DUCATI, CON QUATTRO CERCHI AUDI - IL GRUPPO VOLKSWAGEN COMPRERÀ LA DUCATI PER 860 MLN € - I CRUCCHI SI ACCOLLERANNO PURE I 130 MLN € DI DEBITI CONTRATTI DALLA FINANZIARIA DI ANDREA BONOMI (CHE INTASCHERÀ IL DOPPIO DI QUANTO HA INVESTITO) - L’AUDI PUNTA AL MERCATO ASIATICO: TRA GLI ADVISOR CHE GESTIRANNO LA QUOTAZIONE SULLA PIAZZA DI HONG KONG, ANCHE BANCA IMI DI INTESA SAN PAOLO (TRA I PRIMI CREDITORI DELLA DUCATI) - CHE FINE FARANNO I MILLE DIPENDENTI DI BORGO PANIGALE?…

Condividi questo articolo

Teodoro Chiarelli per "la Stampa"

La cessione di Ducati all'Audi è ormai in dirittura d'arrivo. I consigli di vigilanza di Audi e della sua holding Volkswagen oggi pomeriggio dovrebbero autorizzare l'acquisto del marchio di Borgo Panigale per 860 milioni di euro dal fondo Investindustrial di Andrea Bonomi. Meno del miliardo che avrebbe chiesto inizialmente l'imprenditore milanese. Ma se si sommano i circa 130 milioni di euro di debiti che la società ha in pancia, i conti tornano. Con Ducati,che si affiancherebbe a brand di lusso come Bentley e Bugatti, salirebbe a 12 il numero dei marchi che fanno capo a Volkswagen.

Logo VOLKSWAGENLogo VOLKSWAGENAudiAudi

A muovere le fila per comprare l'altra «rossa» italiana è stato Ferdinand Piech, appassionato di moto e gran patron di Wolfsburg, la cui prima motocicletta è stata proprio una Ducati. Per Piech, nipote del leggendario Ferdinand Porsche e per anni alla guida prima di Audi e poi dell'intero gruppo Volkswagen, uno straordinario regalo di compleanno: lunedì scorso ha compiuto 75 anni. È a Piech, presidente del consiglio di sorveglianza del gruppo che si deve dunque il grande salto da Borgo Panigale a Ingolstadt, al centro della Baviera.

Solo la ferma determinazione dell'anziano industriale avrebbe consentito di superare le perplessità di chi, all'interno della holding di Wolfsburg,ritiene sbagliato investire in un'azienda discretamente indebitata nonostante il gran blasone. La rincorsa alla rivale Bmw sembra difficile. Soprattutto nel momento in cui il mercato motociclistico in Europa si è dimezzato e la crisi ha reso la moto un oggetto quasi di lusso. Ma Piech ha lo sguardo lungo e sembra puntare lontano, ai mercati asiatici in espansione.

VALENTINO ROSSI IN DUCATIVALENTINO ROSSI IN DUCATI

Ducati, vincitrice dal 1988 di 13 titoli mondiali nelle superbike (anche se da un paio d'anni, nonostante Valentino Rossi, non brilla al motomondiale) e rilevata dal fondo di Bonomi nel 2005 quando era sull'orlo del fallimento, è arrivata, con i suoi mille dipendenti e le 40 mila moto vendute, a fatturare 480 milioni di euro nel 2011.

VALENTINO ROSSI IN DUCATIVALENTINO ROSSI IN DUCATI

La «rossa» consentirebbe a Volkswagen, oltre a conquistare il suo dodicesimo marchio, di entrare dalla porta principale nel settore premium delle moto, sfidando lo strapotere della Bmw, unica casa presente nell'alto di gamma sia nelle quattro che nelle due ruote.

valentino rossivalentino rossi

«Se Investindustrial mantenesse il controllo di Ducati e non lo cedesse a un partner industriale - aveva detto ancora lunedì scorso Bonomi - commetterebbe un grosso errore per gli interessi dell'azienda». Secondo il numero uno di Investindustrial, «Ducati ha sete di globalizzazione. Per quanto ci venga riconosciuto quello che abbiamo fatto, l'aiuto che gli possiamo dare non è più adeguato, ci vuole un industriale. Non siamo pronti a essere industriali a lunghissimo termine». Bonomi ha anche detto che Investindustrial potrebbe mantenere una quota di minoranza nella società. «Non ci dispiacerebbe partecipare alla prossima fase di crescita».

