I SOLDI DELLA POLITICA - IN INGHILTERRA LA SPESA PER I PARTITI AMMONTA A 12 MLN € L’ANNO, ED È RISERVATA ESCLUSIVAMENTE ALL’OPPOSIZIONE - IN FRANCIA SI ARRIVA A 160 MLN €, IN SPAGNA 82,3 MLN - IN GERMANIA, DOVE LE FONDAZIONI POLITICHE PRENDONO UN SACCO DI SOLDI (MA CON REGOLE FERREE), IL FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI NON PUÒ SUPERARE I 133 MLN € - NEGLI USA CI SI FINANZIA SOLO CON LE DONAZIONI - E IN ITALIA? TENETEVI FORTE: 289 MLN € ALL’ANNO, TUTTI DEI CONTRIBUENTI…

Condividi questo articolo
PARLAMENTOPARLAMENTO

Paolo Bracalini per "il Giornale"

DAVID CAMERONDAVID CAMERON

Pochi soldi, sono inglesi. Ma come fanno i partiti britannici ad andare avanti con quella miseria che il Regno Unito gli dà? Dodici milioni di euro in un anno, contro i 289 milioni che l'Italia ha girato nel 2010 ai suoi partiti. L'equivalente di quel che noi diamo in dodici mesi all'Idv, basta invece per finanziare tutti i partiti di opposizione inglesi. Solo loro, perché per legge in Gran Bretagna ad eccezione di alcune forme di incentivo destinate a tutti i partiti (i cosiddetti «policy development grants», circa 2 milioni di sterline l'anno), il finanziamento pubblico è riservato soltanto ai partiti di opposizione.

Una sorta di «compensazione» dei vantaggi - non solo economici - che il partito di maggioranza ricava dall'essere al governo. Il resto sono sconti postali e spazi gratis nella Bbc, quando si vota. Morale? I partiti inglesi costano 25 volte meno di quelli italiani. E altrove? Di più, ma sempre meno che qui. L'Italia ha il record di spesa pubblica per rimborsi elettorali. «La démocratie n'a pas de prix, mais elle a un coût...», la democrazia non ha prezzo ma costa, dicono i francesi.

Ma a loro costa meno che a noi. Basti pensare che la campagna elettorale di Nicolas Sarkozy alle presidenziali del 2007 - la più importante tornata elettorale in Francia - è costata alle casse pubbliche francesi, in rimborsi, complessivamente 10.783.200 euro. Cioè meno della metà di quanto ha ricevuto l'Udc solo per il 2008 (25.895.850 euro). Il finanziamento annuale dei partiti francesi ammonta a 80 milioni.

ANGELA MERKELANGELA MERKEL NICOLAS SARKOZYNICOLAS SARKOZY

Quando si vota il costo sale, e così se prendiamo come base il 2007, anno in cui si sono tenute le presidenziali e le legislative (cioè le politiche), otteniamo la cifra totale di 160 milioni come spesa complessiva dello Stato francese per i partiti, risultante dalla somma di 44 milioni (costo delle presidenziali), 43 milioni (rimborsi per le legislative) e 73 milioni di finanziamento pubblico fisso. Molto meno dei nostri 289 milioni.

La Spagna? Meno, meno, meno. Nel 2011 è stato previsto un finanziamento ai partiti spagnoli pari a 82.354.480 euro. Aggiungiamoci i rimborsi per le elezioni (21mila euro a seggio), altri 15 milioni di euro l'anno per i gruppi parlamentari (in Italia i milioni sono 70) e 8 milioni di euro ministeriali per le fondazioni partitiche. Sommando i rimborsi elettorali presi dai partiti spagnoli nel 2011 al finanziamento pubblico, in Spagna siamo a 131 milioni di euro in un anno. La metà dei nostri.

ObamaObama

Sì ma in Germania, dove ci sono le fondazioni politiche generosamente finanziate dallo Stato? Se consideriamo i partiti, siamo anche qui a meno. In Germania, Stato con una popolazione di 23 milioni di persone in più rispetto a quella italiana, la legge stabilisce un limite assoluto ai contributi annuali federali: il finanziamento pubblico complessivo non può superare i 133 milioni di euro (e in effetti, nel 2010, è stato pari a 125 milioni euro).

Mariano RajoyMariano Rajoy

Le fondazioni politiche prendono un sacco di soldi (328 milioni di euro nel 2011), ma con una serie di regole tra cui: non avere come dirigenti uomini di partito, divieto di finanziare il partito, obbligo di usare i soldi per progetti precisi, obbligo di pubblicare sui siti internet i bilanci e l'elenco delle entrate e delle uscite. Niente a che vedere con le quasi cento fondazioni di partito italiane, che ricevono milioni di euro ma senza doveri di rendicontazione.

Poi c'è il famoso modello americano (che inizialmente il segretario del Pdl Alfano ha detto di voler seguire per la bozza di riforma della legge sul finanziamento dei partiti). Negli Usa lo Stato finanzia solo le elezioni presidenziali, con i soldi delle donazioni volontarie dei contribuenti nelle dichiarazioni dei redditi.

