SBARCHI E RIPARTI - 184 MIGRANTI ARRIVATI A LAMPEDUSA IN POCHE ORE, SALVINI PENSA DI RIMANDARLI IN TUNISIA CON UN VOLO CHARTER, VISTO CHE TRA I DUE PAESI C'È UN ACCORDO CHE LO PERMETTE - IL MINISTRO SE LA PRENDE CON MALTA: ''COME AL SOLITO HA SCARICATO IL PROBLEMA SULL'ITALIA''

-

Condividi questo articolo

Fiorenza Sarzanini per www.corriere.it

SALVINI MIGRANTI SALVINI MIGRANTI

 

Potrebbero essere rimandati in Tunisia nelle prossime ore i migranti sbarcati a Lampedusa. «Stiamo lavorando a soluzioni innovative ed efficaci» fa sapere il ministro dell’Interno Matteo Salvini e l’ipotesi esplorata in queste ore è di organizzare un volo charter per farli rientrare nello Stato africano. La Tunisia è uno dei Paesi con cui l’Italia ha un accordo di collaborazione che prevede appunto il rimpatrio di chi approda senza permesso. Finora vengono effettuati 80 rimpatri a settimana con due voli charter da 40 posti. In queste ore si sta cercando di organizzare un rientro rapido in modo che queste persone rimangano nell’isola fino alla partenza.

 

«Malta faccia il suo dovere»

malta lampedusa sicilia nord africa malta lampedusa sicilia nord africa

Fonti del Viminale hanno anche fatto sapere che «Malta, per l’ennesima volta, ha scaricato il problema sull’Italia». Salvini, che venerdì mattina si trova a Vienna per la conferenza su sicurezza e migrazione a cui partecipano i ministri dell’Interno europei, poche ore prima aveva postato un twitter nel qualche spiegava che il ministro dell’Interno aveva «contattato le autorità maltesi perché facciano il loro dovere, in caso contrario farò tutto il possibile perché i clandestini non sbarchino in Italia»

migranti lampedusa migranti lampedusa

 

Condividi questo articolo

politica