DUCATI, CON QUATTRO CERCHI AUDI - IL GRUPPO VOLKSWAGEN COMPRERÀ LA DUCATI PER 860 MLN € - I CRUCCHI SI ACCOLLERANNO PURE I 130 MLN € DI DEBITI CONTRATTI DALLA FINANZIARIA DI ANDREA BONOMI (CHE INTASCHERÀ IL DOPPIO DI QUANTO HA INVESTITO) - L’AUDI PUNTA AL MERCATO ASIATICO: TRA GLI ADVISOR CHE GESTIRANNO LA QUOTAZIONE SULLA PIAZZA DI HONG KONG, ANCHE BANCA IMI DI INTESA SAN PAOLO (TRA I PRIMI CREDITORI DELLA DUCATI) - CHE FINE FARANNO I MILLE DIPENDENTI DI BORGO PANIGALE?…

Condividi questo articolo

Teodoro Chiarelli per "la Stampa"

La cessione di Ducati all'Audi è ormai in dirittura d'arrivo. I consigli di vigilanza di Audi e della sua holding Volkswagen oggi pomeriggio dovrebbero autorizzare l'acquisto del marchio di Borgo Panigale per 860 milioni di euro dal fondo Investindustrial di Andrea Bonomi. Meno del miliardo che avrebbe chiesto inizialmente l'imprenditore milanese. Ma se si sommano i circa 130 milioni di euro di debiti che la società ha in pancia, i conti tornano. Con Ducati,che si affiancherebbe a brand di lusso come Bentley e Bugatti, salirebbe a 12 il numero dei marchi che fanno capo a Volkswagen.

Logo VOLKSWAGENLogo VOLKSWAGENAudiAudi

A muovere le fila per comprare l'altra «rossa» italiana è stato Ferdinand Piech, appassionato di moto e gran patron di Wolfsburg, la cui prima motocicletta è stata proprio una Ducati. Per Piech, nipote del leggendario Ferdinand Porsche e per anni alla guida prima di Audi e poi dell'intero gruppo Volkswagen, uno straordinario regalo di compleanno: lunedì scorso ha compiuto 75 anni. È a Piech, presidente del consiglio di sorveglianza del gruppo che si deve dunque il grande salto da Borgo Panigale a Ingolstadt, al centro della Baviera.

Solo la ferma determinazione dell'anziano industriale avrebbe consentito di superare le perplessità di chi, all'interno della holding di Wolfsburg,ritiene sbagliato investire in un'azienda discretamente indebitata nonostante il gran blasone. La rincorsa alla rivale Bmw sembra difficile. Soprattutto nel momento in cui il mercato motociclistico in Europa si è dimezzato e la crisi ha reso la moto un oggetto quasi di lusso. Ma Piech ha lo sguardo lungo e sembra puntare lontano, ai mercati asiatici in espansione.

VALENTINO ROSSI IN DUCATIVALENTINO ROSSI IN DUCATI

Ducati, vincitrice dal 1988 di 13 titoli mondiali nelle superbike (anche se da un paio d'anni, nonostante Valentino Rossi, non brilla al motomondiale) e rilevata dal fondo di Bonomi nel 2005 quando era sull'orlo del fallimento, è arrivata, con i suoi mille dipendenti e le 40 mila moto vendute, a fatturare 480 milioni di euro nel 2011.

VALENTINO ROSSI IN DUCATIVALENTINO ROSSI IN DUCATI

La «rossa» consentirebbe a Volkswagen, oltre a conquistare il suo dodicesimo marchio, di entrare dalla porta principale nel settore premium delle moto, sfidando lo strapotere della Bmw, unica casa presente nell'alto di gamma sia nelle quattro che nelle due ruote.

valentino rossivalentino rossi

«Se Investindustrial mantenesse il controllo di Ducati e non lo cedesse a un partner industriale - aveva detto ancora lunedì scorso Bonomi - commetterebbe un grosso errore per gli interessi dell'azienda». Secondo il numero uno di Investindustrial, «Ducati ha sete di globalizzazione. Per quanto ci venga riconosciuto quello che abbiamo fatto, l'aiuto che gli possiamo dare non è più adeguato, ci vuole un industriale. Non siamo pronti a essere industriali a lunghissimo termine». Bonomi ha anche detto che Investindustrial potrebbe mantenere una quota di minoranza nella società. «Non ci dispiacerebbe partecipare alla prossima fase di crescita».

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

politica

FRANCESCHINI, POCHI SOLDINI – ART BONUS, IL DECRETO DEI BENI CULTURALI CHE DOVEVA RACCOGLIERE FONDI DAI PRIVATI, HA RAGGRANELLATO LA MISERIA DI DUE OFFERTE – SOLO LA BREMBO DI BOMBASSEI E LA BANCA PASSADORE HANNO RISPOSTO “PRESENTE”

Il ministro Dario Franceschini sperava di raccogliere qualche milione di euro per finanziare il restauro della Domus Aurea di Nerone, che necessita di lavori per almeno 30 milioni di euro. Ma con i 200mila euro raccolti si mette a posto a stento una stanza…

business

ECCO A COSA SERVE LA CAMPAGNA OSSESSIVA DI MARPIONNE: WARREN BUFFETT TIFA PER IL MATRIMONIO FCA-GM - SE OLTRE AL FINANZIERE (CHE HA IL 3%), RIESCE A CONVINCERE ANCHE SINDACATI E AZIONISTI IMPORTANTI, POTRÀ SCAVALCARE L'AD MARY BARRA, PER CUI FIAT-CHRYSLER È UN BIDONE CHE VUOLE AGGANCIARSI AL BOLIDE GM

L’alternativa all’accordo sarebbe quella di un’opa ostile di Fca nei confronti di Gm. Ipotesi molto costosa e assai difficilmente realizzabile, che Marchionne esclude. L’importante per l'impulloverato, è mettere la rivale con le spalle al muro: o mi incontri, o dovrai spiegare nei dettagli perché ti fa schifo la mia azienda...

cronache

VIETNAM INEDITO – LE PARTITE DI BASEBALL A DIAU TENG, I TRASFERIMENTI IN JEEP E GLI SBARCHI DAI MITICI BELL UH-1 - L’UFFICIALE DI ARTIGLIERIA CHRISTOPHER GAYNOR HA IMMORTALATO LA GUERRA IN VIETNAM TRA IL ’67 E IL ’68 – ECCO I SUOI SCATTI, USCITI DAL CASSETTO DOPO OLTRE 40 ANNI - VIDEO

La guerra del Vietnam vissuta attraverso gli scatti di un giovano soldato, che ha ha riscoperto la sua collezione di fotografie decenni dopo la fine della guerra. Ecco gli scatti inediti dell’ufficiale di artiglieria Christopher Gaynor, che durante il suo anno di leva tra il 1967 e il 1968 – aveva 21 anni – ha trovato il tempo di immortalare le incursioni…

sport

FALLIMENTI OLIMPIONICI - I COSTOSISSIMI IMPIANTI SPORTIVI PER LE OLIMPIADI GIACCIONO OGGI ABBANDONATI IN GIRO PER IL MONDO – MENTRE ROMA LANCIA LA SUA CONDIDATURA PER IL 2024, LA DOMANDA SORGE SPONTANEA: NE VALE DAVVERO LA PENA?

Le sedi olimpiche rimangono lì, come grossi dinosauri bianchi che giacciono ai piedi delle città aspettando che col tempo la natura se li riprenda. Giganteschi santuari che conservano la speranza e l’illusione di una ricchezza smisurata, ma mostrano solo le crepe del disincanto e della desolazione…

cafonal