1. TRAVAGLIO INFILZA DI MAIO E SALVINI: ''O SONO MOLTO FURBI, E SONO GIÀ D’ACCORDO PER UN PROGRAMMA, O SONO MOLTO FESSI, E HANNO DIMENTICATO LE 10 LEGGI DI BERLUSCONI
2. LEGGE DI CECCHI GORI. "BERLUSCONI, SE GLI DAI UN DITO, TI SI PRENDE IL CULO". LEGGE DI CONFALONIERI. "LA VERITÀ È CHE, SE BERLUSCONI NON FOSSE ENTRATO IN POLITICA, FONDANDO FORZA ITALIA, NOI OGGI SAREMMO SOTTO UN PONTE O IN GALERA CON L'ACCUSA DI MAFIA"
3. LEGGE DI FINI (O DI BOFFO, O DI DI PIETRO, O DI MONTANELLI…). BERLUSCONI CONOSCE SOLO TRE APPROCCI UMANI E POLITICI: O TI COMPRA, O TI MASSACRA, O SEI DUDÙ. E CON SALVINI...''

Condividi questo articolo

 

Estratto dall'articolo di Marco Travaglio per ‘il Fatto Quotidiano

 

STRETTA DI MANO TRA TRAVAGLIO E BERLUSCONI jpeg STRETTA DI MANO TRA TRAVAGLIO E BERLUSCONI jpeg

I casi sono due: o Di Maio e Salvini sono molto furbi, o sono molto fessi. Sarebbero molto furbi se fossero già d' accordo per un governo 5Stelle-Lega (senza B.), con tanto di ministri e programma (reddito di cittadinanza e flat tax, oppure flat reddito, o magari tax di cittadinanza), e inscenassero questa quotidiana pantomima dei forni aperti, chiusi, socchiusi, accesi, spenti, tiepidi, per arrivare alle elezioni friulane di fine aprile col divorzio definitivo della Lega da FI .

 

Sarebbero molto fessi se davvero pensassero di poter governare insieme senza rompere il centrodestra, cioè con l' appoggio esterno, anzi il concorso esterno di un Berlusconi miracolosamente pronto al "passo indietro" o "di lato".

 

Cosa che pare Salvini abbia garantito prima a Di Maio e poi a Mattarella, salvo venire sbugiardato a stretto giro dal Caimano a suon di insulti e minacce. Facendo fare la figura del pollo al primo e mandando su tutte le furie (compatibilmente col personaggio) il secondo.

 

BERLUSCONI SPOLVERA LA SEDIA SU CUI ERA SEDUTO TRAVAGLIO BERLUSCONI SPOLVERA LA SEDIA SU CUI ERA SEDUTO TRAVAGLIO

Nel primo caso, i due leader vincitori (parziali) delle elezioni non avrebbero bisogno di consigli, se non quello di spiegarci al più presto come intendono colmare le distanze abissali che li separano in politica interna, estera, economica, giudiziaria, migratoria, fiscale, sociale, scolastica, sanitaria e così via. Nel secondo, invece, ne avrebbero bisogno eccome, essendo ignari delle dieci leggi che da ben 82 anni regolano l' esistenza di Silvio Berlusconi e ne rendono prevedibile ogni mossa.

DI MAIO SALVINI MATTARELLA DI MAIO SALVINI MATTARELLA

 

1. Legge di Montanelli/1.

"Berlusconi mente ogni volta che respira".

2. Legge di Montanelli/2.

"Berlusconi è un bugiardo sincero, perché finisce col credere alle sue menzogne".

3. Legge di Biagi. "Se avesse una puntina di tette, Berlusconi farebbe anche l' annunciatrice".

4. Legge di Cecchi Gori. "Berlusconi, se gli dai un dito, ti si prende il culo".

5. Legge del Tribunale. "Berlusconi ha una naturale capacità a delinquere".

berlusconi giacomini confalonieri valentini berlusconi giacomini confalonieri valentini

6. Legge di Confalonieri. "La verità è che, se Berlusconi non fosse entrato in politica, se non avesse fondato Forza Italia, noi oggi saremmo sotto un ponte o in galera con l' accusa di mafia".

 

7. Legge di Ferrara (Giuliano)/1. "Berlusconi è entrato in politica per salvare la roba".

8. Legge di Ferrara/2. "Il punto fondamentale non è che tu devi essere capace di ricattare, è che tu devi essere ricattabile Per fare politica devi stare dentro un sistema che ti accetta perché sei disponibile a fare fronte, a essere compartecipe di un meccanismo comunitario e associativo attraverso cui si selezionano le classi dirigenti".

9. Legge di Renzi (o di Bossi, o di D' Alema, o di Veltroni). Chiunque si sieda al tavolo con Berlusconi per trattare, muore. I cimiteri sono lastricati di lapidi degli ex leader che pensavano di metterlo nel sacco.

berlusconi visita la redazione del foglio con giuliano ferrara berlusconi visita la redazione del foglio con giuliano ferrara

10. Legge di Fini (o di Boffo, o di Di Pietro, o di Montanelli, o di molti altri). Berlusconi conosce solo tre approcci umani e politici: o ti compra, o ti massacra, o sei Dudù.

 

Se Salvini e Di Maio hanno ipotizzato anche per un istante che B. si ritirasse in buon ordine, regalando i suoi voti senza contropartite a un governo dominato da due leader che lo vogliono (politicamente) morto, c' è da dubitare della loro sanità mentale.

 

(…)

dalema berlusconi dalema berlusconi salvini e berlusconi in conferenza stampa salvini e berlusconi in conferenza stampa Inciucio DAlema Berlusconi Inciucio DAlema Berlusconi

 

 

Condividi questo articolo

politica

LE PORTE GIREVOLI TRA PD E AUTOSTRADE/2 - CHI ERA IL CO-FONDATORE DI VEDRÒ, IL THINK TANK DI ENRICO LETTA? FRANCESCO DELZIO, CHE ORA È VICEPRESIDENTE E CAPO RELAZIONI ESTERNE DI ATLANTIA E PURE DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA - LEGGETE L'ESTRATTO DEL SUO LIBRO DEDICATO ALL''UCCISIONE DI VEDRÒ' PER MANO DEI CATTIVI POPULISTI: ''UN DANNO PER I 1.000 BRILLANTI «GIOVANI» E PER IL PROCESSO DI SELEZIONE DELLE ELITE''. E QUANDO ''ELITE'' TE LO DICI DA SOLO, FINISCI CON DI MAIO VICEPREMIER…