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

UNIRE L'INUTILE AL DILETTEVOLE - DAL CUSCINO A FORMA DI GAMBE AL COCOMERO QUADRATO, DAI JEANS CON IL TANGA INCORPORATO AI PIEDI CON UNA VAGINA SULLA PIANTA: FOLLIE CHE CI FANNO AMARE IL GIAPPONE

Nel trionfo dell’inutile e del ridicolo, bisogna ammettere che c’è una certa dose di creatività. E i giapponesi sono famosi per averne tanta. Impiegata per rispondere a delle esigenze pratiche, come il flusso di muco o il sovrappopolamento negli alberghi, fino ai più futili capricci…

politica

LUCCIOLE PER LANTERNE ROSSE - TAZEBAO DEL “CORRIERE DELLA SERA” IN ONORE DI MAO-RENZI E DEL SUO DELFINO PIP-PO-QUO SALA CANDIDATO SINDACO DEL PD – LA VITTORIA DEL MANAGER EX MORATTI SEGNA LA NASCITA DEL “PARTITO DELLA NAZIONE” E PURE DEL “PARTITO CITTA’” – MA BALZANI E MAJORINO INSIEME HANNO RACCOLTO PIU’ CONSENSI DELL’EX AD DELL’EXPO FLOP …

Andare a occupare la poltrona di Palazzo Marino non si annuncia un'impresa facile per Pippone Sala. Mentre servirebbe una grande provvista di cautela da parte del Corriere e dei suoi sostenitori affinché l’aspirante sindaco non vada incontro a un flop più clamoroso del suo ultimo Expo...

business

COME LA FINANZA DIROTTA LA POLITICA - GUIDO MARIA BRERA NEL SUO BLOG FA PARLARE UN TRADER: ''CI DIVIDIAMO IN DUE CATEGORIE. I MATEMATICI, CHE SPESSO FANNO CROLLARE I MERCATI. E QUELLI CHE INTERVENGONO SULLE MACERIE, E INVESTONO SU OPERAZIONI GARANTITE DALLA POLITICA. COME ORA CON I CREDITI DETERIORATI'' - I PICCOLI RISPARMIATORI VENGONO FOTTUTI, VEDI ETRURIA, I GRANDI PATRIMONI SI ARRICCHISCONO

Prima si fa scoppiare la bolla, come con i mutui subprime. Poi si fanno intervenire le autorità, vedi Quantitative Easing, e si fanno soldi facili su quelle misure garantite dagli Stati. Ora si ricomincia, e si punta alle garanzie statali per estrarre le perle dall'apparente monnezza dei crediti deteriorati...

cronache

L'AUSTRALIA, PRIMO PRODUTTORE AL MONDO DI MOSTRI ANIMALI - UN TURISTA SI IMMORTALA ACCANTO A UN MOSTRUOSO GRANCHIO GIGANTE, CON CHELE LUNGHE OLTRE 1 METRO - SI CIBANO DI COCCO E VIVONO SULLA TERRAFERMA. PER INFESTARE I NOSTRI INCUBI

Appartenente alla specie del granchio da cocco, conosciuti anche come granchi ladri perché attirati da oggetti metallici e tessuti scintillanti, questo esemplare è uno dei più grandi mai rinvenuti in natura. Non è però un caso che quello ritratto abbia potuto raggiungere una grandezza da record…

sport

JUVENTUS-NAPOLI, SOSPETTI E VELENI - L'EX ALLENATORE DELL’INTER GIGI SIMONI: "SPERIAMO NON SUCCEDA NIENTE COME ACCADDE ALLA MIA SQUADRA NEL 1998” - PAOLO LIGUORI: “E' MATEMATICO, CI SARÀ UN ERRORE ARBITRALE A FAVORE DELLA JUVE SABATO SERA”

Era il 26 aprile 1998, quando, al Delle Alpi, i bianconeri, davanti in classifica di un punto, ricevono i nerazzurri. Sul campo finirà 2-0 per la squadra di Marcello Lippi, ma alla storia passerà come la gara del fallo di Iuliano su Ronaldo: l'arbitro Ceccarini di Livorno non assegna il penalty (apparso solare) all'Inter…

cafonal

CAFONALINO - BEN STILLER HA SCELTO ROMA PER L'ANTEPRIMA MONDIALE DEL SUO DELIRANTE, ATTESISSIMO E GIÀ STRACULT ''ZOOLANDER 2'' - 'SO CHE MILANO È LA CAPITALE DELLA MODA, MA ROMA È OPULENTA E MERAVIGLIOSA'. DOPO AVER GIRATO IN CITTÀ PER 4 MESI, IL RITORNO CON OWEN WILSON È ACCOLTO IN PERFETTO STILE 'MARZIANO A ROMA': ''ARIECCOLI!'' - LA FESTA, IL FLASH-MOB DA VALENTINO, LE PROIEZIONI

Ben Stiller racconta l'infanzia con due genitori famosi, ''passata da solo sul divano davanti a una televisione sempre accesa'', i primi sogni di cinema a 9 anni, la sfiducia sul suo talento, la confessione (ritrattata) di soffrire di sindrome bipolare - In vetrina a Piazza Mignanelli, i fan in selfie-delirio...