IL CALCIO IN MULTIPROPRIETÀ - DE LAURENTIIS SULLE ORME DI LOTITO: ACQUISTARE UN ALTRO CLUB E' MEGLIO DELLA SECONDA SQUADRA (SOLO LA JUVE HA FATTO DOMANDA PER L’ISCRIZIONE DELLA FORMAZIONE B) - LE SOCIETÀ SATELLITI SONO UTILI A FAR QUADRARE I CONTI TRA PLUSVALENZE E CALCIATORI DA PARCHEGGIARE - MA I GIOVANI TALENTI RISCHIANO - I PRECEDENTI GAUCCI E POZZO...

-

Condividi questo articolo

de laurentiis decaro de laurentiis decaro

Alberto Abbate per il Messaggero

 

De Laurentiis acquisisce il Bari e il Commissario Figc deve registrare un altro duro colpo alle seconde squadre (ieri la Corte d' Appello ha rimandato all' esame del Tribunale Federale il ricorso della Lega di B), una grande riforma annunciata in pompa magna e in difficoltà forse prima d' iniziare. Solo la Juve fa domanda per l' iscrizione della formazione B per lanciare i suoi giovani, De Laurentiis invece, come aveva fatto capire a maggio, segue l' esempio di Lotito e trova in Puglia la sua multiproprietà.

 

Un affare fiutato pure dal numero uno biancoceleste (non sazio della Salernitana), ma anche da altri patron (Preziosi, Cairo) in corsa per l' acquisizione. Ma, proprio in questa bagarre, è forse evidente la soluzione.

 

Appena tre mesi fa De Laurentiis sbraitava contro le seconde squadre perché non poteva mandare in C «gli esuberi del Napoli, mortificandoli e mettendone a repentaglio gli stinchi».

lotito lotito

 

Eppure adesso li dovrà spedire eventualmente fra i dilettanti, in attesa di riuscire a far risalire la china a una piazza storica.

 

Cos' è cambiato quindi? L' impressione è che anche stavolta, dietro questa discesa in campo, non ci sia affatto una missione nostalgica, ma piuttosto economica. Torna così in auge il tema delle multiproprietà come baby park d' interessi, persino in conflitto, dove far giocare tesserati fantasma o anche reali. Poco importa, per i bilanci di chi vive sempre più di calcio, sono plusvalenze essenziali.

 

L' ANNUNCIO Puliti o sporchi, i panni si lavano in famiglia: «Mio figlio Luigi si occuperà del Bari, l' ho convinto dopo giorni di chiamate e discussioni perché non si era mai interessato al calcio finora. Una cosa è certa, il Bari non sarà un' appendice del Napoli, ma procederà per conto proprio e con le proprie forze», si affretta a sottolineare, nella conferenza di presentazione, Aurelio De Laurentiis, alla presenza del sindaco di Bari, Antonio Decaro. E aggiunge: «Questa società ha una storia di ben 110 anni: dobbiamo fare una cavalcata rapidissima per cercare di tornare in Serie A e poi modificare le regole che non permettono di avere due squadre nella stessa serie. Cambiamenti che ora sembrano impossibili, ma in futuro dovranno essere la normalità.

ENRICO PREZIOSI ENRICO PREZIOSI

 

Una nostra risalita mette in crisi una possibile discesa di alcuni e cercheremo di lottare per questi cambiamenti perché io sono un guerriero». In realtà, non meno testardo Lotito, lotta col cognato Mezzaroma contro l' articolo 16 bis delle Noif da quando prese la Salernitana. Alla fine dall' ex presidente del Coni Petrucci riuscì a ottenere, sulla doppia proprietà di società professionistiche, solo una deroga.

 

gaucci santo domingo gaucci santo domingo

I PRECEDENTI De Laurentiis oggi come Lotito e Pozzo (multiproprietà tra Italia, Inghilterra e Spagna per il patron dell' Udinese); Gaucci (Perugia e Catania) e Sensi (Roma e Palermo) prima ancora. A Napoli la contestazione comunque non lo logora: «Non solo il Bari ma anche altre società... Basta che vai via dalla nostra città», uno degli striscioni apparsi sul lungomare Caracciolo. Il capo della Filmauro risponde: «Ho pagato parecchi soldi per fare un' indagine sulla tifoseria del Napoli, ed è risultato che oltre 40 milioni di persone tifano Napoli come prima squadra, mentre sono oltre 120 milioni quelli che lo tifano come seconda squadra.

 

pozzo pozzo

E allora non mi posso preoccupare solo dei pochi dissidenti che vengono allo stadio e che hanno un concetto antico di possesso del club». In effetti una volta i magnati (Berlusconi, Moratti, Agnelli) decidevano di far grandi solo le loro squadre del cuore, adesso per far quadrare conti e altri interessi si servono sempre più spesso dei satelliti. Il rischio è che così in Italia non emergano mai davvero giovani talenti, se non per caso in una finale Under 19 europea. Le seconde squadre delle big dovevano (o dovranno) servire proprio a questo, oltre a eliminare il tappo che spesso non fa mai più riemergere le sorelle cadute in rovina e rilevate successivamente. Già perché Napoli e Bari, Lazio e Salernitana al momento non potranno mai incontrarsi in Serie A. Ma poi, al di là della rarità, crollerebbe il conflitto in Coppa Italia?

gaucci 9 gaucci 9 SAADI GHEDDAFI E GAUCCI SAADI GHEDDAFI E GAUCCI

roberto fabbricini roberto fabbricini roberto fabbricini roberto fabbricini

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute