MONTE DEGLI SCAZZI DI SIENA - MPS SILURA L’EX SINDACO DI SIENA, PIERLUIGI PICCINI, DIRIGENTE DELLA BANCA A PARIGI. DEFINITO DALL’ATTUALE SINDACO CECCUZZI (SEMPRE PD) “UNO CHE MANOVRA NELL’OMBRA AL SICURO DI UNO STIPENDIO DORATO”, CHE FU GARANTITO DAI DS DOPO CHE VISCO SI OPPOSE ALLA SUA NOMINA ALLA FONDAZIONE MPS (POI IL PARTITO LO HA ESPULSO) - LA BANCA PRECISA CHE NON È STATO LICENZIATO. LA PROCEDURA È APPENA STATA AVVIATA…

Condividi questo articolo

Mario Gerevini per il "Corriere della Sera"

Pierluigi PicciniPierluigi PicciniPIERLUIGI PICCINIPIERLUIGI PICCINI

Una lettera da Siena, destinatario Pierluigi Piccini. L'ex sindaco della città del Palio, oggi dirigente di Monte Paschi Banque di Parigi, avrebbe ricevuto dalla capogruppo una comunicazione che, di fatto, gli preannuncia il licenziamento. L'avviso che la procedura è formalmente istruita è stato recapitato a Piccini, secondo indiscrezioni che circolano in banca, ma anche a numerosi altri dirigenti. La forma delle lettere è morbida, l'obiettivo implicito è «tagliare».

monte dei paschi di sienamonte dei paschi di siena

Un portavoce di Banca Mps, interpellato, afferma che «Pierluigi Piccini non è stato licenziato e ad oggi è ancora in forza a Monte Paschi Banque». Infatti la procedura è appena avviata. Del resto la riduzione del numero dei dirigenti, 70 tagli entro il 2012, è uno degli obiettivi di Mps. L'ex sindaco, 60 anni appena compiuti, dipendente Mps, rappresenta un pezzo di storia recente della città e della sua banca. È dal 2001 a Parigi con la carica di vicedirettore generale di Monte Paschi Banque.

CECCUZZICECCUZZI

Fino al 2001 aveva guidato il comune toscano per un decennio, protagonista assoluto della vita politica cittadina, ed era stato a un passo dalla nomina a presidente della Fondazione Mps. A sbarrargli la strada fu quell'anno una direttiva dell'allora ministro del Tesoro, Vincenzo Visco, che poneva una questione di incompatibilità. Tre anni dopo Piccini fu espulso dal partito con l'accusa di aver sostenuto candidati diversi da quelli espressi dai Ds.

VINCENZO VISCOVINCENZO VISCO

Fin dall'inizio la nomina alla filiale di Parigi è stata da molti interpretata come l'allontanamento di un personaggio ormai scomodo per il partito, con l'«aggravante» che in città godeva (e gode ancora) di largo seguito. Franco Ceccuzzi, il sindaco dimessosi a maggio, ha definito recentemente il suo ex collega «uno che manovra nell'ombra al sicuro di uno stipendio dorato».

 

 

 

Condividi questo articolo

business