John MccainJohn Mccain

Nel 2008 la campagna di Obama non è costata neanche un cent ai contribuenti, grazie ad un ingente finanziamento pubblico, mentre lo sfidante John McCain ha beneficiato di 84 milioni dello Stato federale. In totale? Le più importanti elezioni della prima potenza mondiale sono costate, nel 2008, 135 milioni di dollari, pari a 100 milioni di euro. Cioè quanto una sola rata annuale del rimborso per i partiti eletti alle Camere italiane.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

MITICO CACCIARI CHE SPUTTANA MYRTA ‘’LECCHINO’’ E IL SUO PROGRAMMA AUTOMARCHETTA (AL PROPRIO LIBRO) CON L’INTERVISTA SLURP SLURP - ''COME LE È SEMBRATO BERLUSCONI? CREDIBILE? SINCERO?'', CHIEDE LA MERLINO A CACCIARI: ''TREMENDO. UN COMIZIETTO SENZA INTERLOCUTORI'' – SCOOP! ‘’DOPO MAMMA ROSA? HO MARINA, CHE MI FA DA FIGLIA MA ANCHE DA MADRE’’

La lunga intervista a Silvio Berlusconi in apertura dello speciale dell'Aria che tira, su La7, dedicato alle madri, fa irritare Massimo Cacciari - Berlusconi ricorda un unico schiaffo subito nel corso della sua infanzia. «Ero stato ad attaccare manifesti per la Dc nel '48. Cinque giovanotti dell'altra parte politica mi picchiarono. Lei mi vede tornare sanguinante e pensò che fossi caduto dalla bici. Mi ha chiesto scusa per tutta la vita»...

politica

NEI SECOLI FIDEL! - ''L'UOMO NERO DI SAXA RUBRA'', COME SI DEFINISCE IL GIORNALISTA DEL TGR MBANGA-BAUNA, SFOTTE LE PRIMARIE PD: ''BLAVI, IL PD ESPLIME CHANG COME PLOSSIMO SINDACO''. A CHI GLI CHIEDE COME REAGIREBBE LUI DAVANTI A SFOTTÒ RAZZISTI, RISPONDE: ''SÌ BADRONE''

Il giornalista del TgR, nonché uomo de ''La Destra'' di Storace nel Lazio, la butta sulla presa per il culo dei votanti cinesi alle primarie milanesi del Pd: ''Chang plossimo sindaco, paldon Sala. Blavi blavi'' - E se ne frega a chi gli dice: ''Tu uomo nero non risbeddi uomo giallo''...

business

GHIZZONI AMARI PER MONTEZUMA E PALENZONA - COME GIÀ FECE SU GENERALI NEL 2012, ANCHE SU UNICREDIT È STATO L’AZIONISTA LEONARDO DEL VECCHIO A ''LICENZIARE'' GHIZZONI - LUCHINO, IL 5 FEBBRAIO, SMENTIVA DAGOSPIA DICHIARANDO CHE ERA ‘SALDO, ’SALDISSIMO’’ AL VERTICE...

«Le banche in questi anni sono rimaste indietro, solo a Milano si dovrebbero chiudere centinaia di filiali ormai inutili nell’era digitale. Ghizzoni è un bravo banchiere ma forse la banca oggi ha bisogno di cambiamenti così radicali per intraprendere un nuovo cammino che solo una discontinuità può realizzare"...

cronache

A HONG KONG CI SI MENA. DI NUOVO - PER IL CAPODANNO CINESE, CENTINAIA DI MANIFESTANTI TORNANO IN PIAZZA PER DIFENDERE I VENDITORI AMBULANTI DI POLPETTE DI PESCE. ED È SUBITO ''FISH BALL REVOLUTION'' - 23 ARRESTI, FERITI, LANCIO DI MATTONI E OGGETTI DATI ALLE FIAMME. GLI SCONTRI PIÙ VIOLENTI DALLA 'RIVOLTA DEGLI OMBRELLI' NEL 2014

Quest'anno la polizia ha deciso di usare il pungo di ferro contro chi non ha le licenze per vendere in strada. Tra i manifestanti c'erano anche gruppi 'anti-Pechino', tra i quali il partito 'Youngspiration', sceso in piazza, secondo il leader Baggio Leung, per difendere le tradizioni locali...

sport

ULTIMO STADIO! NIENTE TIFOSI DEL NAPOLI A TORINO PER LA SFIDA SCUDETTO CON LA JUVE - MALAGÒ: “CHE TRISTEZZA” - TAVECCHIO: “NON BASTA CHIUDERE GLI STADI PER RISOLVERE IL PROBLEMA VIOLENZA” - MA I TIFOSI DEL NAPOLI NON SI ARRENDONO E C’E’ CHI HA GIA' RIMEDIATO I BIGLIETTI

In tv la vedranno in mezzo mondo. Allo Stadium potranno invece entrare solo i sostenitori bianconeri (tenuti alla larga all’andata dal San Paolo) - Per aggirare i divieti alcuni tifosi napoletani hanno sottoscritto la tessera del tifoso della Juve - Su internet c’è anche chi specula offrendo a prezzi maggiorati i biglietti...

cafonal

CAFONALINO - BEN STILLER HA SCELTO ROMA PER L'ANTEPRIMA MONDIALE DEL SUO DELIRANTE, ATTESISSIMO E GIÀ STRACULT ''ZOOLANDER 2'' - 'SO CHE MILANO È LA CAPITALE DELLA MODA, MA ROMA È OPULENTA E MERAVIGLIOSA'. DOPO AVER GIRATO IN CITTÀ PER 4 MESI, IL RITORNO CON OWEN WILSON È ACCOLTO IN PERFETTO STILE 'MARZIANO A ROMA': ''ARIECCOLI!'' - LA FESTA, IL FLASH-MOB DA VALENTINO, LE PROIEZIONI

Ben Stiller racconta l'infanzia con due genitori famosi, ''passata da solo sul divano davanti a una televisione sempre accesa'', i primi sogni di cinema a 9 anni, la sfiducia sul suo talento, la confessione (ritrattata) di soffrire di sindrome bipolare - In vetrina a Piazza Mignanelli, i fan in selfie-delirio...