ORLAN! DAL BISTURI ALLA “REALTÀ AUMENTATA” - CAPIGLIATURA VERTICAL-MONUMENTALE BICOLORE, ABITO CON CATARIFRANGENZE VARIE, DUE CORNA DI SILICONE SULLA FRONTE COME I RAGGI DIVINI DEL MOSÈ DI MICHELANGELO, LA CELEBRE ARTISTA FRANCESE CHE HA FATTO DEL SUO CORPO UNA “PERFOMANCE”, SBARCA AL MUSEO MACRO CON UNA BOMBASTICA MOSTRA DI ARTE DIGITALE - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Video di Veronica Del Solda’

Orlan: la mostra al MACRO di Roma

 

Edoardo Sassi per il Corriere della Sera (ed. Roma)

ORLAN MUSEO MACRO ORLAN MUSEO MACRO

 

È conosciutissima, nel mondo, come una delle più radicali ed estreme rappresentanti dell' arte contemporanea, soprattutto a causa delle sue «performance chirurgiche».

Quelle vere e proprie operazioni, sia pure un po' folli - medici in sala, ma anche musicisti e attori - con cui dagli anni Novanta diede vita ad auto-metamorfosi ispirate a grandi icone della storia dell' arte tipo Monna Lisa o la Venere di Botticelli. Il tutto ripreso in video.

 

Ora la francese Orlan - all' anagrafe Mireille Suzanne Francette Porte, nata a Saint-Étienne, classe 1947 - dopo aver ripetutamente modificato il suo corpo (in un intervento, il settimo, si fece applicare due corna di silicone sulla fronte come i raggi divini del Mosè di Michelangelo), ha da tempo intrapreso un cammino di ricerca artistica finalizzato a opere che usano molto la «realtà aumentata» e le tecnologie 3D.

ORLAN MUSEO MACRO ORLAN MUSEO MACRO

 

Ed è in particolare questa Orlan versione-futuro - transitata dalla Body Art all' hi-tech - quella che ieri ha intrattenuto il pubblico per l' inaugurazione della sua personale al Macro di via Nizza, una mostra curata da Alessandra Mammì e dal titolo VideOrlan-Technobody (fino al 3 dicembre, martedì-domenica 10-30-19.30).

 

Capigliatura vertical-monumentale bicolore, abito con catarifrangenze varie, Orlan - sempre appariscente ma meno estrema di un tempo - ha spiegato le caratteristiche di questa sua mostra che molto punta su opere recenti virtual-digitali. Tra queste, Expérimental mise en jeu (2015-2016), videogioco con relativa installazione interattiva presentato per la prima volta in Italia . A questo esprit appartiene anche la serie Self-hybridations , opere di realtà aumentata che partendo dalle maschere dell' Opera di Pechino includono una Orlan versione-avatar che all' improvviso salta fuori dal «quadro» occupando acrobaticamente il telefonino dei visitatori (previo scaricamento di app).

ORLAN MUSEO MACRO ORLAN MUSEO MACRO

 

Una componente interattiva e perfino ludica (c' è anche un' opera-bersaglio in cui l' immagine può essere presa a pallettate dal visitatore) caratterizza questa esposizione che nel suo insieme bilancia l' immagine nota di una Orlan dark-madame della Body Art.

Quella che comunque si ritrova - corpo, sessualità, metamorfosi, opposizione alla supremazia maschile, opere vietate ai minori - nella parte più strettamente antologica di questa esposizione che, pur in sintesi, ripercorre l' intera avventura artistica di Orlan, dalle prime sculture fotografiche a oggi: «Non mi interessa la tecnologia a priori - ha detto ieri l' artista - ma al momento la considero il miglior mezzo per dire ciò che voglio dire».

ORLAN MUSEO MACRO - Alessandra Mammi' ORLAN MUSEO MACRO - Alessandra Mammi' ORLAN MUSEO MACRO - Anna Federici ORLAN MUSEO MACRO - Anna Federici dago e orlan 10 dago e orlan 10 dago e orlan 7 dago e orlan 7 dago e orlan 9 dago e orlan 9 dago e orlan 3 dago e orlan 3 dago e orlan 5 dago e orlan 5 dago e orlan 8 dago e orlan 8 dago e orlan 6 dago e orlan 6 dago e orlan 1 dago e orlan 1 dago e orlan 4 dago e orlan 4 ORLAN MUSEO MACRO ORLAN MUSEO MACRO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal