A CLICHE’, CLICHE’ E MEZZO – FAUSTO LEALI DICE AL "GFVIP" CHE MUSSOLINI FECE TANTE COSE BUONE, IVA ZANICCHI A "POMERIGGIO 5" LO DIFENDE: "SI E’ ESPRESSO MALE MA QUELLO CHE HA DETTO LO DICONO IN MOLTI" - LUXURIA: “FAUSTO LEALI HA DETTO DEI FALSI STORICI MA MI PREOCCUPANO ANCHE I CONCORRENTI CHE HANNO ANNUITO”- E LA D’URSO BACCHETTA IL CANTANTE: “COME TI VIENE IN MENTE DI PARLARE DI HITLER E MUSSOLINI DOPO 24 ORE?" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Da liberoquotidiano.it

fausto leali fausto leali

 

Hanno fatto scalpore le parole di Fausto Leali su Benito Mussolini e Adolf Hitler al Grande Fratello Vip, il programma condotto da Alfonso Signorini su Canale 5. Ma in difesa del cantante ecco che si schiera Iva Zanicchi, ospite di Barbara D'Urso a Pomeriggio 5, sempre sulla rete ammiraglia Mediaset. "Si è espresso male. E poi quello che ha detto lui lo senti dire spesso e volentieri anche da tanta gente", ha minimizzato la Zanicchi. Per inciso, Leali aveva detto in buona sostanza che Hitler era un fan del Duce e che Mussolini inventò le pensioni e "fece tante cose buone".

d'urso zanicchi d'urso zanicchi

 

Contro Leali, però, si è schierata Vladimir Luxuria, ospite in collegamento: "Vero che la stazione di Milano è in stile fascista, ma da quella stazione partivano i treni che portavano gli ebrei dal campo di concentramento. Fausto Leali ha detto dei falsi storici che vanno chiariti. E mi preoccupano anche i concorrenti che hanno annuito", ha commentato. E di fatto anche la D'Urso ha preso le distanze da Leali: "Come ti viene in mente di parlare di Hitler e Mussolini dopo 24 ore?", ha tagliato corto la conduttrice.

mussolini hitler mussolini hitler fausto leali fausto leali fausto leali fausto leali fausto leali fausto leali iva zanicchi iva zanicchi fausto leali fausto leali

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute