SALVINI UBER ALLES - BERLUSCONI HA SENTITO PIU’ VOLTE IL SUO CARNEFICE CHE SOGNA UN PROCESSO SHOW E IL 40% ALLE EUROPEE - ALMENO UNA DOZZINA DI PARLAMENTARI DI FORZA ITALIA SAREBBERO GIÀ PRONTI A PASSARE CON LA LEGA - INTANTO IL LEADER LEGHISTA INCONTRERÀ MARTEDÌ PROSSIMO AL VIMINALE L'EX PREMIER BRITANNICO TONY BLAIR. COSÌ, TANTO PER NON FARSI MANCARE NULLA

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

SALVINI BERLUSCONI SALVINI BERLUSCONI

Pochi sanno che negli ultimi giorni, Silvio Berlusconi (che è andato qualche giorno in Francia, Costa Azzurra, nella villa della figlia Marina) e Matteo Salvini si sono sentiti più volte telefonicamente. Il Cavaliere ha espresso al leader leghista tutta la sua preoccupazione per la piega che stanno prendendo gli eventi, in primis riguardo la ricostruzione del ponte Morandi a Genova (dove è il governatore della Liguria Toti ad occuparsi di trovare una mediazione tra i due leader) ma anche e soprattutto, a suo dire, per i limiti e l'incapacità mostrata dai 5Stelle nell'azione di governo, un'azione che per il Cavaliere è "pauperista e anti-imprenditoriale".

SALVINI DI MAIO SALVINI DI MAIO

 

Ma Silvio Berlusconi, che rientrerà ad Arcore all'inizio della prossima settimana ed ha fatto sapere al suo interlocutore anche i due nomi che gradirebbe per la presidenza Rai, Del Noce o Minoli, ha voluto esprimere di persona a Matteo Salvini solidarietà per l'inchiesta giudiziaria in corso riguardante la nave Diciotti e che vede il Ministro dell’Interno indagato per molteplici reati.

 

I due, si sono lasciati con la promessa, su richiesta del Cav, di rivedersi alla ripresa dei lavori parlamentari per fare il punto sulla situazione. C'è timore, da parte dell'uomo di Arcore, che Forza Italia possa spaccarsi definitivamente tra filosalviniani e berlusconiani con in mezzo il vicepresidente del partito Tajani che però non sta ottenendo il successo sperato nella sua certamente non facile opera di mediazione interna al partito e di riconquista dell'elettorato moderato.

salvini a venezia con elisa isoardi salvini a venezia con elisa isoardi

 

Il terrore del Cav è che la Lega di Salvini possa finire per rappresentare da sola l'intero perimetro del centrodestra assorbendo oltre a Fratelli d'Italia anche i 'totiani' legati al governatore della Liguria Giovanni Toti (fonti parlamentari spiegano che dovrebbero essere almeno siamo una dozzina).

 

VIGNETTA MANNELLI - SALVINI MINISTRO DELL INTERIORA VIGNETTA MANNELLI - SALVINI MINISTRO DELL INTERIORA

Peraltro, secondo quanto riferiscono fonti parlamentari azzurre, sarebbero già pronti a passare con Salvini almeno una dozzina di parlamentari di Forza Italia, provenienti soprattutto dalle regioni meridionali. Per ora è Salvini che non vuole imbarcare nessuno. Ma domani chissà. Intanto il leader leghista, a quanto siamo in grado di rivelare, incontrerà martedì prossimo al Viminale l'ex premier britannico Tony Blair. Così, tanto per non farsi mancare nulla.

 

MATTEO SALVINI COME MATTEO RENZI: ALLE EUROPEE PUNTA AL 40%

 

SALVINI DAGO PREMIO CAPALBIO SALVINI DAGO PREMIO CAPALBIO

Salvini non ne fa più mistero con i fedelissimi: "L'obiettivo per le Europee è il 40%". Complice anche il sistema elettorale e la notevole ampiezza dei collegi, l'obiettivo per i vertici leghisti sembra essere alla portata di mano. Esattamente come fece Matteo Renzi con il Pd nel 2014.

 

Anche le ultime vicende legate alle inchieste riguardanti la nave Diciotti non sembrano impensierire più di tanto il leader leghista. Anzi, già si pensa a come trasformare l'eventuale processo in uno "show ad uso e consumo dei media". Sarà un "boomerang pazzesco per la magistratura e per il Pd" spiegano uomini di governo leghisti, "la gente è con noi".

BERLUSCONI BLAIR BERLUSCONI BLAIR

 

Stesso discorso per l'eventuale blocco dei conti correnti da parte del Tribunale di Genova: "Non è con i soldi, ma con le idee, che abbiamo vinto le elezioni. Le nostre campagne elettorali sono sempre state low cost". Insomma, nemmeno questo li spaventa e l'allarme lanciato da Giorgetti alla festa del Fatto è stato più che altro un modo per mettere le mani avanti, spiegano dal partito.

 

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

Nessuno pensa veramente che con "il sequestro dei fondi la Lega non esisterebbe più", nemmeno Giorgetti. E sembra proprio essere così stando agli ultimissimi sondaggi che vedono la Lega superare abbondantemente il 30%. "Abbiamo ancora ampi margini di crescita" fanno sapere da Via Bellerio, "possiamo guadagnare tranquillamente almeno altri 5 punti percentuali ai danni di Forza Italia e almeno un paio di punti da Fratelli d’Italia". Parole che non faranno certo piacere a Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni. Ma è la politica, bellezza.

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - I DEMOCRATICI PROVANO AD ABBATTERE IL GIUDICE KAVANAUGH A COLPI DI ''METOO'', CHE METTE UN PO' DI INSANO TIMORE PERSINO A TRUMP. MA LA PRESUNTA VITTIMA DICE: ''AVEVO 15 ANNI, LUI 17, NON MI RICORDO GIORNO NÉ LUOGO, PROVÒ A SPOGLIARMI MA GLI SFUGGII PERCHÉ ERA TROPPO UBRIACO E IMBRANATO, HO TACIUTO PER 36 ANNI E ORA NON VOGLIO TESTIMONIARE IN SENATO, MA NON DEVE DIVENTARE GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA''. EPPURE AI VERTICI DELLA GIUSTIZIA C'ERA GIÀ, SENZA CHE LA FERVENTE DEMOCRATICA AVESSE DETTO UNA SILLABA…