IL CALCIO CHE VERRA’ - NEL 2024 NASCERÀ LA 'SUPERCHAMPIONS': UN TORNEO SUL MODELLO 'NATIONS LEAGUE' CON POSTI PIÙ SICURI PER I GRANDI CLUB E PROBABILI PROMOZIONI DALLE ALTRE 2 COPPE (DAL 2021 CI SARA' UNA TERZA COPPA EUROPEA) -  “MA NON È DETTO CHE IL CAMPIONATO SI SPOSTI AL MERCOLEDÌ E LA CHAMPIONS NEL WEEKEND”, SPIEGA IL NUMERO 1 DELL’UEFA CEFERIN - L'INTESA COL PRESIDENTE ECA AGNELLI

-

Condividi questo articolo

Fabio Licari per la Gazzetta dello Sport

 

ceferin agnelli ceferin agnelli

Superlega addio. Il futuro del calcio europeo resta all' interno del sistema, Uefa e club collaboreranno per creare il nuovo torneo che, dal 2024, prenderà il posto della Champions League. Probabilmente si chiamerà ancora così, ma non è questo il punto: sarà diversa e, anche se nessuno sa ancora come, sarà una Superchampions, con più «sicurezze» per i grandi club e accesso aperto a tutti. Non a numero chiuso, tipo la Nba. Se non è un giorno storico, poco ci manca: la parola Superlega è uno spettro agitato ciclicamente per cambiare i rapporti di forza tra club e Uefa. Ma da oggi è finita.

 

E la storica intesa, anticipata ieri dalla Gazzetta , è stata simbolicamente presentata a Bruxelles da Aleksander Ceferin (Uefa) e Andrea Agnelli (Eca): l' asse oggi al vertice del calcio europeo ha incontrato il commissario allo sport Tibor Navracsic, firmando una lettera d' intenti, mentre un memorandum d' intesa è in arrivo. E ora?

 

INTESA PERSONALE Si comincia a lavorare sul nuovo progetto. Partendo da questa intesa personale prima che politica. Agnelli ricorda infatti che «dopo il 2016 di Superlega non si è più parlato, non almeno da parte dell' Eca o della Juve. All' Uefa è stato eletto Ceferin, all' Eca io, e abbiamo cominciato a parlare, con l' obiettivo di sviluppare il calcio assieme. Uno sviluppo non soltanto finanziario, perché è il calcio è importante e ha un ruolo sociale che la mia famiglia conosce bene, avendo la Juve dal 1923.

champions europa league champions europa league

 

Dopo tutte le recenti speculazioni era il momento di chiarire cosa succederà dal 2024: non ci sarà una Superlega, gestiremo assieme i tornei come facciamo già oggi. Siamo contenti». E Ceferin: «È un grande giorno, lo sport europeo è unito e riconosce il modello aperto, nel quale anche i piccoli club sono importanti. Vedete i problemi del basket?».

 

UNA SUPERCHAMPIONS Naturalmente le esigenze di piccoli e grandi club sono diverse, ma il successo della Nations League «oltre il previsto» (Ceferin), con promozioni e retrocessioni, dà un' idea di come sarà il futuro. Entro fine 2019 si definiranno i principi che devono contemplare un' armonizzazione del calendario e delle partite di club e nazionali. Il format del torneo si avrà nel 2020: aperto, con posti fissi per i grandi club (ranking storico?), con promozioni dalle serie minori, con più solidarietà. Come ricorda Agnelli, «la Nations ha consentito a squadre dello stesso livello di competere una contro l' altra»: il che è un po' il senso delle tre coppe che verranno. Una Champions sempre più per big: «Ma non morirà mai il sogno di entrare», ricorda Ceferin.

 

champions champions

CALENDARIO Una Superchampions che avrà più partite. Su questo Agnelli è chiaro. Oggi ci sono campionati a 20 e a 10 squadre, paesi come l' Inghilterra con due coppe nazionali: in Premier si può arrivare a 53 partite annuali, in Bundesliga a 43. L' obiettivo è più gare di coppa e meno di campionato, nazionali più concentrate, «ma non è detto che il campionato si sposti al mercoledì e la Champions nel weekend», ricorda Ceferin che conclude: «A volte vedete complotti dove non ve ne sono. Non facciamo finta ora di avere buoni rapporti: discutiamo, litighiamo, abbiamo opinioni diverse. Poi facciamo un passo indietro e lavoriamo per lo sviluppo del calcio».

ceferin ceferin ceferin totti ceferin totti CEFERIN CEFERIN ceferin ceferin ceferin ceferin

 

Condividi questo articolo

media e tv

VIDEO: CORONA IN AMBULANZA! MICA L'HANNO MENATO IN VENTI, ''FURBIZIO'' RACCONTA AGLI INFERMIERI CHE I GRAFFI SE LI È FATTI SUI ROVI: ''SONO CADUTO TRA LE PIANTE''. LORO VOGLIONO PORTARLO IN OSPEDALE MA LUI VORREBBE RECUPERARE IL TELEFONO. ''MI HANNO TENUTO IN QUATTRO PUNTANDOMI IL COLTELLO ADDOSSO. HO FATTO 6 ANNI DI GALERA MA…''  - ALLORA CORONA A QUALCOSA SERVE: È IN CORSO AL "BOSCHETTO DELLA DROGA" DI ROGOREDO UN CONTROLLO DEI CARABINIERI PER ABBATTERE LE BARACCHE DEI PUSHER

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute