SCHIAFFONE A TRUMP - IN ALABAMA, STORICA ROCCAFORTE REPUBBLICANA, VINCE IL DEMOCRATICO JONES E LA MAGGIORANZA GOP AL SENATO SI RIDUCE AD UN SOLO VOTO - IL CANDIDATO SOSTENUTO DAL PRESIDENTE USA ERA STATO COINVOLTO IN UNA SERIE DI SCANDALI SESSUALI

-

Condividi questo articolo

Anna Guaita per www.ilmessaggero.it

 

 

doug jones doug jones

Per la prima volta da 25 anni a questa parte lo Stato dell’Alabama ha scelto un democratico per il Senato. Il vincitore, Doug Jones, andrà a occupare il seggio lasciato libero da Jeff Sessions, oggi ministro della Giustizia.

 

 

Jones, un ex procuratore federale che nel passato ha combattuto contro il Ku Klux Klan, ha sconfitto quello che per mesi era stato il favorito, il repubblicano Roy Moore, sostenuto con passione da Donald Trump. Ad affossare la candidatura di Moore, ex giudice statale di posizioni molto conservatrici e di fede evangelica integralista, sono state le denunce di almeno otto donne che hanno raccontato come da ragazzine erano state molestate o insidiate da Moore, che era allora già ultratrentenne.

 

 

Moore si era difeso sostenendo che le accuse erano “fake news”, che le donne erano state pagate, e che tutto era una montatura dei democratici per danneggiarlo. E in queste sue denunce aveva avuto il sostegno del presidente, che negli ultimi giorni della campagna lo aveva appoggiato e difeso a chiare lettere, anche lui ribadendo che le denunce delle donne non potevano che essere  false. Ovvio era stato il parallelo sui media fra le accuse lanciate da 19 donne contro Donald Trump prima delle elezioni, e quelle lanciate ora contro Moore.

TRUMP FIRMA IL DOCUMENTO CHE RICONOSCE GERUSALEMME CAPITALE DI ISRAELE TRUMP FIRMA IL DOCUMENTO CHE RICONOSCE GERUSALEMME CAPITALE DI ISRAELE

 

La differenza fra la situazione che aveva colpito Trump poco più di un anno fa e quello che è successo a Moore in queste ultime settimane si riassume semplicemente nel fatto che nel frattempo nel Paese è esploso lo tsunami delle denunce femminili, e il movimento #MeToo ha portato all’aperto innumerevoli casi di molestie, con conseguenti licenziamenti di nomi anche eccellenti.

 

Oltre a numerosi esponenti di Hollywoood e del mondo della tv e dell’informazione, solo pochi giorni fa due esponenti di spicco del partito democratico, il deputato John Conyers e il senatore Al Franken, hanno annunciato le proprie dimissioni come penitenza per i comportamenti inappropriati tenuti nei confronti di collaboratrici e dipendenti. E qualcuno ha cominciato a chiedere che anche Trump si dimetta, per le molestie compiute contro le donne prima di diventare presidente.

 

DONALD TRUMP PERSONA DELL ANNO DONALD TRUMP PERSONA DELL ANNO

Jones ha salutato la propria vittoria ieri proprio nella sera del suo venticinquesimo anniversario di matrimonio. Con la moglie Louise accanto – “L’amore della mia vita, la mia più grande amica e consigliera“ – Jones ha detto che una volta al Senato cercherà di “lavorare insieme ai repubblicani per trovare un terreno comune”.

 

La vittoria di Jones e la sconfitta di Moore sono motivo di  soddisfazione per il partito democratico, che già un mese fa, in ottobre, aveva riportato delle interessanti vittorie in una serie di consultazioni locali, per l’elezione del governatore della Virginia e del New Jersey. I nomi più importanti del partito si erano mobilitati a sostegno dell'ex procuratore federale, incluso Barack Obama e Joe Biden. Ma molti sono convinti che anche il partito repubblicano ieri sera abbia tirato un sospiro di sollievo: è noto che i leader del partito si erano chiesti cosa fare se Moore fosse stato eletto, con quel peso delle denunce sulla sua testa.

 

Nonostante ora la maggioranza repubblicana scenda a soli 51 seggi, contro 49 democratici, la paura che il partito potesse essere macchiato moralmente dai peccati giovanili dell’ex giudice era tanto manifesta che l’altro senatore dell’Alabama, il repubblicano Richard Shelby, aveva detto qualche giorno fa che lui non avrebbe votato per Moore.

 

doug jones doug jones

Quel che è estremamente chiaro è che la sconfitta di Moore è anche una sconfitta per Donald Trump. Per ben due elezioni, quella di ottobre e quella di ieri sera, il presidente ha visto i candidati che aveva appoggiato venir sonoramente sconfitti. Sconfitto sonoramente, forse  in modo più categorico, è anche Steve Bannon, consigliere di Trump, uomo della destra nazionalista, che sta cercando di dirottare il partito repubblicano sempre più verso derive di destra e sempre più in rotta con le istituzioni di Washington.

 

 

Condividi questo articolo

politica