FONDO ELLIOTT NEWS - PRIME DIVERGENZE TRA IL MODERATO FULVIO CONTI E IL DIVISIVO ROCCO SABELLI - CONTI È A FAVORE DI LUIGI GUBITOSI, FUTURO AD - SABELLI VORREBBE GIOCARE UN RUOLO IN PRIMA LINEA - L’IRA DI CALENDA, A FAVORE DEL PIANO ELLIOTT, SUL PRESIDENTE DI CDP COSTAMAGNA

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

fulvio conti fulvio conti

Fulvio Conti e Rocco Sabelli, insieme con Roberto Sambuco della Vitale & C., stanno concertando la nuova strategia del Fondo Elliott. E già si sono subito notate le prime divergenze tra il moderato Conti e l’irruento e divisivo Sabelli. Infatti Conti è a favore di un atterraggio morbido di Elliott in Tim, mentre Sabelli vorrebbe giocare un ruolo in prima linea per gestire personalmente l’azienda telefonica. Come futuro amministratore delegato Conti vede in prospettiva Luigi Gubitosi.

 

ROCCO SABELLI ROCCO SABELLI

Nell’incontro di Conti con Amos Genish, l’israeliano ha voluto ufficializzare la sua posizione di fedeltà al suo piano industriale e di lealtà verso Bollorè che l’ha nominato. Da parte sua il ministro dello sviluppo economico Calenda questa mattina ha rilasciato una dichiarazione all’Ansa: “Il progetto di Elliott per Tim, che prevede scorporo e quotazione della rete è un progetto coincidente con quello che noi intendiamo fare per l'interesse pubblico''.

 

carlo calenda carlo calenda

Aumenta intanto l’ira di Calenda non si indirizza solo sul presidente di CDP Costamagna, Calenda ha chiesto, vista la situazione nuova in Tim, una presa di posizione. Risultato: zero.

costamagna da gruber costamagna da gruber

 

 

Condividi questo articolo

business

"LA FIAT E’ TECNICAMENTE FALLITA" – EZIO MAURO RACCONTA COME INIZIO’ L’ERA MARCHIONNE E LA PIU’ CLAMOROSA DELLE SUCCESSIONI AL VERTICE DEI 100 ANNI DI STORIA DELLA FIAT – L’INVESTITURA DI UMBERTO AGNELLI E LA ROTTURA COL PASSATO DI 'MARPIONNE': “MI PIACEREBBE CAPIRE PERCHÉ IN AMERICA GLI OPERAI MI RINGRAZIANO PER AVERGLI SALVATO LA PELLE E QUI INVECE VORREBBERO FARMELA, LA PELLE” – VALLETTA, GIANNI AGNELLI E CESARE ROMITI: LE SUCCESSIONI ALLA FIAT SONO IL MOMENTO DEL DIAVOLO…