NON MI EMERITI - LA POLTRONA DI BAZOLI DA PRESIDENTE EMERITO DI BANCA INTESA È VICINA ALLA SCADENZA, E PER L'86ENNE ''ABRAMO'' NON È PREVISTO IL RINNOVO: ''LA MIA AVVENTURA MILANESE STA PER FINIRE'' AVEVA DETTO NEL 2015, E INVECE È RESTATO A BORDO PER ALTRI TRE ANNI E MEZZO, PROBABILMENTE FINO AL RINNOVO DEL BOARD IL PROSSIMO 30 APRILE

-

Condividi questo articolo

 

Camilla Conti per ''il Giornale''

 

«La mia avventura milanese sta per finire», aveva detto lo scorso 6 ottobre 2015 l'allora presidente di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli.

 

gian maria gros pietro carlo messina giovanni bazoli gian maria gros pietro carlo messina giovanni bazoli

L'avventura è invece andata avanti per altri tre anni, il tempo necessario per accompagnare la transizione dal modello di governance duale a quello monistico, introdotto con il nuovo statuto approvato tre anni fa che ha previsto all'ultimo articolo - il numero 35 - la figura del «presidente emerito» ritagliata attorno all'86enne Bazoli.

 

Il quale, gratuitamente (la carica non è retribuita), ha potuto «esprimere pareri e partecipare a riunioni, con funzione consultiva, su richiesta del presidente e/o del consigliere delegato, affinché la nuova governance possa dispiegarsi in continuità di efficienza e di rigore» nonchè collaborare con il presidente del cda «nella progettazione e nella realizzazione delle iniziative culturali della società e del gruppo».

 

chiara bazoli con il padre giovanni chiara bazoli con il padre giovanni

L'incarico «emerito» però sta per volgere al termine. Perché, si legge sempre nello statuto, trova applicazione «per il triennio successivo alla prima applicazione delle modifiche introdotte dall'assemblea tenutasi in data 26 febbraio 2016». Ovvero fino al prossimo 26 febbraio, quando si terrà il cda per l'approvazione del bilancio 2018. È possibile che, considerando anche il ruolo di «consigliere» speciale dell'attuale board, il termine effettivo possa coincidere con la nomina del nuovo consiglio da parte dell'assemblea dei soci del 30 aprile.

 

giovanni elena bazoli tn giovanni elena bazoli tn

Al momento, però, non sono previste altre proroghe per l'incarico ad hoc inserito tre anni fa nello statuto a titolo di riconoscimento per il lavoro svolto da Bazoli dal 1982, quando l'allora ministro del Tesoro, Beniamino Andreatta, quattro giorni dopo la misteriosa morte di Roberto Calvi, risolve il crac del Banco Ambrosiano facendo fallire la banca e creando un nuovo istituto che affida a un avvocato bresciano conosciuto ai tempi dell'università Cattolica. Da avvocato di provincia a «banchiere per caso», Bazoli diventerà l'artefice di un lungo percorso che porterà, dopo la fusione avvenuta nel 2006 fra Intesa e il Sanpaolo di Torino, alla nascita del big del credito.

 

«Abbiamo sempre anteposto gli interessi dell'economia del Paese a quelli aziendali», ha detto ieri. Sottolineando che Intesa «è stata criticata in passato per essere stata la banca di sistema, oggi sarebbe criticata per non esserlo: guardiamo con un sorriso a chi critica e ignora che il dovere di ogni cittadino è di contribuire al progresso del Paese».

beniamino andreatta giorgio napolitano fto studio ambrosetti beniamino andreatta giorgio napolitano fto studio ambrosetti

 

Lungo la strada percorsa in questi anni il banchiere cattolico ha sempre avuto accanto l'amico Giuseppe Guzzetti (classe 1934), dominus dell'Acri e della Cariplo che lascerà il comando di entrambe a primavera. Difficile immaginarli in pensione ai giardinetti. Si dedicheranno alla filantropia, al sociale, alla cultura. E, dietro le quinte, a fare da tutori ai loro successori.

ENRICO LETTA GIOVANNI BAZOLI FOTO INFOPHOTO ENRICO LETTA GIOVANNI BAZOLI FOTO INFOPHOTO Beniamino Andreatta Beniamino Andreatta CARLO AZEGLIO CIAMPI E GIOVANNI BAZOLI CARLO AZEGLIO CIAMPI E GIOVANNI BAZOLI ASSEMBLEA GENERALI DI BANCA DITALIA GAETANO CALTAGIRONE E GIOVANNI BAZOLI FOTO LA PRESSE ASSEMBLEA GENERALI DI BANCA DITALIA GAETANO CALTAGIRONE E GIOVANNI BAZOLI FOTO LA PRESSE

 

Condividi questo articolo

business