MEDITA, MARPIONNE, MEDITA - L’AD FAREBBE MEGLIO A RIFLETTERE SU QUALCHE NUMERO, ANZICHÉ PROPINARCI I SUOI MODELLI SOCIO CULTURALI: 1.5 MLN DI AUTO PRODOTTE IN FRANCIA NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2010, 4,1 IN GERMANIA, OLTRE 930MILA IN GRAN BRETAGNA E 1,4 IN SPAGNA. SOLO 444MILA IN ITALIA - IL PROBLEMA DUNQUE NON È LA GLOBALIZZAZIONE, NÉ LA FIOM CGIL. MA LA FIAT, IL SUO MANAGEMENT E LA FAMIGLIA CHE NE MANTIENE IL CONTROLLO CON L’AIUTO DI MOLTI SOLDI ALTRUI…

Condividi questo articolo

Bankomat per Dagospia

marchionnemarchionne big

Marchionne farebbe meglio a darsi meno arie e comprarsi una giacca. E meditare su qualche numero, anziche\' far meditare noi sui suoi modelli socio culturali.

Un milione e mezzo di auto prodotte in Francia nei primi nove mesi del 2010. In Germania 4,1 milioni circa, oltre 930mila in Gran Bretagna e 1,4 milioni in Spagna. Solo 444mila in Italia. Parliamo di fior di Paesi europei che, in un anno certo non di grande boom, hanno prodotto in casa loro una enorme quantita\' di auto, con leggi civili e costi europei. E per carita\' di Patria non citiamo Polonia e Repubblica Ceca, che qualcuno potrebbe non ritenere paragonabili in tutto e per tutto all\'Italia.

catenacatena di montaggio

Questi dati desolanti pubblicati oggi da Repubblica , e con la precisazione ad esempio che in Germania l\'operaio guadagna 500 euro al mese più\' del collega italiano, sono un macigno sulle tante balle spacciate da anni dalla Fiat e dai suoi giornali e politici amici. Il problema dunque non e\' la globalizzazione, ne\' la Fiom Cgil che pure qualche suo problemino culturale lo ha. Il problema sono la Fiat, il suo management e la famiglia che ne mantiene il controllo con l\'aiuto di molti soldi altrui.

Ieri era uscito un altro dato: Audi investira\' in quattro anni oltre 11 miliardi, dei quali circa meta\' in Germania. Marchionne, ma di cosa stiamo parlando? Qui ci sono sul tavolo 11 miliardi di investimenti della sola Audi, non certo un produttore di auto di massa per il popolo.

AudiAudi

La grande abilita\' della Fiat e\' stata in questi anni far credere a tutti che c\'era un problema di mercato mondiale di cui era vittima la Fiat, ma che, soprattutto, le auto non si vendono perche\' per motivi di contesto esterno si produce poco e male in Italia. E\' vero l\'esatto contrario: si progettano e si vendono male le auto fiat sicche\' la produzione in Italia cala a livelli ridicoli.

JohnJohn Elkann

Ma gli esperti di auto e di marketing, oltre che i normali consumatori, pensano davvero che le auto Fiat si vendono poco perche\' costano troppo care? Per colpa dei privilegi del ricco e satollo operaio Fiat? Appare triste in questo quadro la soddisfazione del grande vecchio di casa Agnelli. Parliamo di quel Gabetti che assolto per ora dal Tribunale di Torino, insieme a Grande Stevens Avvocato Franzo, ma condannati entrambi da Consob, ha sempre rivendicato di aver fatto la cosa giusta nel garantire agli Agnelli il controllo di Fiat. Ad ogni costo.

MarroneMarrone Gabetti e Grande Stevens

Questo del resto e\' il male eterno del nostro sistema di capitalismo familiare: si profondono sforzi finanziari e manovre spesso legalmente border line per garantire la continuita\' dinastica. Vediamo il caso Ligresti in questi giorni.

Ed e\'triste una classe dirigente che da Berlusconi a Marchionne, da Geronzi a Passera, da Montezemolo a Colaninno, invece di migliorare le cose per gli italiani predica sempre agli Italiani su cosa e\' bene e cosa e\' male.

I dati sulle produzioni europee di auto sono duri e chiari: spocchiosi leader italiani, andate in Francia e Germania, non nel terzo mondo, e prendete appunti, grazie.

CORRADOCORRADO PASSERA

E non fracassateci più\' con le storie da finto libro cuore su Marchionne figlio di un carabiniere ed immigrato in Canada. Ma residente in Svizzera.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

BRUNETTA & COMPASSO - ''NAPOLITANO NON PRENDE ORDINI DELLA MERKEL PER ORIENTARE RENZI: È LUI, L'ILLUMINATO, CHE ANCORA COMANDA BARACCA E BURATTINI DEI POTERI FORTI''

Brunetta: ''Napolitano si è mosso da solo, non ha bisogno, lui, di prendere ordini da chicchessia. E’ lui il vero capo della Merkel. Smettiamo di sottovalutarlo. E’ inimmaginabile ancora adesso in Italia qualsiasi svolta contro la Merkel finché c’è lui, l’Illuminato''. Cos'avrà voluto dire Renatino? Ah, saperlo...

business

LE FINANZE PUBBLICHE RINGRAZIANO RENZI-COSTAMAGNA-DESCALZI PER L'OPERAZIONE SAIPEM, LE CUI AZIONI VALEVANO 7 EURO UN MESE FA E OGGI 0,36 CENTESIMI. MILIARDI BRUCIATI PER TOGLIERE LE CASTAGNE DAL FUOCO DI ENI, INDEBITANDO BANCHE (SOLDI CHE NON ANDRANNO IN PRESTITI ALL'ECONOMIA REALE) E CREANDO UN DANNO MICIDIALE A CDP. NE SARÀ VALSA LA PENA? AH, SAPERLO...

Moody's ha messo il rating provvisorio di Saipem 'Baa3' sotto osservazione in vista di un possibile taglio. La decisione è stata presa alla luce del fatto che "fondamentali molto più deboli dell'industria aumentano il rischio di cancellazioni e rinvii di progetti e riducono la spesa per investimenti nel settore del petrolio e del gas"...

cronache

sport

MALEDETTI TOSCANI - JUVENTUS-NAPOLI E’ ANCHE LO SCONTRO TRA I “COMPAGNI DI MERENDE” ALLEGRI E SARRI - I DUE SI SCONTRARONO NEL 2003, IN SERIE C2, SULLE PANCHINE DI SANGIOVANNESE E AGLIANESE - UN TIZIO IN TRIBUNA URLÒ: “SE SIETE ALLENATORI VOI DUE, POSSO FARLO ANCH'IO” - ORA SI GIOCANO LO SCUDETTO

Così diversi, Allegri e Sarri hanno in comune un soprannome legato alla struttura fisica: Allegri è Acciuga (glielo impose un livornese, Rossano Giampaglia) mentre il Secco è Sarri, che giocava terzino, poi stopper (non leggero nelle entrate, si narra). L'elenco delle squadre in cui ha giocato Allegri è molto lungo…

cafonal

CAFONALINO - BEN STILLER HA SCELTO ROMA PER L'ANTEPRIMA MONDIALE DEL SUO DELIRANTE, ATTESISSIMO E GIÀ STRACULT ''ZOOLANDER 2'' - 'SO CHE MILANO È LA CAPITALE DELLA MODA, MA ROMA È OPULENTA E MERAVIGLIOSA'. DOPO AVER GIRATO IN CITTÀ PER 4 MESI, IL RITORNO CON OWEN WILSON È ACCOLTO IN PERFETTO STILE 'MARZIANO A ROMA': ''ARIECCOLI!'' - LA FESTA, IL FLASH-MOB DA VALENTINO, LE PROIEZIONI

Ben Stiller racconta l'infanzia con due genitori famosi, ''passata da solo sul divano davanti a una televisione sempre accesa'', i primi sogni di cinema a 9 anni, la sfiducia sul suo talento, la confessione (ritrattata) di soffrire di sindrome bipolare - In vetrina a Piazza Mignanelli, i fan in selfie-delirio...