TREMANO LE AGENZIE DI VIAGGIO: AMAZON SI BUTTA PURE NEL TURISMO? - SECONDO MORGAN STANLEY, IL PROSSIMO MERCATO CHE JEFF BEZOS VUOLE CONQUISTARE È QUELLO DEI VIAGGI: ‘POTREBBE TRANQUILLAMENTE INVESTIRE 620 MILIONI ALL’ANNO DI DOLLARI, CIOÈ LA CIFRA NECESSARIA A BOOKING.COM ED EXPEDIA PER MANTENERE IL LORO CATALOGO DI HOTEL E AEREI..."’

-

Condividi questo articolo

Luisanna Benfatto per www.ilsole24ore.com

l impero di amazon jeff bezos l impero di amazon jeff bezos

 

Gradatim ferociter (passo dopo passo con audacia) è questo il motto usato da Jeff Bezos, l’uomo più ricco al mondo con un patrimonio di 112 miliardi di dollari, per la sua avventura nel turismo spaziale con Blue Origin.

 

Durante la cena del club degli esploratori che lo hanno premiato con il Buzz Aldrin Space Exploration Award, Bezos ha dimostrato anche a tavola di essere un uomo vorace e coraggioso azzannando un’iguana che faceva parte del menu a base di animali invasivi come la carpa asiatica, gli scarafaggi, e appunto l’iguana. Ma l’appetito per le esplorazioni cosmiche, che ha ribadito al gala con l’intenzione di investire ulteriormente nel business, potrebbe comprendere anche quelle terrestri.

 

 

JEFF BEZOS JEFF BEZOS

Secondo un’analisi di Morgan Stanley, Bezos dopo aver trasformato Amazon come il più grande marketplace globale, avrebbe ampi margini per diventare leader di mercato anche nel segmento dei viaggi online. Le ragioni, individuate dall’analista Brian Nowak sono principalmente due, l’audience e il traffico e la disponibilità economica.

 

Amazon, che aveva già provato a entrare in questo settore nel 2015 con Amazon Destination chiuso dopo pochi mesi, ha oggi 300 milioni di clienti, potenzialmente disposti a spendere i loro soldi sulla piattaforma per acquistare voli aerei e soggiorni in hotel. Mister Bezos, senza sacrifici nel 2018, potrebbe tranquillamente investire 620 milioni all’anno di dollari, cioè la cifra necessaria a Booking ed Expedia per mantenere il loro catalogo di hotel e aerei, per un nuovo servizio di viaggi targato Amazon.

JEFF BEZOS MANGIA IGUANA JEFF BEZOS MANGIA IGUANA

 

Anzi l’investimento per entrare in questo mercato, potrebbe essere decisamente inferiore. Nella simulazione dell’analista Nowak, Amazon potrebbe guadagnare 600 milioni di profitti all'anno solo con un business online delle dimensioni di metà di Expedia. L’appetito a Bezos non manca, non resta dunque che aspettare.

jeff bezos jeff bezos

 

Condividi questo articolo

business