TREMANO I BOIARDI E TIFANO PER LE ELEZIONI ANTICIPATE – CON IL VOTO A GIUGNO, I VERTICI DI ENI, ENEL, FINMECCANICA E POSTE VERREBBERO PROROGATI DA GENTILONI – MORETTI E DESCALZI SUB JUDICE PER LA MAGISTRATURA - CON LE URNE NEL 2018, IL PREMIER ORIENTATO A FARE NOMINE NON STRETTAMENTE RENZIANE – IN BILICO COSTAMAGNA A CASSA DEPOSITI: E’ IN ROTTA DI COLLISIONE CON GALLIA E FABRIZIO PAGANI

Condividi questo articolo

 

Dagonews

 

gentiloni e renzi gentiloni e renzi

Paolo Gentiloni, prima del ricovero all’ospedale Gemelli, aveva messo a punto uno schema per farsi trovare pronto in vista delle scadenze delle società partecipate: anche per allentare il pressing che i vari presidenti ed amministratori delegati stavano facendo su Palazzo Chigi.

 

mauro moretti (2) mauro moretti (2) descalzi descalzi

Lo schema era sufficientemente democristiano. Vale a dire, se si vota a giugno l’orientamento del premier è quello di prorogare gli attuali vertici; così da lasciare al governo che uscirà dalle urne la scelta su Enel, Eni, Finmeccanica, Poste. Unico caveat per Moretti in Finmeccanica e per Descalzi in Eni. Sul primo pende una condanna in primo grado per la strage di Viareggio. Sul secondo, un possibile rinvio a giudizio. Ed in entrambe le società è in vigore un codice etico che vieta di ricoprire cariche operative a chi ha condanne o rinvii a giudizio.

CAIO CAIO

 

Qualora, invece, si dovesse votare nel 2018, Gentiloni potrebbe decidere lui direttamente le nomine. Ed in tal caso, già si sente odore di bruciato. In primo luogo, perché nelle scelte verrebbero coinvolti anche gli emissari di Berlusconi, in virtù del Nazareno sommerso. Ed a quel punto, non tutti potrebbero essere certi della conferma. L’orientamento del premier, infatti, sarebbe di fare nomine non strettamente renziane.

francesco starace francesco starace

 

fabio gallia claudio costamagna fabio gallia claudio costamagna

Un altro che non se la passa benissimo è Claudio Costamagna. Il presidente della Cassa depositi e prestiti, culo e camicia con Renzi (portò lui Jamie Dimon da Matteo a Palazzo Chigi), sta vedendo offuscato il suo potere. In primo luogo per i pessimi rapporti con Fabio Gallia. Poi, perché è entrato in rotta di collisione con Fabrizio Pagani, potente capo della segreteria tecnica di Padoan.

 

FABRIZIO PAGANI FABRIZIO PAGANI

Il combinato disposto starebbe convincendo Costamagna a cambiare aria. Dalle parti di Cassa depositi e prestiti si scommette che potrebbe mollare in aprile. 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA