THE LIGRESTOS TRAGEDY? - I PM DI MILANO INDAGANO SU ISVAP E CONSOB, I VIGILANTES MANCATI SUGLI AFFARI DI TOTUCCIO E FAMIGLIA (IL FIGLIO DEL PRESIDENTE ISVAP IN FONSAI E QUELLO DELL’EX PRESIDENTE CONSOB CARDIA NEL PALAZZO DI DON SALVATORE) - UNA BANCAROTTA PREMAFIN SAREBBE LA FINE DI NAGEL E GHIZZONI - MEDIOBANCA VUOLE CHIUDERE IN FRETTA L’AFFARE UNIPOL-FONSAI PRIMA CHE LA PROCURA FACCIA SALTARE TUTTO…

Condividi questo articolo

Luca Fazzo per "il Giornale"

Giulia Paolo Jonella e Salvatore LigrestiGiulia Paolo Jonella e Salvatore Ligresti Salvatore LigrestiSalvatore Ligresti

Tre ore di interrogatorio per Flavia Mazzarella, vicedirettore generale dell'Isvap (l'autorità di controllo sulle assicurazioni) segnano ieri mattina l'apertura di un nuovo versante dell'inchiesta della Procura di Milano sulla crisi di Fonsai: il capitolo che chiama in causa gli organismi di vigilanza.

Man mano che emergono comportamenti anomali (per usare un eufemismo) del management della compagnia assicurativa di Salvatore Ligresti, tanto più robusti si fanno i dubbi del sostituto procuratore Luigi Orsi su come tutto questo sia potuto avvenire nell'indifferenza degli organi di sorveglianza interni (collegio sindacale e certificatori) ed esterni: Isvap e Consob.

Al nome di Salvatore Ligresti, già indagato per ostacolo all'attività di controllo, presto se ne aggiungeranno altri nel registro degli indagati, per i reati di aggiotaggio, insider trading e false comunicazioni sociali: la faccia scura con cui l'altro ieri Marco De Luca, legale dei Ligresti, ha abbandonato la stanza del pm Orsi non lascia presagire nulla di buono.

ALBERTO NAGELALBERTO NAGEL

Ma le preoccupazioni maggiori non riguardano solo i reati che vengono o che verranno contestai ai Ligresti e ai loro manager,ma l'altro ruolo che la legge assegna alla Procura della Repubblica: la tutela del mercato, con la facoltà (o meglio l'obbligo) di presentare istanza di fallimento in caso di dissesto irrecuperabile di società di capitali.

ALBERTO NAGEL E RENATO PAGLIAROALBERTO NAGEL E RENATO PAGLIARO

Ed è da questo versante che lo scenario è più cupo. La Procura non intende in alcun modo staccare la spina a Fonsai affossando il tentativo di salvataggio affidato da Mediobanca a Unipol: perchè Fonsai è una realtà imprenditoriale e occupazionale enorme. Ma è altrettanto certo che l'analisi compiuta finora dello stato patrimoniale del gruppo Ligresti ha convinto Orsi che si trovino in stato di sostanziale insolvenza non solo Fonsai ma anche e soprattutto le scatole finanziarie che la controllano, ovvero Premafin e Sinergia. Premafin, in particolare, se svalutasse la partecipazione in Fonsai che ne costituisce l'unico vero asset potrebbe considerarsi tecnicamente fallita.

FEDERICO GHIZZONIFEDERICO GHIZZONI

E se ci sono motivi di ordine pubblico per lasciare aperta la strada al salvataggio di Fonsai, non ci sono ragioni particolari per tenere in vita a tutti i costi le due finanziarie. É vero che il fallimento di Premafin penalizzerebbe Mediobanca e Unicredit, pesantemente esposte verso la holding, ma in situazioni analoghe (vedi Risanamento) la Procura milanese ha comunque ritenuto doveroso presentare istanza di fallimento per evitare l'aggravamento dello stato di insolvenza.

Federico GhizzoniFederico Ghizzoni

L'esito del caso Ligresti, insomma, potrebbe vedere separati i destini di Fonsai da quello delle holding a monte. Il salvataggio di Unipol (che nei piani di Mediobanca dovrebbe prendere il controllo di Premafin) riguarderebbe solo Fonsai. E se Premafin andasse al fallimento, molte storie che stanno venendo a galla potrebbero portare a formulare persino un'ipotesi di bancarotta fraudolenta.

Mediobanca prosege comunque con decisione sulla strada della pianificata integrazione industriale Unipol-Fonsai. Premafin ha invece chiuso il 2011 con una perdita di 440,3 milioni (-102,8 milioni nel 2010). I conti sono stati approvati ieri dal cda che ha svalutato il pacchetto Fonsai per 436,5 milioni, abbassando il valore di carico dei titoli da 7,4 a 3,95 euro sulla base degli impairment test di Pwc, e ha approvato il piano di risanamento.

 

 

 

Condividi questo articolo

business

‘’THE ECONOMIST’’ – ‘’LA VICENDA DI JEFF BEZOS EVIDENZIA ALCUNI ELEMENTI DELLA NATURA DEL POTERE NEL MONDO MODERNO - IL PRIMO È LA FRAGILITÀ DEL POTERE IN UN MOMENTO IN CUI LA PRIVACY È SEMPRE PIÙ A RISCHIO – SECONDO: LA CONCENTRAZIONE DI POTERE TECNOLOGICO E DI MERCATO MINACCIA DI TRASFORMARE PERSONE COME BEZOS O ZUCKERBERG IN “SINGOLI PUNTI DI FRAGILITÀ” (IN GERGO INFORMATICO, SINGOLE PARTI IL CUI MALFUNZIONAMENTO PUÒ COMPORTARE IL COLLASSO DI UN INTERO SISTEMA)’’

''SONO UN NINFOMANE CHE NON RAGGIUNGE MAI L'ORGASMO'' - KARL LAGERFELD È MORTO A 81 ANNI DICHIARATI, 85 PROBABILI. STILISTA, FOTOGRAFO, ILLUSTRATORE, ARTISTA, DESIGNER, ICONA POP E SUPERSTAR, COME UNICA STELLA POLARE AVEVA LA SCORRETTEZZA POLITICA. HA LAVORATO PER E RIVOLUZIONATO CHLOÈ, FENDI, CHANEL, MA ANCHE H&M. NEL 2001, APPASSIONATO DI JUNK FOOD E DI COCA COLA, PERDE 42 CHILI IN MENO DI UN ANNO, E LA SUA DIETA DIVENTA UN BESTSELLER. A 11 ANNI CHIESE ALLA MADRE ''COS'E' L'OMOSESSUALITA'?'' E LEI RISPOSE...