDI” IN CAMBIO DELLA PROMESSA DI PORTARE AVANTI IL PROGETTO DEL NUOVO STADIO DELLA ROMA A TOR DI VALLE: “ERA A DISPOSIZIONE DEI COSTRUTTORI PARNASI, TOTI E STATUTO” – E' UNA BOMBA CHE SCUOTE IL CINQUE STELLE ROMANO E L'AMMINISTRAZIONE RAGGI – ALTRI TRE IN MANETTE- IN CORSO PERQUISIZIONI IN CAMPIDOGLIO E NEGLI UFFICI DI ACEA

SPIA MA NON LASCIA SPIARE - XI ARRIVA A ROMA GIOVEDÌ E L'OBIETTIVO È TENERLO IL PIÙ LONTANO POSSIBILE DA VIA VENETO, SEDE DELL'AMBASCIATA AMERICANA, DOVE LA LEGGENDA VUOLE CHE SIANO INSTALLATE ANTENNE COSÌ POTENTI DA CAPTARE QUALSIASI CONVERSAZIONE - QUANDO GIRERÀ IN CITTÀ OCCHIO AI SUOI ''JAMMER'', CHE FARANNO SALTARE LE CONNESSIONI DI TUTTI I TELEFONI INTORNO ALL'AUTO DEL PRESIDENTE CINESE - LUI, LA MOGLIE E LA DELEGAZIONE DORMIRANNO AL PARCO DEI PRINCIPI, A POCHI METRI DA VILLA TAVERNA (MA L'HOTEL E' SCHERMATO A DOVERE)