VIDEO-CAFONAL DE ROMA - GRANDE FOLLA ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI FULVIO ABBATE, "ROMA", CON PALOMBELLI E VERDONE: "SI FANNO FILM COME 'LA GRANDE BELLEZZA' MA ORMAI LA CITTÀ È UNA SALMA" - INCONTRARE NANNI MORETTI AL BAR DI MONTEVERDE

Verdone: "Fulvio Abbate lo incontro al bar di Monteverde vecchio dove facciamo colazione. Lui certe volte ha il pigiama sotto il cappotto. E passa Umberto Orsini e se ferma. E passa Gabriele Lavia e se ferma. E passa Nanni Moretti e non se ferma, anzi se mette con la mano in fronte per far vedere che non c’ha visto e che sta’ a pensa’ ai fatti suoi importantissimi e noi già l’avemo cioccato da lontano e facciamo sempre lo stesso commento, ‘è fatto così’"…

Condividi questo articolo
  • Video di Veronica Del Soldà per Dagospia

    La Roma vista Controvento di Fulvio Abbate

     

    Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

     

    Adele Sirocchi per www.ilsecoloditalia.com

    massimo marino e fulvio abbate massimo marino e fulvio abbate

     

     

    L’incanto della Roma dove ti imbattevi in Mastroianni è finito”. Lo ha detto lo scrittore Fulvio Abbate, presentando alla libreria Fandango il suo ultimo libro Roma vista controvento (Bompiani) con Carlo Verdone e Barbara Palombelli. Un dibattito che è andato avanti tra toni divertiti e malinconici, oscillando tra dichiarazioni d’amore per Roma e recriminazioni per la decadenza della città eterna.

     

    GRANDE BELLEZZA E GRANDE DECADENZA

    il momento del disturbatore il momento del disturbatore

    “Si scrive tanto di Roma – ha detto Verdone – si fanno film su Roma come La grande bellezza, ma Roma ormai è una salma, bisognerebbe che qualcuno torni a prendersene cura. Da dove viene tutta questa decadenza? Possibile che chiudono il teatro Eliseo e nessuno dice nulla, non si legge un articolo, tutti distratti, tutti muti…”.

     

    carlo verdone e barbara palombelli carlo verdone e barbara palombelli

    Colpa di una classe politica inadeguata – “c’è qualcuno che pensa solo ad andare in bicicletta…”, ha chiosato Barbara Palombelli alludendo al sindaco Marino – ma anche di quel senso di approssimazione e di incertezza che è un tratto tipico della romanità, che ti viene incontro fin dall’aeroporto di Fiumicino, dove – è scritto nel libro di Abbate – scorre il nastro del ritiro bagagli e tu sta lì a chiederti: arriverà mai la mia valigia?

     

    ROMA COME PUNTO INTERROGATIVO

    Ecco, Roma come punto interrogativo, ma anche come città che rappresenta un unicum da salvaguardare. “I romani – ha detto provocatoriamente Abbate – andrebbero pagati per non fare nulla, così avrebbero solo la missione di salvaguardare lo splendore che li circonda, io mi auto-assegnerei la sorveglianza del laghetto di Villa Borghese”. Roma è città di vita e di agonia, metropoli crepuscolare dove – ha scritto Filippo la Porta nel suo Roma è una bugia (Laterza) tutto parla di “una apocalisse continuamente rinviata”.

    eleonora giorgi eleonora giorgi

     

    LA FILOSOFIA DAVANTI AL CAPPUCCINO

    Ma Roma è anche una città dove la filosofia è alla portata di tutti, soprattutto nell’ora della colazione al bar. Dinanzi a cornetto e cappuccino tutto viene riportato alla misura umana troppo umana dei romani e della loro sapienza minimalista.

     

    carlo verdone e fulvio abbate carlo verdone e fulvio abbate

    Lo ha raccontato da par suo Carlo Verdone, narrando delle colazioni consumate al bar di Monteverde vecchio – dove abitano sia lui sia Fulvio Abbate – “Io Fulvio Abbate lo incontro al bar di Monteverde vecchio dove facciamo colazione. Lui certe volte ha il pigiama sotto il cappotto e prima mi intervista (per Telederruti, ndr) e poi parliamo. E passa Umberto Orsini e se ferma. E passa Gabriele Lavia e se ferma. E passa Nanni Moretti e non se ferma, anzi se mette con la mano in fronte per far vedere che non c’ha visto e che sta’ a pensa’ ai fatti suoi importantissimi e noi già l’avemo cioccato da lontano con la coda dell’occhio e facciamo sempre lo stesso commento, ‘è fatto così’…”.

    franco bechis franco bechis barbara palombelli (2) barbara palombelli (2)

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    AMERICA FATTA A MAGLIE - BETO O'ROURKE È L'ASTRO NASCENTE DEI DEM, IL PERDENTE DI SUCCESSO SCONFITTO DA TED CRUZ MA AMATO DAI GIORNALI CHE CONTANO. HA RACCOLTO UN MUCCHIO DI SOLDI, VA SULLO SKATE, SUONA LA CHITARRA, CORRE LE MARATONE - DIETRO DI LUI SI AGITANO L'ETERNA CLINTON, I VECCHIETTI BIDEN-BLOOMBERG-SANDERS, LE PASIONARIE TIPO KAMALA HARRIS, E IL MILIARDARIO ECOLOGISTA TOM STEYER, CHE HA SPESO CENTINAIA DI MILIONI CONTRO TRUMP ED È PRONTO A COMPRARSI UN POSTO SULLA SCHEDA DELLE PRIMARIE

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    viaggi

    salute