“CON LA JUVE E’ SEMPRE LA SOLITA STORIA..” – L’EX PATRON DELL’INTER MASSIMO MORATTI: “VEDERE LA PARTITA DI SABATO E’ STATA UNA SOFFERENZA. E’ IL PASSATO CHE TORNA” – “IL VAR? GIUSTISSIMO. MA DIETRO C’E’ SEMPRE UNA PERSONA…” – LA STOCCATA A SPALLETTI PER IL CAMBIO DI ICARDI- E POI PARLA DI MOURINHO, LIPPI, DEL 5 MAGGIO E RIVELA: L’ACQUISTO CHE AVREI VOLUTO FARE…”

-

Condividi questo articolo

Massimo Moratti Massimo Moratti

Da gazzetta.it

 

L'Inter è sempre nel cuore di Massimo Moratti. E da primo tifoso nerazzurro, qualcosa non gli è andato giù nella partita con la Juve. In occasione dell'incontro che lo ha visto protagonista all'Istituto nazionale dei tumori di Milano, l'ex presidente non si è trattenuto. "Per tanti interisti è stato un ritorno al passato, di colpo ti sei risentito coinvolto in pieno nella storia di una volta. Nel fatto di essere vittima di situazioni strane. Partite come quella di sabato ti fanno essere ancora più interista.

 

È stato eroico mantenere la partita in quel modo fino all’85’ e quindi forse si poteva riuscire a farlo per altri 5'". In questo senso c'è una critica a Spalletti e alla scelta di sostituire Icardi: "Il tecnico avrà avuto tutte le ragioni per poterlo fare, e io non sono l'allenatore. Ma forse agli occhi di un tifoso quel cambio lì ha tolto un po' di valore e di carattere alla squadra. Naturalmente ci sono state tutte le vicende che possono capitare in queste partite, quello che mi dispiace è che alla fine comunque stavamo vincendo, forse mantenendo lo stesso spirito e gli stessi giocatori avremmo portato a casa la vittoria".

IL FALLO DI PJANIC IN INTER JUVENTUS IL FALLO DI PJANIC IN INTER JUVENTUS

 

VAR — "Giustissima - ha proseguito Moratti - la sua introduzione, si è visto nelle sfide di Champions quanto manchi. Con tutto questo dietro il VAR c'è una persona e quindi anche quella può non vedere nella stessa maniera di qualcun altro. Ho vissuto con molta ansia Inter-Juve. Il fallo di Pjanic faceva parte di quella guerra che c'era in campo, mi sembrava che ogni momento fosse quello buono perché accadesse qualcosa di nuovo. Poi c'è stato un altro fallo su Cancelo.

 

CUPER MORATTI CUPER MORATTI

Ci sono molte cose che non quadrano". Iuliano-Ronaldo ma non solo: "Non prenderei quello che è successo nel '98 come termine di paragone rispetto a sabato scorso. Posso dire che ho visto di nuovo le immagini di allora e non capisco come Ceccarini abbia potuto dire che era fallo di Ronaldo".

 

5 MAGGIO — Moratti svela anche un retroscena sulla sua presidenza: "Le cessioni a volte le fai perché devi farle. L’acquisto che avrei voluto è Cantona, come sanno tutti, e avremmo vinto subito. Un mio errore all’inizio è stato badare poco alla difesa, ho preso molte promesse ma serviva gente esperta. Quando abbiamo preso Samuel siamo andati a posto. La delusione più profonda? Sicuramente quella sfida contro la Lazio il 5 maggio 2002".

MORATTI BORSA MORATTI BORSA

 

MOU E LIPPI — Capitolo Mourinho: "Rapporto molto buono, sempre. Di tutti i tecnici è quello che ha chiesto meno, mai chiamato per chiedere un giocatore, cosa che era prassi per altri. Un gran senso del dovere e del suo ruolo. Se chiese Quaresma? Fu quello che lo ha messo in condizione di non chiedere. La fuga al Real? Fece una cosa sbagliatissima. Prendere la macchina del Real e andare fu una stupidaggine, però con una cosa come il Triplete non posso che perdonarlo. E poi il giorno dopo era a casa mia. Ibrahimovic per Eto'o fu una operazione fatta molto bene". Su Lippi: "Eravamo usciti al preliminare di Champions, avevamo perso a Reggio Calabria, mancava la presa. Non credo di aver fatto una cosa ingiusta esonerandolo".

ronaldo iuliano ronaldo iuliano LO STOP DI IULIANO A RONALDO LO STOP DI IULIANO A RONALDO MORATTI THOHIR 2 MORATTI THOHIR 2 iuliano ronaldo iuliano ronaldo

 

iuliano ronaldo iuliano ronaldo moratti moratti 1998 - IL FALLO DI IULIANO SU RONALDO 1998 - IL FALLO DI IULIANO SU RONALDO MORATTI MORATTI MORATTI THOHIR MORATTI THOHIR MORATTI MOGGI MORATTI MOGGI MORATTI TRONCHETTI MORATTI TRONCHETTI facchetti moratti facchetti moratti MORATTI TRONCHETTI 1 MORATTI TRONCHETTI 1

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“BELEN È STATA IL MIO PIÙ GRANDE AMORE” - FABRIZIO CORONA SI CONFESSA A “VERISSIMO”: “IO E SILVIA PROVVEDI NON SIAMO MAI STATI UNA COPPIA. SIAMO DUE PERSONE DIVERSE CHE NON C’ENTRANO NULLA L’UNA CON L’ALTRA: SEMBRIAMO DUE ESTRANEI - NINA MORIC? È LA PERSONA PIÙ BUONA CHE ESISTA MA È ANCHE UNA PERSONA MOLTO PROBLEMATICA. E MOLTI PROBLEMI NASCONO PER COLPA MIA. IO E MIA MADRE NON CI PARLIAMO DA MOLTO TEMPO PER ORA NON VOGLIO UN RAPPORTO NÉ CON LEI NÉ CON I MIEI FRATELLI”

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO