1. MILANO È DAVVERO UNA CITTÀ CHE NON SI FA MANCARE NULLA. SCODELLA L’ALTO (LA MOSTRA DEDICATA AGLI SCATTI DEL FOTOGRAFO AMERICANO CHRISTOPHER MAKOS) E APPARECCHIA IL BASSO (IL “CONVIVIO”, LA MOSTRA-MERCATO DEGLI STILISTI DOVE SI VENDONO PRODOTTI DI LUSSO A METÀ PREZZO, E IL RICAVATO VA ALLA RICERCA SULL’AIDS) 2. TRA VENTURA E HUNZIKER, TRA CAVALLI E SOZZANI, E ALTRI SALTIMBANCHI, A SORPRESA, SONO APPARSI DON MAZZI E LELE MORA. "UN TRIONFO DI BELLEZZA", CHIOSAVA UNA FAMOSA DAMA MENEGHINA, "PARE LA SAGRA DELL'UVA", RIBATTEVA UN PRINCIPE 3. MEJO PETTINARSI GLI OCCHI CON LE IMMAGINI SPLENDIDE DI MAKOS CHE HA DOCUMENTATO LA MOVIMENTATA SCENA NEWYORKESE DEGLI ANNI ’80, DOMINATA DA ANDY WARHOL

Condividi questo articolo
  • 1. TUTTA LA MODA MENEGHINA SI ATTOVAGLIA PER “CONVIVIO”

    Ivan Rota e Alberto Dandolo per Dagospia

    simona ventura con sara cavazza facchini 1 simona ventura con sara cavazza facchini 1

     

    E ancora ci siamo, e ci sono "tutti": torna infatti a Milano Convivio, la mostra-mercato a scopo benefico che raccoglie fondi a favore di ANLAIDS, Associazione Nazionale per la lotta contro l’AIDS. L'evento, nato nel 1992 da un'idea di Gianni Versace, insieme a Gianfranco Ferrè, Giorgio Armani e Valentino, si tiene a Fieramilanocity e vede coinvolti numerosissimi brand internazionali specializzati in moda, design e servizi, i cui prodotti donati sono venduti al 50 % del prezzo di listino.

     

    sara cavazza, mathias e manule facchini con franca sozzani 1 sara cavazza, mathias e manule facchini con franca sozzani 1

    Alla serata d'inaugurazione oltre duemila persone e più di mille alla cena che ne è seguita. Un trionfo di mondanità, in realtà poco internazionale, ad esclusione di Eva Herzigova  che ha passato il tempo a farsi fotografare in compagnia di Franca Sozzani. E, come sempre, tra i vip presenti Simona Ventura con Gerò Carraro, Michelle Hunziker con Tomaso Trussardi, Margaret Madè, Melissa Satta e poi saltiamo altrimenti sembra la lista della spesa.

     

    stefania rocca foto lapresse stefania rocca foto lapresse

    Però, a sorpresa, sono apparsi Don Mazzi e Lele Mora. "Un trionfo di bellezza", chiosava una famosa dama meneghina, "Pare la sagra dell'uva", ribattteva un principe. Diversi punti di vista, ma la sicurezza che i tavoli personalizzati, seguendo il diktat "fantasy", erano un capolavoro: tra questi spiccava quello dedicato a "Maleficient" ideato da Maria Sole Brivio Sforza e Francesca Versace.

     

    lele mora e don mazzi foto lapresse lele mora e don mazzi foto lapresse

    E che dire di quello tutto da mangiare della fantastica Floriana Mentasti? Per paura forse che gli ospiti non avessero abbastanza di cui nutrirsi, ha creato delle sculture di tramezzini, caciocavallo, pomodori e fragole. Mentasti ha ospitato Marta Brivio Sforza, Gaddo della Gherardesca, il principe Windish Graetz, Paolo e Giuliana Clerici, e i Caprotti (Esselunga): ciliegina sulla torta Starlight Melody, la fantastica figlia di Marisa Berenson.

     

    francesco facchinetti foto lapresse francesco facchinetti foto lapresse

    Assoldato il fior fiore degli stylist per addobbare i tavoli. "Può fare una foto con quest'auto?" chiede il fotografo, Silvia Urso Falck risponde ironica: "Ma mi devo mettere sul cofano?". Istantanee di una serata bizzarra che ha avuto come regina Laura Chiatti,  simpatica e bella come il sole (con una memoria d'elefante...) Tanta eleganza, ma anche tanti abiti da dimenticare.

     

    Caccia al direttore: è sinceramente bello, è il più corteggiato (non solo) di Milano: al tavolo dove sedeva c'era la fila di "pretendenti". E la signora alla quale un'importante giornalista ha girato per tutta sera le spalle? E il giornalista che ha dato della "megera" alla signora che gli chiedeva come si chiama pur conoscendolo da anni? E, per la prima volta, spazio anche al vino con l'Enoteca voluta da Franco e Umberta Gussalli Beretta.

     

    eva herzigova franca sozzani foto lapresse eva herzigova franca sozzani foto lapresse

    Tutti, prima della cena, allo stand dell'arte curato egregiamente da Paola Manfrin. Un evento di solidarietà che si ripete  grazie anche all'impegno di una  squadra. Tra questi il comitato promotore, Franca Sozzani anima della manifestazione fin dal 1998, la Magister Team come segreteria organizzativa, il Consiglio Direttivo con il Presidente Francesco Micheli e i Consiglieri Raffaele Jerusalmi, Franco Carlo Papa, Ada Gigli Marchetti, Roberto Confalonieri, tutti i media e la moltitudine di volti famosi che, anche quest'anno, stanno prestando la propria immagine per promuovere la raccolta fondi.

    beatrice borromeo foto lapresse beatrice borromeo foto lapresse

     

    A ogni edizione Convivio ha registrato un crescendo di successi e i numeri lo dimostrano: dai 22mila visitatori del 1992 agli oltre 50mila del 2012; dai 400 volontari iniziali, agli 800 dell’ultima edizione, fondamentali per la squadra di Convivio; dal miliardo e seicento milioni devoluti ad ANLAIDS nel 1992 ai due milioni e centoventinove mila euro del 2012.

     

    Anche quest'anno all'interno della Mostra Mercato non è mancato lo spazio dedicato al Vintage, curato da Warly Tomei. Sono stati venduti in un attimo abiti e accessori provenienti da eleganti e private "cabine armadio", da archivi storici di stilisti o capi indossati direttamente da celebrities nazionali e internazionali durante i più importanti eventi mondani come la Prima della Scala.

    ana laura ribas foto lapresse ana laura ribas foto lapresse

     

    A mezzanotte già quasi tutti in piedi, pochi se ne sono rimasti a ballare. Tutti quelli che sono rimasti si interrogavano su una famosa "sorella di" che si sarebbe sottoposta a un lifting "intellettual-cultural-benefico".... Non ci si può credere, ma se lo dice lei...

     

     

    2. CARLA SOZZANI PORTA MAKOS E LA FACTORY DI WARHOL A MILANO

    trussardi hunziker foto lapresse trussardi hunziker foto lapresse

    Ivan Rota e Alberto Dandolo per Dagospia

     

    Finalmente una mostra che ci fa riappacificare con il mondo dell'arte: Ports 1961 presenta “Altered Images by Christopher Makos”, una mostra itinerante dedicata agli scatti del fotografo americano, divenuto famoso per la sua amicizia personale con Andy Warhol che lo definì “the most modern photographer in America”.

     

    vanna quattrini;saturnino vanna quattrini;saturnino

    Nato nel Massachusetts e formatosi con Man Ray alla fine degli anni ‘70, Makos ha documentato con i suoi scatti la movimentata scena newyorkese degli anni ’80, immortalando astri nascenti del calibro di Matt Dillon, Robert Downey JR. e Tom Ford. Curata da Gianni Mercurio, la mostra, che raccoglie 62 tra gli scatti più significativi tratti dagli archivi di Makos, è stata presentata in anteprima alla Galleria Carla Sozzani.

    svetlana taccori svetlana taccori

     

    Dopo il debutto milanese, Ports 1961 porterà l’esposizione in 7 capitali mondiali, partendo da Settembre a New York, Londra e Parigi e proseguendo a Novembre con Tokyo, Seoul, Hong Kong e Shanghai. Per celebrare questa collaborazione, Fiona Cibani, Direttore Creativo di Ports 1961, ha ideato una speciale capsule collection che cattura l’essenza dell’opera di Makos utilizzando come grafiche tre suoi ritratti di Andy Warhol tratti dalla serie “Altered Images”.

     

    salem cibani;christopher makos salem cibani;christopher makos

    Realizzate nel 1981 come omaggio agli scatti firmati Man Ray di Marcel Duchamp nei panni del suo alter ego femminile Rrose Selavy, queste immagini vengono impresse sui capi con un’originale stampa sovrapposta su due tessuti, jersey e satin, che crea un particolare effetto tridimensionale. Ad impreziosire t-shirt, felpe e mini-dress le maxi zip dorate sui fianchi e il dettaglio di camicia bianca che spunta dal fondo, entrambi elementi iconici dello stile Ports 1961.

    makos fotografa warhol in drag makos fotografa warhol in drag

     

    La capsule collection, in vendita da 10 Corso Como per la durata della mostra, sarà poi disponibile nelle altre capitali in contemporanea all’esibizione e si arricchirà ad ogni tappa di un modello realizzato solo per quella città, dalla biker jacket creata per Londra alla cappa in esclusiva per Shanghai.

     

    Al vernissage un pubblico selezionato accolto da una ringiovanotissima Carla Sozzani, anima di Corso Como 10. Christoper Makos ha stupito tutti con la sua innata simpatia: si stendeva anche per terra a uso e" consumo" dei fotografi. Tra i presenti Michela Moro, Ariela Goggi, Ginevra Rossini, Alessandra Ianzito, Carlo Ducci, Fiammetta De Simone.

     

     

    christopher makos; paul solberg christopher makos; paul solberg

    3. MAKOS: "COSÌ IMMORTALAI WARHOL E LA FACTORY" - NELLE IMMAGINI LA SCENA ARTISTICA NEWYORCHESE. COLTA SENZA FILTRI

    Matteo Sacchi per “il Giornale

     

    Christopher Makos arriva alla Galleria Carla Sozzani indossando un completo a righe e scarpe da tennis fosforescenti.

     

    Stringe mani, si agita come un folletto, ma sempre con una parola gentile per tutti. Un solo divieto: «Non mi chiediate più come ho incontrato Andy Warhol. Non è meglio se guardiamo le foto?». Infatti è a Milano per inaugurare, oggi, a 10 Corso Como, la sua mostra Altered Images. Scatti che ritraggono quello che è stato l'epicentro creativo della New York anni '70 e '80: proprio a partire dalla Factory di Warhol.

     

    christopher makos;salem e fiona cibani; christopher makos;salem e fiona cibani;

    E allora mentre corre da un'immagine all'altra, questo greco-italiano - nato a Lowell Massachussets, cresciuto in California e adottato da New York - racconta, pescando da un serbatoio di ricordi grande come l'arte contemporanea. «Queste sono le foto che io e Warhol abbiamo pensato come riflessione sull'identità, guardando indietro a Marcel Duchamp e a Man Ray». Scatti in cui Warhol indossa parrucche femminili, orecchini, drappi bianchi. A volte ha il viso imbiancato «come fosse una maschera, un quadro vivente». Poi c'è una foto «normale».

     

    christopher makos christopher makos

    Makos ti ci mette davanti e dice: «Guardalo bene negli occhi... Fatto? Ecco anche se tu fossi stato alla Factory difficilmente saresti riuscito a guardare Andy così. Non guardava mai fisso negli occhi nessuno». Ma non c'è solo Warhol, ci sono tutti gli scatti più belli di White Trash il libro del '77 in cui Makos ha mischiato la scena punk newyorkese del CBGB'S con quella che allora era la cultura alta della città: Basquiat che tiene un mappamondo e un punkettone con l'orecchino a lametta, Keith Haring che fissa l'obbiettivo, una ragazza con la cresta.

    benedetta pozzi;fiammetta pozzi benedetta pozzi;fiammetta pozzi

     

    E Makos mentre «boicotta» ogni tentativo di quiete di chi lavora all'allestimento: «Haring timido? Ma no per me è stato facile fotografarlo, era un amico io ho fatto solo foto ad amici. Basquiat? Lo presentai io a Warhol, come Haring. Non gli piaceva essere considerato un artista africano».

     

    Ma possibile mai un personaggio che l'abbia intimidito? Si fa pensoso:«Liz Taylor, lei sì. Quando l'ho fotografata aveva un vestito rosa, i fiori nei capelli e quegli occhi viola. All'inizio ero paralizzato. Ma alla fine era docilissima, una bambina». Alla fine il fotografo mette il freno a mano: «Rispetto il passato, ma adoro il presente e sono proiettato verso il futuro, ora lavoro a un progetto bellissimo The Hilton Brothers e collaboro con il brand Ports 1961, scrivete anche quello?».

     

    altered images by christopher makos mostra altered images by christopher makos mostra

    E poi visto che non si può sfuggire lo dice: «Io non sono andato a New York per Warhol è stato un incontro casuale. E appena ci siamo visti il legame è stato inevitabile. Le stesse scuole cattoliche, repressive, lo stesso percorso. Scrivevamo addirittura allo stesso modo». A quel punto «ruba» un quadernetto. Fa due firme una Andy Warhol una Christopher Makos. Una finta che sembra vera, una vera che sembra vera. La Factory è tutta in questo giochetto.

    christopher makos; ginevra rossini;salem cibani;paul solberg christopher makos; ginevra rossini;salem cibani;paul solberg

     

    ginevra rossini ginevra rossini altered images by christopher makos shop altered images by christopher makos shop christopher makos jean michel basquiat may 29 1984 photographs prints and multiples other christopher makos jean michel basquiat may 29 1984 photographs prints and multiples other altered images christopher makos altered images christopher makos stefania baldan;anna rusconi stefania baldan;anna rusconi salem cibani;fiona cibani 1 salem cibani;fiona cibani 1 salem cibani;fiona cibani photo salem cibani;fiona cibani photo matteo ceccarini dj matteo ceccarini dj makos fotografa warhol makos fotografa warhol christopher makos; gianni mercurio christopher makos; gianni mercurio elio fiorucci elio fiorucci gianni mercurio gianni mercurio fiona e salem cibani;carla sozzani;c. makos fiona e salem cibani;carla sozzani;c. makos makos fotografa mick jagger makos fotografa mick jagger j j martin j j martin makos fotografa andy warhol. philip johnson makos fotografa andy warhol. philip johnson makos fotografa warhol (1) makos fotografa warhol (1) makos fotografa david bowie makos fotografa david bowie makos fotografa liza minnelli e john lennon makos fotografa liza minnelli e john lennon

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    viaggi

    salute