QUAL È IL DESTINO DELL'ITALIA ALL’INTERNO DELLO SCACCHIERE EUROPEO? MA SOPRATTUTTO: QUALE SARÀ IL FUTURO DELL'UNIONE? A QUESTE DOMANDE, SI È CERCATO DI RISPONDERE NELLA SEDE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA, LA NEONATA ASSOCIAZIONE IL TIMONE, PRESIEDUTA DA GIANCARLO CREMONESI

-

Condividi questo articolo

dsc 1715 dsc 1715

Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

C. Moz. per il Messaggero

 

Qual è il destino dell' Italia all interno dello scacchiere europeo? E in che modo vi si inserisce lo sviluppo nazionale, la crescita dei giovani, l' occupazione e il mondo delle imprese? Ma soprattutto: Quale sarà il futuro dell'Unione? A queste domande, si è cercato di rispondere nella sede della Camera di Commercio di Roma dove la neonata associazione Il Timone, presieduta da Giancarlo Cremonesi, ha chiamato politici, imprenditori ma anche uomini di cultura a dibattere dello stesso tema: cercare soluzioni concrete e realizzabili in un futuro prossimo.

dsc 1703 dsc 1703

 

Dall' utilizzo dei fondi europei all' approccio nei confronti dei dazi, dall' importanza di riportare politicamente l' Italia protagonista a Bruxelles alla necessità di rinegoziare i criteri per il trattamento dei migranti senza ledere il principio dell' accoglienza.

 

dsc 1683 dsc 1683

Soluzioni pratiche a problemi complessi che partendo dall' Unione europea hanno toccato anche il governo italiano e le condizioni della Capitale. A discuterne sotto la regia del vice direttore dell' Ansa, Stefano Polli sono stati Andrea Ronchi, già ministro per le Politiche comunitarie, Lorenzo Cesa eurodeputato del Ppe e Giuseppe Pecoraro, ex prefetto di Roma. Tra i presenti, anche Roberto Grappelli, ex Ad Atac e Nicolò Rebecchini, presidente Acer.

dsc 1697 dsc 1697 dsc 1680 dsc 1680 dsc 1695 dsc 1695 dsc 1713 dsc 1713

 

dsc 1674 dsc 1674 dsc 1677 dsc 1677 dsc 1679 dsc 1679

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute