1- ALLONTANATE I PUPI E I DEBOLI DI CUORE E POI OSSERVATE BENE L’IMMAGINIFICA IMMAGINE SCATTATA DA MARIO PIZZI A PAPA’ CALTARICCONE E ALLA FIGLIA AZZURRA: SECONDO VOI, QUANTI FILM POTREBBE RICAVARNE UN SUDARIO ARGENTO IN VENA HORROR? - 2- TUTTA COLPA DEL “MANUALE DI GIORNALISMO” DI BARBANO, COL MITOLOGICO GIULIO ANSELMI CHE SOTTOLINEA COME IL LIBRO FACCIA “GIUSTIZIA DI MOLTI LUOGHI COMUNI TRA CUI QUELLO CHE I GIORNALISTI DELLA MIA GENERAZIONE FOSSERO MEGLIO DEI NUOVI” - 3- AVANTI PAOLINO MIELI CHE HA MESSO IN GUARDIA CONTRO “LA SPARIZIONE DELLA GERARCHIA DELLA NOTIZIA” (PAROLA DI UN MAGO!), MENTRE LUCIA ANNUNZIATA HA AMMESSO E MESSO IL DITONE NELLA PIAGA: “C’È UNA MALATTIA DEL SISTEMA CHE NON HA NULLA A CHE FARE CON LE NUOVE TECNOLOGIE”. MARIO ORFEO HA CONCLUSO: “LA DOMANDA DA PORSI È QUALE TIPO DI GIORNALISMO VORREMMO, NON SE SU CARTA O SUI NUOVI MEDIA” - 4- E SE LA SOLUZIONE, INTERNET O MENO, FOSSE DI SCOVARE E METTERE LE NOTIZIE? -

Condividi questo articolo
  • Foto di Mario Pizzi da Zagarolo

    VINCENZO CERAMIVINCENZO CERAMI

    Dal Messaggero - I nuovi media, i blogger, la crisi. Se ne è discusso nella sede della Fieg, alla presentazione del «Manuale di giornalismo», scritto da Alessandro Barbano, vice direttore del Messaggero, con Vincenzo Sassu.

    SVEVA BELVISOSVEVA BELVISO

    Ha fatto gli onori di casa Giulio Anselmi, presidente della Fieg. Moderati da Riccardo Staglianò, accanto ad Anselmi c'erano Paolo Mieli, direttore editoriale di Rcs libri, Lucia Annunziata, il direttore del Messaggero Mario Orfeo e il corrispondente di Le Monde, Philippe Ridet. In sala, l'editore del Messaggero Francesco Gaetano Caltagirone con la figlia Azzurra e l'amministratore delegato Albino Majore.

    ROBERTO IPPOLITOROBERTO IPPOLITO

    Presenti anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno con la vice Sveva Belviso, il presidente emerito della Consulta Francesco Paolo Casavola, il professore Pellegrino Capaldo, il generale Carlo Jean, il direttore del Censis Giuseppe De Rita, i giornalisti Paolo Graldi, nostro editorialista, ed Emilio Carelli di Sky. E tantissimi ragazzi, studenti di scuole di giornalismo.

    E' stato Anselmi a sottolineare come il libro faccia «giustizia di molti luoghi comuni tra cui quello che i giornalisti della mia generazione fossero meglio dei nuovi». Paolo Mieli ha messo in guardia contro «la sparizione della gerarchia della notizia», mentre Lucia Annunziata ha ammesso: «C'è una malattia del sistema che non ha nulla a che fare con le nuove tecnologie». Mario Orfeo ha concluso: «La domanda da porsi è quale tipo di giornalismo vorremmo, non se su carta o sui nuovi media».

     

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    RAI BABILONIA – A VIALE MAZZINI SI FANNO SEMPRE RICONOSCERE: PER LA CONVENTION DEI DIRITTI TV IN CALIFORNIA SONO PARTITI BEN 14 DIRIGENTI DA ROMA! SKY NE HA MANDATI SOLO 4, MEDIASET 3, DISCOVERY UNO DALL’ITALIA E UNO DALLA SPAGNA…

    Ci sono i referenti delle tre reti, poi della fiction, degli acquisti e via dicendo. Ma le serie cult se le accaparra sempre il network di Murdoch. Il renziano Anzaldi: “I risparmi valgono solo per i giornalisti che seguono le autorità all’estero?”...

    politica

    VIRGINIA RAGGI? ASSENTE! CONTINUA LA FUGA DELLA CANDIDATA GRILLINA. DALLA D’URSO PRESENTI GIACHETTI MELONI E MARCHINI – SI PUÒ VOTARE PER LA GUIDA DELLA CITTÀ PIÙ “MOSTRUOSA” D’ITALIA UNA NON-POLITICA DOTATA SOLO DI “BELLA PRESENZA”, INCAPACE DI ARGOMENTARE UNA FRASE DI SENSO COMPITO, CHE VA AVANTI COME UN’AMBRA CON AURICOLARE VIA BONCOMPAGNI?

    «La candidata del M5S non ha accettato il nostro invito. La sua poltrona è vuota», ha detto la conduttrice. Critici gli avversari: «Noi dobbiamo rispetto ai romani, una forma di rispetto è confrontarsi, non si può scappare sempre», ha detto Giachetti. «Le avevamo anche detto che se veniva poteva tenere l'auricolare per farsi suggerire risposte dalla Casaleggio», ha rincarato Meloni...

    business

    CAMBIANO I GOVERNI, NON I CONFLITTI D'INTERESSI - DIETRO L'OPERAZIONE CDP-POSTE, UN FESTIVAL DI MAGAGNE INCROCIATE: POSTE SARÀ CONTROLLATA DA UN'AZIENDA CHE LE VERSA 1,6 MLD DI COMMISSIONI, IN UN'OPERAZIONE SPONSORIZZATA TRA GLI INVESTITORI DA EQUITA SIM DI PROFUMO, CHE NEL FRATTEMPO FACEVA DA CONSULENTE PER IL TESORO

    Oggi Poste percepisce da Cdp 1,6 miliardi come commissione di gestione del risparmio postale. Dopo l’operazione, quindi, Poste sarà in maggioranza controllata da una sua controparte contrattuale. E l'altro consulente della faccenda è stata Goldman Sachs, dove lavorava Costamagna...

    cronache

    LE DIETE? SONO UNA BOIATA PAZZESCA - DAI RIMEDI CONTRO IL COLESTEROLO AI FRUTTI CONTRO LA PRESSIONE ALTA: TUTTI I CONSIGLI ALIMENTARI BUFALA - OGNUNO DI NOI RISPONDE IN MANIERA DIVERSA AL CIBO E LA RIPOSTA STA NEI BATTERI INTESTINALI...

    Un libro smonta i falsi miti delle diete - Dagli anni ’80 ci hanno martellato con l' idea che i cibi grassi fanno male, ma gli abitanti di Creta, tra i maggiori consumatori di grassi al mondo, sono una delle popolazioni più sane e longeve - I cubani sono molto più sani degli americani anche se assumono il doppio degli zuccheri. Allora?

    sport

    cafonal