MAGARI MODRIC - PER I GIORNALI SPAGNOLI (DI PARTE), IL CROATO RINNOVERÀ IL CONTRATTO COL REAL, PRONTO A OFFRIRE ANCHE PIÙ DEI 10 MILIONI ANNUI DELL'INTER. A FORZA DI TERGIVERSARE OPPONENDO LA CLAUSOLA RESCISSORIA DA 750 MILIONI, FLORENTINO PEREZ SAREBBE RIUSCITO A INFRANGERE I SOGNI NERAZZURRI - CHE SUCCEDE NEL RESTO DEL MERCATO D'ESTATE

-

Condividi questo articolo

modric modric

 

Michele Mazzeo per ''Libero Quotidiano''

 

Sono diminuite sensibilmente le probabilità di vedere Luka Modric (32 anni) con la maglia dell' Inter nella prossima stagione. La dirigenza del Real Madrid ha infatti ribadito al centrocampista croato la volontà di non cederlo (se non per i 750 milioni della clausola rescissoria) e ha promesso un rinnovo del contratto superiore al quadriennale da 10 milioni all' anno offerto dall' Inter.

 

Secondo le indiscrezioni che filtrano dalla Spagna, Modric, seppur tentato dall' avventura in nerazzurro, avrebbe deciso di restare a Madrid. La volontà della famiglia di non lasciare la capitale spagnola e l' importanza riservatagli dal club Merengue (stipendio parificato a quello di Sergio Ramos che lo farebbe diventare il più pagato in rosa) sarebbero stati i motivi ad averlo spinto a continuare la sua carriera in maglia blanca.

 

Strada dunque in netta salita per l' Inter che dopo aver perso Vidal e, probabilmente anche lo stesso Modric, dovrà cercare un' alternativa per il centrocampo prima della chiusura del mercato (venerdì prossimo alle 19).

 

Sembra dunque che neanche il nutrito gruppo di connazionali dell' Inter sia riuscito a convincere il campione croato: «Benvenuto Sime! Chi manca?» era infatti la frase con cui Perisic aveva voluto accompagnare una foto postata sulla propria pagina Instagram, uno scatto dove compariva insieme con Brozovic e Vrsalijko appunto, e nella quale aveva taggato proprio lo stesso Modric che ha messo il like al post facendo sperare i tifosi nerazzurri. Ma ad oggi il miglior giocatore dell' ultimo Mondiale sembra essere molto più vicino alla permanenza a Madrid che al trasferimento a Milano.

modric modric

 

Diversa invece la situazione che riguarda Keita Baldé (23), con l' Inter e il Monaco che hanno trovato l' intesa per il passaggio dell' esterno d' attacco senegalese alla corte di Spalletti sulla base del prestito oneroso da 6 milioni di euro e un diritto di riscatto fissato a 30 milioni. L' ex Lazio, non convocato dal tecnico dei monegaschi per la gara di Ligue 1 di oggi in casa del Nantes, potrebbe arrivare a Milano già lunedì. Potrebbe fare il percorso inverso Antonio Candreva (31), in un' operazione separata: il laterale ha aperto alla possibilità di un trasferimento nel Principato.

 

modric modric

Missione spagnola invece per la Roma con Monchi che rientrato per il week end a casa, a Siviglia, ha colto l' occasione per riaprire le trattative con il suo ex club per il centrocampista Steven N' Zonzi (29) con il quale c' è già un accordo (quadriennale da 3 milioni netti annui): adesso che il mercato in Premier si è chiuso e la concorrenza dell' Arsenal è svanita, il ds giallorosso spera di poter ottenere uno sconto sulla clausola rescissoria da 40 milioni presente nel contratto che lega il francese agli andalusi in scadenza nel 2019.

 

Sempre dalla Liga potrebbe arrivare il nuovo rinforzo per il Torino. Ieri infatti è stato ufficializzato il passaggio in prestito dal Chelsea al Valencia dell' attaccante belga Michy Batshuayi (24) che potrebbe favorire la partenza di Simone Zaza (27) per il quale i granata sono pronti a presentare un' offerta da 16 milioni, forti anche della voglia di rientrare in Italia della punta ex Juve.

 

modric modric

Trattativa che entrerà nel vivo la prossima settimana, mentre è in dirittura d' arrivo quella con lo stesso Chelsea per il prestito del nigeriano Ola Aina (21), così come quella che dovrebbe portare l' ex Inter Obi (27) al Chievo. Lascia il capoluogo piemontese anche l' ormai ex juventino Stefano Sturaro (25) che passa in prestito secco (per 2 milioni di euro) ai portoghesi dello Sporting Lisbona.

zaza zaza zaza zaza

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute