SINDACATI ULTRAS: FIOM APPLAUDE PASSERA, CGIL TIFA PER SQUINZI IN CONFINDUSTRIA - LUPI ULULA IN RETE (IN VISTA DELLE ELEZIONI?): SPOPOLA LA SUA APP - ARENA SI RIMETTE SUI BINARI E SFIDA DI NUOVO LE FS, MENTRE VENDOLA PREFERISCE VIAGGIARE IN PORSCHE (ALLA FACCIA DELLA FIAT) - MONTECITORIO SI DÀ ALL’IPPICA: CHIESTE TASSE SUI GIOCHI PER SALVARE LE CORSE DEI CAVALLI - ATTACCO AI PROFESSIONISTI: TANTO RUMORE PER NULLA...

Condividi questo articolo

Da "Panorama Economy", in edicola domani

COPERTINA PANORAMA ECONOMY 7 marzo 2012COPERTINA PANORAMA ECONOMY 7 marzo 2012

1 - L'APP DELL'ONOREVOLE. LUPI E' IL PRIMO...
Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera e vigoroso maratoneta, l'ha subito adottata: evidentemente vuole andare sano e lontano in vista della prossima, imprevedibile campagna elettorale. E la sua App ha registrato migliaia di download sin dai primissimi giorni. È un'idea di due giovani imprenditori milanesi, Simone Dattoli (titolare di Inrete srl) e Luca Simonato (titolare di New Siram srl), convinti che «l'era Obama» sia iniziata anche da noi e che senza presidiare il web in mobilità i politici d'ora in avanti non andranno da nessuna parte.

«D'altronde» dicono «l'Italia è al primo posto in Europa per uso di smartphone e di tablet e la tendenza è in continua crescita: a oggi si contano già oltre 20 milioni di smartphone (equivalenti a 20 milioni di elettori!) ed entro il 2013 si stima che circoleranno nel Paese oltre 6 milioni di tablet». La App di Lupi elenca alcune funzionalità classiche - dalla biografia alla rassegna stampa, dalla fotogallery alla videogallery - e altre meno prevedibili, come la sezione dedicata al Montecitorio running club, e alla Fondazione costruiamo il futuro. Insomma: un sito, ben fatto, con le caratteristiche della mobilità.

MAURIZIO LUPIMAURIZIO LUPI

Partendo da questo modello, e dall'esperienza di altre numerose applicazioni sviluppate in questi ultimi mesi tra cui la visita virtuale della Camera dei deputati, Dattoli e Simonato hanno lanciato un progetto che si propone di aiutare i politici a sviluppare una propria App personalizzata per raggiungere il target dei giovani e meno giovani che quotidianamente utilizzano questi strumenti ormai alla portata di tutti. (s.l.)

2 - GLI APPLAUSI DI FIOM PER PASSERA...
Che il ministro alle Infrastrutture Corrado Passera sia la «colomba» del governo (specie agli occhi della Triplice sindacale e, in particolare, della Cgil) non è più una notizia da mesi. Ma era difficile immaginare che gli sarebbero arrivati anche gli applausi a scena aperta di Fiom-Cgil. È successo per Fincantieri, dove la sua mediazione ha evitato molti esuberi. (e.c.)

CORRADO PASSERA jpegCORRADO PASSERA jpeg

3 - E LA CGIL TIFA PER SQUINZI...
Nella corsa sul filo di lana per la nuova presidenza di Confindustria, la Cgil non ha alcun dubbio su e per chi tifare e, se possibile, tirare la volata. Per Giorgio Squinzi, naturalmente. Diverse le motivazioni. La prima è ovvia: Squinzi non parla (mai) di articolo 18 e ha chiuso decine di contratti, con i chimici della Cgil, senza un'ora di sciopero. Terzo motivo. I rapporti Camusso-Marcegaglia, dopo i primi amori, adesso sono invece pari a zero. (e.c.)

4 - ARENA SI RIMETTE SUL BINARIO GIUSTO...
Giuseppe Arena si rimette sui binari. L'imprenditore che aveva fondato nel 2006 Arenaways, prima azienda ferroviaria italiana privata, fallita nel luglio scorso, rinnova la sua sfida alle Fs con la nuova società Strade Ferrate Alta Italia. Costituita assieme a una cordata di imprenditori e dallo stesso Arena, dal 15 marzo i treni riprenderanno le corse Autozug, con auto al seguito verso la Germania, e Autoslaag verso l'Olanda. Entro maggio i convogli giallo arancioni viaggeranno sulla linea Torino-Milano e dall'11 giugno inaugurerà treni notte, il servizio abbandonato da poco da Trenitalia. (e.g.)

fiomfiom

5 - VENDOLA SFRECCIA IN PORSCHE SULLA PISTA DI NARDO'...
Nichi Vendola, da sempre sulle barricate contro la Fiat di Sergio Marchionne, si prepara ad aprire le porte della Regione alla Porsche. E con i tedeschi mette a posto tre situazioni e si toglie pure una soddisfazione avvantaggiando il gruppo Volkswagen, concorrente globale del Lingotto. Partendo dalla pista Prototipo costruita negli anni Settanta dalla Fiat a Nardò, in provincia di Lecce, messa in vendita dagli attuali proprietari. Il governatore insieme alla sua vice Loredana Capone avrebbe trovato in Porsche il cavaliere bianco che acquista la pista, fa tornare a lavorare i collaudatori e in più, insieme all'università del Salento, apre un centro ricerche proprio all'interno del circuito. (a.cal.)

SQUINZISQUINZI

6 - TASSE SUI GIOCHI PER SALVARE L'IPPICA...
Da Montecitorio arriva una speranza per l'ippica in crisi dopo due mesi di sciopero e ancora in attesa di linee guida per il 2012: con una mozione firmata da un gruppo di deputati Pdl, si chiede al ministero delle Politiche agricole di attivare nuovi finanziamenti attingendo dalla tassazione sui giochi. Richiesta a cui si è accodata da tempo Assosnai, l'associazione che raccoglie le agenzie di scommessa e che il 22 febbraio ha riconfermato alla presidenza l'ex numero uno di Snai Francesco Ginestra. (g.f.)

7 - PROFESSIONISTI/ COME FAR INFURIARE TUTTI SENZA COMBINARE NULLA...
Far infuriare tutti senza combinare niente di serio. È la fantasmagorica quadratura del cerchio colta dal governo tecnico in materia di professioni... Già, perché uno dei punti-chiave che ha scatenato la rivolta delle categorie professionali, cioè l'obbligo del preventivo, «sarà solo di massima»: ora, è chiaro anche a un bambino che un preventivo o è vincolante, e allora ha senso; oppure è «di massima», e allora perde ogni senso.

Arena GiuseppeArena Giuseppe

Anche l'abolizione dei tariffari, che doveva smontare quel poco (o quel tanto) di «cartello oligopolistico» che il legislatore ha individuato negli ordini, perde senso di fronte al concetto di «preventivo di massima». Ma conserva un potenziale destabilizzante: da quando il decreto è stato approvato, i tribunali italiani sono ancora più bloccati del solito. Già, perché i giudici non sanno più a quali tariffari rifarsi per liquidare le spese di giudizio. Aspettano, come Godot, un decreto attuativo.

E non è chiaro quali tariffe potranno applicare gli avvocati d'ufficio e quelli del gratuito patrocinio. Certo, sembrava populisticamente efficace attaccare la casta dei professionisti. Ma - opinioni a parte - una superprotesta per portare a casa innovazioni minime è un boomerang che di tecnico ha ben poco. (Sergio Luciano)

NICHI VENDOLANICHI VENDOLA

 

Condividi questo articolo