MEDITA, MARPIONNE, MEDITA - L’AD FAREBBE MEGLIO A RIFLETTERE SU QUALCHE NUMERO, ANZICHÉ PROPINARCI I SUOI MODELLI SOCIO CULTURALI: 1.5 MLN DI AUTO PRODOTTE IN FRANCIA NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2010, 4,1 IN GERMANIA, OLTRE 930MILA IN GRAN BRETAGNA E 1,4 IN SPAGNA. SOLO 444MILA IN ITALIA - IL PROBLEMA DUNQUE NON È LA GLOBALIZZAZIONE, NÉ LA FIOM CGIL. MA LA FIAT, IL SUO MANAGEMENT E LA FAMIGLIA CHE NE MANTIENE IL CONTROLLO CON L’AIUTO DI MOLTI SOLDI ALTRUI…

Condividi questo articolo

Bankomat per Dagospia

marchionnemarchionne big

Marchionne farebbe meglio a darsi meno arie e comprarsi una giacca. E meditare su qualche numero, anziche\' far meditare noi sui suoi modelli socio culturali.

Un milione e mezzo di auto prodotte in Francia nei primi nove mesi del 2010. In Germania 4,1 milioni circa, oltre 930mila in Gran Bretagna e 1,4 milioni in Spagna. Solo 444mila in Italia. Parliamo di fior di Paesi europei che, in un anno certo non di grande boom, hanno prodotto in casa loro una enorme quantita\' di auto, con leggi civili e costi europei. E per carita\' di Patria non citiamo Polonia e Repubblica Ceca, che qualcuno potrebbe non ritenere paragonabili in tutto e per tutto all\'Italia.

catenacatena di montaggio

Questi dati desolanti pubblicati oggi da Repubblica , e con la precisazione ad esempio che in Germania l\'operaio guadagna 500 euro al mese più\' del collega italiano, sono un macigno sulle tante balle spacciate da anni dalla Fiat e dai suoi giornali e politici amici. Il problema dunque non e\' la globalizzazione, ne\' la Fiom Cgil che pure qualche suo problemino culturale lo ha. Il problema sono la Fiat, il suo management e la famiglia che ne mantiene il controllo con l\'aiuto di molti soldi altrui.

Ieri era uscito un altro dato: Audi investira\' in quattro anni oltre 11 miliardi, dei quali circa meta\' in Germania. Marchionne, ma di cosa stiamo parlando? Qui ci sono sul tavolo 11 miliardi di investimenti della sola Audi, non certo un produttore di auto di massa per il popolo.

AudiAudi

La grande abilita\' della Fiat e\' stata in questi anni far credere a tutti che c\'era un problema di mercato mondiale di cui era vittima la Fiat, ma che, soprattutto, le auto non si vendono perche\' per motivi di contesto esterno si produce poco e male in Italia. E\' vero l\'esatto contrario: si progettano e si vendono male le auto fiat sicche\' la produzione in Italia cala a livelli ridicoli.

JohnJohn Elkann

Ma gli esperti di auto e di marketing, oltre che i normali consumatori, pensano davvero che le auto Fiat si vendono poco perche\' costano troppo care? Per colpa dei privilegi del ricco e satollo operaio Fiat? Appare triste in questo quadro la soddisfazione del grande vecchio di casa Agnelli. Parliamo di quel Gabetti che assolto per ora dal Tribunale di Torino, insieme a Grande Stevens Avvocato Franzo, ma condannati entrambi da Consob, ha sempre rivendicato di aver fatto la cosa giusta nel garantire agli Agnelli il controllo di Fiat. Ad ogni costo.

MarroneMarrone Gabetti e Grande Stevens

Questo del resto e\' il male eterno del nostro sistema di capitalismo familiare: si profondono sforzi finanziari e manovre spesso legalmente border line per garantire la continuita\' dinastica. Vediamo il caso Ligresti in questi giorni.

Ed e\'triste una classe dirigente che da Berlusconi a Marchionne, da Geronzi a Passera, da Montezemolo a Colaninno, invece di migliorare le cose per gli italiani predica sempre agli Italiani su cosa e\' bene e cosa e\' male.

I dati sulle produzioni europee di auto sono duri e chiari: spocchiosi leader italiani, andate in Francia e Germania, non nel terzo mondo, e prendete appunti, grazie.

CORRADOCORRADO PASSERA

E non fracassateci più\' con le storie da finto libro cuore su Marchionne figlio di un carabiniere ed immigrato in Canada. Ma residente in Svizzera.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

PIPPITEL - BONOLIS FA RECORD CON “CIAO DARWIN 7”: 5,5 MILIONI (28,9% DI SHARE) MENTRE “I MIGLIORI ANNI” DI CONTI SI FERMA AL 20.49% - DOPO 7 ANNI SI PARLA DI UN RITORNO IN RAI DI BONOLIS CON UN PROGRAMMA IN PRIMA SERATA - VIDEO - UBALDO PANTANI IMITA DAGO

Su La7 Crozza Nel Paese delle Meraviglie ha intrattenuto 1.828.000 spettatori con il 6.89% - Vittoria netta di Frizzi nel preserale, exploit de "I Fatti Vostri" - TgOrfeo: 4.790.000 (23.96%), TgMimun: 4.173.000 (20.44%) - TgMentana: 1.119.000 (5.52%)...

politica

business

LA GUERRA DEL CORRIERE - MEDIOBANCA SFERRA IL CONTRATTACCO E STUDIA CONTRO-OPA IN CONTANTI SU RCS - L’AD DI PIAZZETTA CUCCIA NAGEL STA SONDANDO IMPRENDITORI COME PESENTI E BONOMI PER SUPERARE L’OFFERTA LANCIATA DA URBANO CAIRO E VINCERE IL DUELLO CON INTESA

Mediobanca non ha gradito che un concorrente come Intesa Sanpaolo si sia schierato al fianco dello scalatore Cairo- Dal canto loro i soci forti presenti nel capitale della Rcs, da Della Valle a Tronchetti, da Mediobanca a Unipol, mal sopportano che il Corriere finisca sotto il controllo di un imprenditore nato e cresciuto nell’alveo berlusconiano...

cronache

sport

IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ ROSSOBLU - FAVOLA CROTONE: LA CALABRIA TORNA IN A - MASSIMO MAURO: “UN PICCOLO LEICESTER” - “BAFFO” PALANCA, EX CATANZARO: “GRANDE GIOIA MA IL MIO CALCIO ERA DIVERSO DA QUELLO DI OGGI”- I TIFOSI FESTEGGIANO SULLE NOTE DEL CROTONESE RINO GAETANO - VIDEO

Basta un pareggio a Modena agli uomini di Juric per scatenare la festa: il Crotone è il terzo club della regione dopo Catanzaro e Reggina a giocare in serie A - Da qui passarono Florenzi, Bernardeschi, Mirante, qui ci sono Ricci, proprietà Roma, e Capezzi, in prestito dalla Fiorentina - Uno stadio piccolo, da 10mila spettatori: in A servirà la deroga....

cafonal

CAFONAL DAVID - TUTTE LE FOTO DEL RED CARPET: IN MANCANZA DI FILM, VALERIA MARINI FA SELFIE CON TUTTI, ANNA FOGLIETTA FA FAVILLE CON VESTITO TRASPARENTE, CLAUDIO SANTAMARIA FA LA GAG DEL 'MAGO GUARDA' - ILENIA PASTORELLI DAL 'GRANDE FRATELLO' AL TAPPETO ROSSO: ''RINGRAZIO BOBO VIERI'' - NIENTE TETTE, SIAMO AI DAVID

Vittoria Puccini, Matilde Gioli e la Foglietta esibiscono fiere il loro décolleté non esattamente prorompente, ma altre sconosciute bonazze tirano su il livello trash-tettonico - Gli 'accessori' più impegnati della serata sono stati i braccialetti e gli l'adesivi gialli con la scritta 'Verità per Giulio Regeni'...